divorzio congiunto

La fine del matrimonio

Sempre più spesso l'amore da solo non riesce a mantenere unita una famiglia che inevitabilmente si ritroverà ad avere delle importanti fratture. E' questo il caso del divorzio, quando diventa assolutamente impossibile riuscire a trovare quella serenità iniziale del matrimonio e l'unica soluzione possibile resta la separazione. In genere in passato, se i motivi erano di tipo caratteriale, si cercava di provare quasliasi tipo di soluzione per evitare il divorzio, ma ormai anche l'incompatibilità caratteriale è un motivo che scatena la fine del matrimonio. Che le cose siano cambiate rispetto al passato è piuttosto evidente, ma deve esserci come sempre il buon senso e a volte i due coniugi intenti a divorziare non sembrano metterlo tanto in pratica. Se ci sono motivi eclatanti, come atti di violenza, tradimenti, truffe e così via, il divorzio sembra essere quasi inevitabile, in altri contesti si può provare ad evitare di arrivare a tale conclusione. E' proprio per questo che la legge italiana punta sui tre anni necessari di separazione prima di poter effettivamente arrivare al divorzio. Si dà modo ai due coniugi di riflettere bene sulla scelta che stanno mettendo in atto, soprattutto se ci sono di mezzo dei figli.

La fine del matrimonio

L'obbligo di fedeltà coniugale in costanza di matrimonio nella separazione e nel divorzio. Cause e contenuti dell'addebito nella separazione

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,5€


Divorzio congiunto

Divorzio congiunto Dopo i tre anni di separazione è possibile quindi richiedere il divorzio, ma questo si distingue in due tipologie: il divorzio giudiziale ed il divorzio congiunto. Vogliamo proprio approfondire quest'ultimo caso per comprendere al meglio quali sono le caratteristiche che lo riguardano. Se il divorzio giudiziale è una pratica molto più lunga e faticosa da ottenere, nel caso del divorzio congiunto non è così. Alla base infatti c'è il classico accordo tra i due coniugi che evita di allungare i tempi del processo. E' come sempre difficile riuscire a seguire una stessa linea guida quando c'è di mezzo il divorzio, il più delle volte i due coniugi tendono praticamente a farsi la guerra, ma questo non solo comporta uno spreco di tempo notevole, ma soprattutto un massiccio consumo di danaro. Il divorzio congiunto può esemplificare queste conseguenze piuttosto negative per i due coniugi, accelerando non solo i tempi, ma di conseguenza evitando di ritrovarsi con le tasche svuotate dagli avvocati e dalle diverse pratiche.

  • divorzio Il divorzio è sempre più frequente tra le coppie moderne. Questo evento porta con è conseguenze devastanti, sia per i coniugi che per i figli. Questi ultimi, specie se piccoli, rischiano di subire le ...
  • Matrimonio e divorzio Il matrimonio è un vincolo sacro che unisce due persone per tutta la vita. Solitamente si tratta del punto di partenza di una nuova vita per le persone innamorate, coloro insomma che hanno intenzione ...
  • Fine del matrimonio Negli ultimi anni il matrimonio si è ritrovato ad essere più volte oggetto di fallimenti. Solitamente una coppia decide di sposarsi per poter costruire una famiglia basata sui sacri valori della relig...
  • Fallimento del matrimonio Non sempre una coppia innamorata riesce a restare unita per tutta la vita. Le promesse scambiate durante il giorno del matrimonio possono essere molto spesso infrante, causando inevitabilmente il fall...

Pohl Force{3025} spalle-sistema di trasporto per Kydex-divorziare

Prezzo: in offerta su Amazon a: 69€


Che cos'è il divorzio congiunto

Più nel dettaglio il divorzio congiunto può essere ammesso unicamente attraverso un comune accordo tra le due parti, ciò sta a significare che i coniugi intenti a divorziare abbiano già pattuito le divisioni patrimoniali e soprattutto deciso riguardo agli interessi ed ai diritti personali di ognuno. Se c'è anche la prole, chiaramente è necessario che in questo patto di non belligeranza, perché alla fine è di questo che si tratta, ci sia anche il comune accordo riguardo alla loro cura e tutela. Tutto ciò permetterà ai due coniugi di abbreviare i tempi del divorzio e di non trasformarlo nella sua parte giudiziale, molto più lunga e complessa. Come già accennato in prcedenza il divorzio congiunto può essere richiesto dai due coniugi dopo aver trascorso i tre anni di separazione legale obbligatoria dalla legge italiana. I tempi in questo caso si calcolano dal momento in cui i due coniugi si presentano di fronte al Presidente del Tribunale di competenza chiedendo tale separazione. Il divorzio congiunto però non è simile al divorzio breve, quest'ultimo in Italia non è stato ancora accettato del tutto, e vi sono sempre i tre anni di separazione da dover "scontare".


Separazione e divorzio congiunto

Un altro aspetto importante del divorzio congiunto, che differisce in questo dalla separazione, è che i due coniugi debbano spiegare con estrema chiarezza e precisione le condizioni in merito al patrimonio ed ai figli. L'accordo deve essere totale e soprattutto le motivazioni devono essere ben decise, sarà poi il Giudice a dare l'ultima parola soprattuto per quel che riguarda la tutela dei figli, capire insomma se le condizioni emesse dai due coniugi siano consone alla corretta educazione della prole. Come sempre sono i figli a dover essere maggiormente tutelati quando si parla di divorzio. Solitamente il divorzio congiunto è la chiara conseguenza della separazione consensuale, quando già all'inizio i due coniugi sono sicuri su come affrontare i temi caldi che riguardano patrimonio e figli. Prima però che il Tribunale dia il consenso al divorzio conginuto, come sempre il Giudice cerca di chiedere nuovamente ai due coniugi se ci sono dei ripensamenti. Quasi mai però, arrivati al momento del divorzio, c'è la voglia di ricongiungersi e lasciar perdere il tutto. Sicuramente la strada del divorzio congiunto è quella più semplice da percorrere, se si ha intenzione di far cessare tutte le promesse scambiatesi durante la funzione religiosa o civile del matrimonio, è bene poter puntare siu questo tipo di percorso, evitando molti grattacapi piuttosto negativi e stressanti. Si vivrà in questo modo anche con più armonia un momento di fallimento per la coppia, i figli avranno modo di avere comunque al loro fianco genitori sereni e non presi dalle continue liti che caratterizzano soltamente i vari divorzi.




COMMENTI SULL' ARTICOLO