dieta atkins

Informazioni sulla dieta atkins

La dieta atkins prende il nome dal suo ideatore il dottor Robert Atkins che ha studiato un modo per ridurre il peso che si basa sulla riduzione al minimo del consumo di carboidrati e che egli stesso ha sperimentato intorno agli anni Settanta per perdere peso. In origine si affidò ad una dieta che una rivista riportava nel dettaglio e ne modificò degli aspetti fino a condurre degli studi per formulare un proprio regime dietetico per fornire le basi di uno schema utilizzabile da chi volesse perdere peso. La dieta atkins si è sviluppata prima negli Stati Uniti e dopo il successo riscontrato si è diffusa anche in Europa. Questo tipo di dieta punta sulla diminuzione dei carboidrati e sull’assunzione di grassi e proteine per adempiere al fabbisogno energetico quotidiano. In questo modo si costringe il nostro corpo ad andare a scindere i grassi per ricavare energia e non come per i carboidrati che invece sono energia pura. La dieta atkins porta ad una perdita di 2/3 chilogrammi già nella prima settimana in cui si assumono principalmente grassi e proteine senza alcun limite, anche se c’è da aggiungere che con grassi e proteine si è subito sazi. Bisogna ovviamente seguire lo schema dietetico proposto per associare gli alimenti e seguire le quattro fasi della dieta stessa
perdere peso

Earths Design Aloe Vera, integratore ultra potente per perdere peso e dimagrire, ripulisce ed elimina le tossine dal tratto digestivo, ripara ed idrata la pelle, 6000mg, 120 capsule

Prezzo: in offerta su Amazon a: 20,01€


Critiche sulla dieta Atkins

dieta e bilancia Le critiche su questa dieta provengono proprio dalla base della dieta che consiste nel pensare che togliendo i carboidrati al nostro organismo, questo si trova nelle condizioni di dover ricevere energia dai grassi accumulati e dalle proteine assunte. Ma, se è vero che l’assunzione di pochi carboidrati porta il nostro organismo a prendere energia anche dai grassi, si è evidenziato che un aumento di grassi e proteine rispetto ai carboidrati porta ad uno squilibrio metabolico, nonché ad un abbassamento di glucosio nel sangue. Ne risulta che questo tipo di dieta, come anche le altre, vanno seguite sotto il controllo medico ed effettuando i periodici controlli sulla salute. La dieta atkins può essere seguita da chiunque voglia perdere peso, ed in particolare alle persone che sono in sovrappeso. Ricordiamo che lo stesso ideatore , Robert Atkins, ne ha formulato lo schema per perdere i suoi tanti chili di troppo. Non è adatta assolutamente ai bambini in sovrappeso, che oltre ad avere bisogno di tutti i nutrienti per la crescita, non dovrebbero assolutamente sviluppare l’idea che non mangiando un determinato alimento si dimagrisce e mangiando solo proteine si perde tanto peso.

    Vegavero Papaina - 500 mg- 120 capsule | Papaya fermentata| Integratore alimentare per il sistema immunitario, metabolismo, digestione | Senza lattosio e glutine

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,9€
    (Risparmi 4€)


    Le fase di approccio della dieta atkins

    La dieta atkins si suddivide in quattro fasi in cui sono dettati gli alimenti da poter consumare e quelli da evitare. Si inizia con un’induzione alla perdita di peso in cui si porta l’organismo a bruciare i grassi e poi si continua con la perdita di peso nelle fasi successive e infine si passa al mantenimento e all’integrazione di altri principi nutritivi che servono per riportare l’equilibrio nell’alimentazione post dieta. La prima fase si chiama fase di attacco o di approccio con la quale si va a diminuire l’assunzione di carboidrati per abituare l’organismo all’assunzione di proteine e grassi. Si possono consumare solo 20 grammi di carboidrati al giorno e quindi bisogna calcolare bene quanti carboidrati ci sono in un quantitativo di pasta , pane, riso e altri elementi che quotidianamente usiamo per introdurre carboidrati nel nostro organismo. Ovviamente uno schema può aiutare a calcolare i carboidrati e ad associare gli alimenti. Bisogna anche evitare le verdure e la frutta che contengono carboidrati come carote, peperoni, cavoletti di Bruxelles, zucca, banane, lamponi, fichi, uva e pesche. Possono essere assunti i carboidrati che derivano da pomodori, lattuga, broccoli, cavolfiore e altre verdure che non ne contengono molti, mentre si possono consumare senza limitazione la carne, le uova e i latticini che costituiscono una fonte di proteine allo stato puro. Si può iniziare la colazione con delle uova e della pancetta per esempio e continuare con uno spuntino di carne o con un budino senza zuccheri e per pranzo carne e/o latticini così come per la cena, sempre distribuendo i grammi di carboidrati tra le verdure che vengono associate alla carne.


    Le altre fasi della dieta atkins

    Dopo la fase di approccio, nella quale è possibile arrivare a perdere anche 4 chilogrammi in una settimana, si passa alla seconda fase nella quale si perdono meno chili ma sempre fino a 5 – 6 chilogrammi in un mese. Molto dipende dal tipo di metabolismo e dalle attività svolte da chi segue la dieta. Si aggiunge un leggero apporto glicemico per evitare disastrose conseguenze per l’organismo in seguito ala brusca riduzione di glucosio nel sangue e si aumentano 5 grammi di carboidrati per ogni settimana. La durata precisa di questa fase non c’è perché bisogna seguire lo schema e aspettare di continuare a perdere peso fino ad arrivare a quasi 5 chilogrammi dal peso forma stabilito. Dopo la fase di perdita di peso si passa alla fase di mantenimento con la quale si aggiungono 10 grammi di carboidrati fino al mantenimento vero e proprio che inizia raggiunto il peso desiderato e con il quale si iniziano ad aggiungere man mano gli altri alimenti prima vietati.




    COMMENTI SULL' ARTICOLO