dorso

Nuoto: stile dorso

Il nuoto è da sempre apostrofato come lo sport più completo fra tutti. Il corpo è completamente immerso nell’acqua e con questa diventa un tutt’uno attraverso la sincronia dei movimenti che il nuotatore effettua fendendola, solcandola, carezzandola. E’ uno sport che si declina in diversi stili che coinvolgono tutta la muscolatura del corpo, in particolare gli arti inferiori e superiori. Il dorso è una di queste particolari declinazioni. Non è solo un modo di nuotare, puro e semplice. E’ uno stile preciso del nuoto che richiede un’armonia totale tra gli arti e un sincronismo esatto. Il dorso viene comunemente definito da molti come lo stile più semplice; solitamente ci si approccia al nuoto con questo tipo di nuotata, ma ciò non lo esula da particolari difficoltà che a questo stille sottendono che vengono ampiamente superate solo con il tempo e con l’abilità di conoscere il proprio corpo e i proprio stile. L’affinamento di questo stile avviene con il tempo e con l’esperienza.
dorso

Esselte Raccoglitore a 4 anelli personalizzabile, Per presentazioni, Formato A4 maxi, Dorso 9 cm, Polipropilene, Blu, Essentials, 49718

Prezzo: in offerta su Amazon a: 5,76€


Come si nuota in questo stile

Nel dorso, si nuota con il viso rivolto verso l’alto, di conseguenza, rispetto agli altri stili, la respirazione è favorita ampiamente. Il corpo deve trovarsi in posizione orizzontale rispetto all’acqua; le gambe restano distese esattamente come le braccia. Il capo invece è fermo e lo sguardo è tendenzialmente rivolto in alto. Le gambe danno la spinta e favoriscono l’avanzata, per cui è importante che restino ben salde e che si muovano sincronicamente durante la nuotata. I piedi devono restare dritti, come se si stesse ballando sollevandosi sulle punte. In questo modo i muscoli delle gambe saranno maggiormente tesi e si eviterà uno spreco di energia nei movimenti. Le gambe devono muoversi velocemente effettuando affondi nell’acqua di circa quaranta centimetri. I movimenti devono essere veloci ma non convulsi. E’ importante che le gambe siano sempre in armonia con le braccia. Non devono inoltre superare il pelo dell’acqua, infatti né i piedi né le ginocchia devono fuoriuscire.

    Augusta, Sega a dorso regolabile, 250 mm, per tagli obliqui legno, 2137 250 AMA

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,95€
    (Risparmi 2,5€)


    Il sincronismo del corpo

    Tutto si svolge sotto il pelo dell’acqua, anche se si ha la tendenza a sollevare le ginocchia verso l’alto. Le braccia, in questo stile hanno un’importanza fondamentale, poiché danno una spinta superiore rispetto alle gambe. Le bracciate devono essere precise e veloci. Il braccio durante la fase di sollevamento deve essere teso, il palmo della mano invece, deve rivolgersi all’esterno. Durante la bracciata, il braccio deve sfiorare la testa e l’orecchio, per poi affondare la mano nuovamente nell’acqua. Le braccia si alternano. Mentre la destra sale la sinistra scende e viceversa. La spinta viene data nell’acqua ed è detta anche trazione. La frustata, ovvero il movimento del braccio fuori dall’acqua, serve solo per il sincronismo del movimento stesso.




    COMMENTI SULL' ARTICOLO