parto naturale

Gravidanza e parto

La gravidanza è la fase più bella per una donna, qui il corpo subisce delle trasformazioni per dare alla luce un nuovo essere umano. Nove mesi in cui la donna inizia a prepararsi per il grande il giorno, quando il bambino deciderà di uscire dalla propria pancia ed iniziare in questo modo una nuova vita. La fase finale quindi della gravidanza è il parto, è qui che la donna deve essere lucida, ma soprattutto serena per affrontare questo passo così importante per la sua vita e quella del suo futuro bambino. E' proprio del parto naturale che vogliamo parlare, capendo così cosa accade in questa fase finale della gravidanza, quando ormai il feto è pronto a lasciare l'utero della madre. E' solitamente sempre meglio affidarsi ad un parto naturale, anche se in alcuni casi molte donne non sono in grado di lottare a fondo per la nascita del loro bambino e preferiscono quindi sottoporsi ad un'operazione chirurgica, il classico parto cesareo. In realtà quest'ultimo deve essere considerato l'ultimo passaggio utile, quando insomma il parto naturale non sembra poter andare a buon fine per diverse complicazioni. A tal punto l'unica soluzione resta il parto cesareo per evitare problemi alla madre e al piccolo.
gravidanza

Travaglio e parto senza paura. Comprendere la funzione del dolore e alleviarlo con i metodi naturali

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,05€
(Risparmi 1,95€)


Parto naturale

parto naturaleSenza però alcun tipo di complicazioni si punta solitamente sul parto naturale e vediamo come esso si struttra, cosa accade insomma al bambino e soprattutto al corpo della donna nel momento del parto naturale. Quand'è innanzitutto che si inizia a capire che il momento del parto sta per arrivare? Il segnale arriva dallo stesso organismo della donna, in effetti è importante capire come la data che il ginecologo pronostica non per forza è quella giusta, può insomma capitare che il bambino nasca qualche giorno prima o qualche giorno dopo. Bisogna a tal proposito affidarsi ad alcuni segnali che il corpo invia, solitamente sono dei piccoli dolorini simili a quelli che compaiono durante il ciclo mestruale. Questa fase, detta prodromica, è caratterizzata da questi piccoli dolori, da perdite di muco, ma soprattutto dalla sensazione di peso sulla parte inferiore dell'addome, qui in poche parole il feto sta spingendo una pressione maggiore verso la fine del canale uterino. E' attraverso la perdita del tappo mucoso che in poche parole si apre la zona del collo dell'utero, quella che precedentemente era stata isolata dall'ambiente esterno. In questo caso può anche capitare che questo tappo mucoso porti a delle perdite di sangue piuttosto rosacee, il che indica come l'utero stia iniziando a dilatarsi, pronto insomma per il parto naturale.


  • gravidanza Il parto è uno dei momenti più importanti nella vita di una donna. Esso è la fine del percorso della gestazione che contribuisce all’intensificazione del legame tra madre e figlio. Il legame materno, ...
  • La tipiche macchie rosse della scarlattina La scarlattina è una delle classiche malattie esantematiche dei bambini che si distingue dalle altre per essere causata da un batterio invece che da un virus. L'agente infettivo è lo streptococco beta...
  • Pancione gravidanza La gravidanza è il momento più importante nella vita di una donna. Esistono però alcune regole da osservare per riuscire ad affrontare il periodo della gestazione in maniera serena e tranquilla. Aspet...
  • gravidanza Per una donna la gioia più grande è poter diventare mamma, ma il processo che porta alla nascita di un figlio non è come fare una passeggiata. Durante insomma la gravidanza la donna sarà sicuramente f...

Siamo nati in casa. Parto naturale ed energia femminile

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,05€
(Risparmi 1,95€)


Travaglio

Si entra in questo caso nella fase del travaglio, quando fenomeni meccanici e dinamici preparano l'organismo all'espulsione del feto. Solitamente ci si rende conto che sta arrivando il momento del parto naturale attraverso le contrazioni, ma non sempre bisogna recarsi subito in ospedale. La fase di travaglio inizia quando le contrazioni diventano molto più forti e frequenti e durano di più. Nel periodo precedente può capitare di ritrovarsi con qualche contrazione, ma se durano poco e soprattutto avvengono in maniera sporadica significa che ancora non è arrivato il momento del parto naturale. Durante il travaglio si distinguono in modo particolare tre stadi: una prima fase, detta dilatante, che va dall'inizio del travaglio fino alla dilatazione della cervice; una seconda fase, detta espulsiva, che porta dalla totale dilatazione all'espulsione del feto; terza fase, secondamento, si va dal parto all'espulsione della placenta. Si capisce quindi che è iniziata la fase del travaglio quando le contrazioni si manifestano ad un cinque minuti l'una dall'altra e durano più di quaranta secondi. Chiaramente anche i dolori, simili a quelli del ciclo mestruale, si presentano molto più forti.


Le tre fasi del parto naturale

Durante le contrazioni praticamente l'utero, attraverso i muscoli superiori, spinge il bambino sempre più verso l'esterno. Si tratta di movimenti che non possono essere controllati dalla donna, sono contrazioni spontanee che però necessitano di una spinta addominale notevole per poter portare a termine il loro lavoro e quindi arrivare all'espulsione del feto. E' nella prima fase del travaglio che queste contrazioni diventano sempre più forti, finché poi non si arriva alla dilatazione totale della cervice, l'utero insomma inizia a preparare insieme alla vagina la fase dell'espulsione. Questo periodo del parto naturale può durare anche molte ore, soprattutto nelle donne che si ritrovano al primo figlio, qui possono passare anche sei ore prima che il bambino nasca. La fase espulsiva dura dai trenta minuti ad un massimo di due ore, qui la donna inizierà a sentire una forte spinta che arriva dal feto, le testa arriva praticamente alla vagina. Qui poi attraverso le spinte della donna, che devono avvenire durante proprio le contrazioni e l'aiuto del ginecologo o dell'ostetrica, il bambino arriverà finalmente alla nascita. Nell'ultima fase invece la placenta sarà espulsa, questo perché l'utero, che ha cambiato forma senza più la presenza del bambino, non riuscirà più a trattenerla. Queste sono le fasi più importanti che avvengono durante il parto naturale.




COMMENTI SULL' ARTICOLO