Occhi da curare con la chirurgia estetica

Ciascun individuo ha uno sguardo differente, un pò come accade con le impronte digitali. L'espressione del proprio volto sono un segno tangibile del nostro vissuto, il quale racchiude tutte le nostre emozioni e sensazioni. Attraverso lo sguardo si può capire lo stato d'animo di chi abbiamo di fronte, ci permette di intuire se la persona con la quale ci stiamo rapportando è sincera. Dagli occhi comunichiamo le paure ed il nostro passato. Gli occhi parlano e tradiscono le nostre emozioni. Se prendiamo in considerazione gli occhi di una madre, trasmettono la gioia e l'amore pure verso il proprio figlio; così come gli occhi del padre, che comunicano coraggio, rassicurazione. Infatti attraverso lo sguardo attento dei genitori il bambino sa di esistere, ovvero sa che occupa un posto nel mondo; non a caso, uno dei compiti più difficili per un genitore è il saper ascoltare il proprio figlio attraverso lo sguardo.Esistono vari tipi di espressioni che un volto può assumere, ... continua

Articoli su : Occhi


  • Astigmatismo ipermetropico

    Occhiali per astigmatismo ipermetropico L’astigmatismo ipermetropico è un disturbo visivo che può essere corretto con interventi laser, ottenendo così la vista perfettamente pulita e nitida.
  • Cataratta giovanile

    Cataratta La cataratta giovanile consiste nella opacizzazione del cristallino. La patologia si manifesta negli anziani, ma colpisce anche i giovani.
  • Diottria

    Percorso luce lente La diottria è l'unità di misura del cristallino, la lente del nostro sistema ottico: l'occhio. Una sua anomalia porta a difetti di vista anche importanti.
prosegui ... , i quali, a loro volta, indicano i diversi stati d'animo di un individuo. Uno sguardo gioviale indica un cambiamento interiore, una sensibilità e empatia maggiore verso il prossimo; l'individuo si rapporta positivamente nei confronti del mondo che lo circonda e mostra una maggiore disponibilità. Coloro i quali hanno sempre lo sguardo verso il basso, solitamente sono persone timide e trasmettono emozioni negative; questo tipo di sguardo è tipico sia delle situazioni d'imbarazzo sia di disgusto e si tenderà o ad evitare o a spostare il contatto visivo. Secondo Paul Ekman, psicologo statunitense del novecento, esistono dei movimenti tipici facciali che identificano le principali emozioni, ovvero la felicità,sorpresa, paura, tristezza, collera, disgusto. Quindi, l’Espressione del volto e lo sguardo possono raccontare la vita stessa di una persona in modo immediato, senza l'ausilio delle parole. Come abbiamo visto, la principale funzione dello sguardo è quella di trasmettere emozioni, che possono essere più o meno intense. Durante un dialogo, ricevere uno sguardo è fonte di soddisfazione, cioè è un motivo in più per capire se l'interlocutore ci sta ascoltando o meno. Una conversazione è caratterizzata da diverse fasi. Inizialmente, lo sguardo dell'interlocutore è distolto dall'ascoltatore perchè intenzionato a proseguire il discorso; nel momento in cui decide di cedere il proprio turno, l'interlocutore tende lo sguardo verso l'ascoltatore. Lo sguardo può avere una funzione seduttiva: ce ne accorgiamo quando le pupille sono dilatate, perchè indicano un'attrazione sessuale incontrollata. Uno sguardo fisso comporta,il più delle volte, situazioni di disagio e può essere avvertito come un pericolo. Nel caso in cui si è in intimità, il contatto visivo prende il sopravvento sulle parole e si può notare come gli sguardi diventano più frequenti; avviene diversamente durante le attività competitive, dove si cerca di aumentare la distanza fisica.