Rughe da prevenire

Tecnicamente si definisce ruga tutto ciò che si differisce dalla pelle liscia di un bambino. Non a caso la ruga si presenta con un solco scavato nella cute. La ruga che si manifesta in età giovanile è considerata una fonte di stress per la donna, come un inestetismo che va a attenuato o meglio ancora, prevenuto. Solitamente le rughe cominciano a comparire intorno ai 25 anni, e possono interessare varie zone del viso, vale a dire le palpebre, i lati della bocca, in prossimità del naso. La comparsa delle rughe può essere legata all’avanzare dell’età o ad una eccessiva sollecitudine dei muscoli facciali (rughe da espressione). Particolari tipi di rughe si vengono a formare durante il sonno e vengono definite linee da posizione, come quelle che compaiono dopo aver assunto una posizione d’appoggio laterale.Le pieghe di espressione si differiscono da quelle di senescenza proprio perché interessano la parte superficiale della cute, ... continua

Articoli su : Rughe


prosegui ... , ovvero l’epidermide. Alcuni atti involontari, come l’ammiccamento degli occhi e l’avvicinamento delle sopracciglia alla base del naso, determinano tali pieghe, che sono il risultato di un’eccessiva e abituale contrazione muscolare. Le rughe di espressione spesso sono identificabili come segno di ansia, preoccupazioni, forti emozioni, schoc, momenti negativi Le rughe di vecchiaia, invece, sono dovute alla perdita di elasticità della cute e possono così profonde da interessare il derma. La perdita di elasticità è fisiologica, ovvero tutte le donne vanno incontro, prima o poi, alla senescenza cutanea. Questo tipo di pieghe è ben evidente nel volto nei soggetti anziani e si presenta come caduta della cute secondo la forza di gravità; la massa muscolare si rilassa e il tessuto adiposo si riduce. La comparsa delle rughe può essere attenuata mediante l’utilizzo di prodotti specifici che agiscono come coadiuvanti, impedendo la perdita di elasticità e di disidratazione tipico delle persone anziane. Inoltre è importante evitare l’esposizione prolungata al sole e ai raggi artificiali provenienti da lampade ad ultravioletti, che danneggiano lo stato di integrità cutanea; infatti l'esposizione della pelle alla luce dei raggi ultravioletti UV possono contribuire per circa i 2/3 all'invecchiamento dello stato della pelle. Ad ogni modo, nel caso di esposizione ai raggi solari, si consiglia di utilizzare un’adeguata crema protettiva in grado di contrastare l’ipercheratosi e un precoce invecchiamento della pelle. Il danno più grave in assoluto è la possibile comparsa di tumori, i cosiddetti tumori della pelle, e quello più frequente è il basalioma.