Dolori ai piedi

Il piede è un apparato complesso dell'organismo umano, anche se non sembra all'apparenza: infatti, è formato da 100 muscoli, 26 ossa e un gran numero di legamenti e tendini. Quando insorgono dolori ai piedi, il disturbo può avvenire a causa di tanti fattori interni e/o esterni che interagiscono tra loro. La stessa struttura e la funzione dei piedi sono i responsabili dell'importanza che bisogna dare a questo tipo di dolori: i piedi, infatti, non sono il mezzo di mobilità fondamentale, ma sorreggono anche il corpo di una persona. Per questo non si deve trascurare o sottovalutare i disturbi che li affliggono. In genere ci si rivolge al proprio medico per la diagnosi dei problemi più gravi, ma esistono anche esercizi di stretching che aiutano ad attenuare questo genere di disturbi. Inoltre, una volta individuati i sintomi e le cause, basta modificare le abitudini comportamentali sbagliate per risolvere in parte il disturbo.

Esistono numerose cause dei dolori ai piedi che vanno dalla fascite plantare all'alluce valgo, ... continua


Articoli su : Dolori ai piedi


1          ordina per:  pertinenza   alfabetico   data  
    • Talloniere in silicone

      dolore al tallone I piedi, che reggono il fisico e ospitano molte ghiandole regolatrici della temperatura corporea, possono essere aiutati dalle talloniere in silicone.
    • Benefici riflessologia plantare

      Massaggio dei piedi. I benefici della riflessologia plantare riguardano la stimolazione dell'autoguarigione tramite un massaggio olistico dei piedi.
    • Borsite calcaneare

      ossa del piede La borsite calcaneare è una patologia infiammatoria della zona posteriore e inferiore del tallone detta borsa sierosa. E' dolorosa e limitante.
    • Borsite tallone

      Borsite del tallone La borsite tallone è un'infiammazione della borsa sierosa sottocutanea fra il tendine ed il calcagno. Provoca dolori intensi, gonfiore e rossore.
    • Dolore al piede

      corretto riposo piedi Il dolore ai piedi è fonte di fastidi e disagi soprattutto se si ha una vita molto attiva, l'infiammazione può colpire la pianta, il tallone o le dita
    • Massaggio plantare

      Alleviare il dolore ai piedi Le origini del dolore ai piedi possano essere frutto di una cattiva deambulazione e anche di una errata postura, o traumatiche derivanti da fratture.
    • Metatarsalgia da sovraccarico

      Pianta del piede La metatarsalgia da sovraccarico è dovuta all’eccessivo peso del corpo sull’avanpiede. Camminare, correre e saltare peggiorano il sintomo.
    • Piede piatto

      Il tipico piede piatto Il piede piatto è privo di arco plantare ma di solito non dà sintomatologia dolorosa. In bambini e neonati è normale e spesso non richiede terapie.
    • Piedi gonfi cause

      cause piedi gonfi Non bisogna dimenticare che tra le principali cause dei piedi gonfi c'è l'accumulo di liquidi in eccesso, che può ostacolare la circolazione venosa.
    • Plantare per piede piatto

      Caratteristico piede piatto L'arco del piede del bimbo piccolo non sempre è visibile, se non si concretizza con la crescita si può intervenire con un plantare per piede piatto.
    • Riflessologia

      Schema della riflessologia plantare I massaggi esercitati su pianta del piede e dita, fanno parte di una serie di azioni combinate che la riflessologia sfrutta per dare benessere.
    • Riflessologia plantare

      Digitopressione nella riflessologia plantare La riflessologia plantare agisce su punti della pianta del piede, stimola la funzionalità di vari organi e allevia vari disturbi fisici e psicologici.
    1          ordina per:  pertinenza   alfabetico   data  
      prosegui ... , dagli speroni calcanei alla metatarsalgia. Nel primo caso i dolori (che interessano l'area dei talloni) sono dovuti all'infiammazione della fascia plantare, cioè la banda di tessuto duro che unisce il tallone alle dita del piede. È originata dal piede piatto oppure dalla poca estendibilità del tendine d'Achille e può manifestarsi dopo aver sottoposto il piede ad una sollecitazione eccessiva (ad esempio, dopo una corsa). In questo caso, si deve curare l'infiammazione sia rimanendo a completo riposo per almeno sei settimane che praticando esercizi di stretching pensati specificatamente per i talloni. Ad esempio, si consiglia di afferrare da terra con le dita del piede una matita (oppure delle palline di vetro) e trattenerla camminando sui talloni. Un altro esercizio è quello di camminare per alcuni minuti sul bordo esterno del piede.

      Per quanto riguarda l'alluce valgo, i dolori ai piedi sono originati spesso dalle scarpe inadeguate a causa della presenza di una protuberanza ossea alla base dell'alluce. In caso di problemi gravi l'unica soluzione è un intervento chirurgico. Molto comuni sono gli speroni calcanei, che interessano i talloni: a causa dell'adozione di scarpe sbagliate o di una cattiva postura si formano nel basso tallone neoformazioni di osso, che creano problemi nel camminare. I rimedi prevedono un periodo di riposo e l'utilizzo di scarpe adeguate, magari assumendo antidolorifici da banco.

      Infine, si deve fare attenzione a come si cammina: se le punte dei piedi sono inclinate verso l'esterno, il disturbo è chiamato piedi a papera; se invece sono inclinate verso l'interno, è chiamato piedi a piccione. In entrambi i casi, anche se la persona trova questa posizione comoda, non si utilizzano in maniera adeguata le ossa, i muscoli e i tendini, finché non si crea un cattivo allineamento plantare. Quest'ultimo non causa solo dolori ai piedi, ma anche alle gambe, alle ginocchia e alla schiena.

      Bisogna ricordare, tuttavia, che esistono numerosi esercizi che permettono di alleviare fitte e crampi ai piedi. Uno di questi metodi prevede di correggere le posizione allineando i piedi su una superficie dritta (il pavimento, un tappetino da ginnastica) e rivolgendoli in avanti: all'inizio questa posizione sembrerà strana, ma è un buon esercizio per aiutare a correggere la postura nella vita quotidiana. Allo stesso modo, aiuta camminare scalzi con i piedi allineati: servirà ad allenare i piedi e ad allungare i muscoli. Nel settore dello stretching vero e proprio, vi sono gli esercizi per le gambe (divaricate oppure stese) e per le dita dei piedi. Per lo stretching con le gambe divaricate ci si deve stendere sulla schiena e distendere le gambe a V, rimanendo in posizione: l'esercizio serve soprattutto per allungare i muscoli dell'interno coscia e per migliorare la situazione degli archi plantari. Se invece i dolori ai piedi sono accompagnati da gonfiore, si consiglia di stendersi con le gambe flesse sul torace. Per quanto riguarda lo stretching con la gamba stesa, bisogna sedersi tenendo i piedi appoggiati al muro e le gambe dritte, tenendo un cuscino sotto i glutei. Quindi si devono effettuare dei piegamenti con la schiena dritta, tenendo la posizione per 10 secondi: si consiglia di alternare 3 ripetizioni a un riposo di 10 secondi.