Parto eutocico

Gravidanza

La gravidanza costituisce un periodo di grande cambiamento per il fisico di una donna. Inevitabilmente ci si ritroverà ad accumulare peso e soprattutto la pancia lieviterà a vista d'occhio. Notevoli saranno anche gli sbalzi d'umore, qui gli ormoni si ritroveranno in una fase di grande cambiamento e sarà alquanto normale e comune ritrovarsi con una voglia di piangere senza alcuna motivazione. La gravidanza però non deve essere vista come una malattia, molto spesso le donne gravide si sentono giudicate come delle malate, ciò è un errore alquanto comune che commettono le varie persone. Sicuramente una donna incinta deve inevitabilmente essere più attente a degli sforzi fisici e anche all'alimentazione, ma può continuare liberamente a vivere la sua vita in modo tranquillo. Chiaramente se la gravidanza è a rischio bisogna prendere tutte le dovute precauzioni del caso, a tal proposito sarà poi il vostro ginecologo a guidarvi nei mesi di gestazione del feto.

Gravidanza

Banda Premamá FEOYA Fascia Di Maternità del Ventre Cintura Funzionale Moldeadora Fermo Sostegno Postparto Per Allattamento Donne-Free Size

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,99€


Parto eutocico

Parto eutocico Il momento più difficile di una gravidanza è sicuramente il parto, qui ormai la medicina ha fatto passi da gigante, ma esiste pur sempre una minima percentuale di pericolosità durante il parto. Siamo abituati a sentir parlare principalmente di due tipi di parto, quello naturale e quello cesareo. Nel primo caso però può esserci un'altra definizione, un termine tipicamente scientifico. Il parto naturale è spesso definito parto eutocico. Vogliamo a tal proposito approfondire in modo particolare il parto eutocico. Non è un termine utilizzato molto spesso in gravidanza, almeno dalla gente comune, ma è bene fare chiarezza sul parto eutocico. La definizione specifica di tale termine è alquanto semplice da comprendere, si parla di parto eutocico quando il feto e i vari annessi fetali sono espulsi in maniera assolutamente naturale attraverso il canale vaginale, senza quindi l'aiuto di alcun tipo di strumento. In realtà però il parto naturale non è solamente eutocico, può capitare ad esempio di dover invogliare il feto ad uscire in maniera naturale dalla vagina, in questo caso quindi si parla di parto distocico.

  • Pancione gravidanza La gravidanza è il momento più importante nella vita di una donna. Esistono però alcune regole da osservare per riuscire ad affrontare il periodo della gestazione in maniera serena e tranquilla. Aspet...
  • gravidanza Per una donna non c'è niente di più bello che diventare mamma. La natura permette alla donna di dare la vita con l'aiuto dell'uomo. E' sicuramente il momento più importante per qualsiasi essere umano,...
  • gravidanza Per una donna la gioia più grande è poter diventare mamma, ma il processo che porta alla nascita di un figlio non è come fare una passeggiata. Durante insomma la gravidanza la donna sarà sicuramente f...
  • nascita bambino Un uomo ed una donna quando si amano danno alla luce un bambino. Questo concetto prettamente sentimentale fa comprendere come la nascita di un figlio sia data dall'unione tra due persone di sesso diff...

RelaxMaternity 5710 (Bianco, XXL) reggiseno allattamento smart modellante contenitivo post-parto

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,54€
(Risparmi 6,96€)


Parto distocico

parto Non per forza si fa riferimento ad un parto cesareo, esistono varie tecniche attraverso le quali è possibile facilitare l'espulsione del feto in maniera naturale, ma in questo caso non si può parlare di parto eutocico. Quest'ultimo avviene quindi spontaneamente, la donna insomma si ritroverà semplicemente a dover spingere, senza alcun tipo di complicazione. Questo dovrebbe essere anche il parto naturale per eccellenza, ma non sempre l'espulsione avviene con tale semplicità e i medici devono necessariamente lavorare al fine di garantire salute alla madre e al bambino. Solitamente quando subentrano delle complicazioni, non si riesce quindi a dar vita ad un parto eutocico, ci si aiuta con la classica ventosa che aderisce sulla testa del bambino, praticando una pressione molto dolce. E' uno dei metodi più usati per agevolare il parto naturale, ma qui si parla più precisamente di parto distocico.


Quattro fasi del parto eutocico

Quando però non subentra alcun tipo di complicazione, il parto eutocico solitamente segue delle fasi ben distinte che sono quattro. Vi è inizialmente la fase prodromica, poi quella dilatante, entrambe costituiscono il cosiddetto travaglio. Subentrano a tal proposito altre due fasi come quella espulsiva e il secondamento, si arriva quindi alla nascita del bambino con la conseguente espulsione della placenta. Cosa accade durante il travaglio? Qui la donna gravida inizierà ad avvertire delle contrazione che saranno dapprima molto sporadiche per poi intensificarsi nel momento in cui il parto eutocico si avvicina. La cervice uterina con il passar delle ore tenderà sempre più a dilatarsi, questo perché dovrà agevolare il passaggio del feto. Le contrazioni in seguito diventeranno sempre più frequenti ed intense, qui il dolore sarà forte, ma sopportabile in quanto la donna inizierà praticamente ad abituarsi allo sforzo a cui andrà incontro. Si arriva poi al momento della dilatazione completa, solitamente deve essere di dieci centimetri, qui la donna avvertirà, in concomitanza con le continue contrazioni, l'impulso di spingere. Durante quindi il parto eutocico tale espulsione avviene in modo del tutto naturale, la donna si ritroverà con un po' di sforzo a far nascere senza alcun problema il bambino.


Gravidanza nullipara o pluripara

nascita C'è una differenza sostanziale tra le nullipare, donne alle prese con la prima gravidanza, e le pluripare, coloro che invece hanno già affrontato precedenti gravidanze. Si tratta del tempo, nel primo caso si può impiegare anche sei ore e più affinché le quattro fasi del parto eutocico arrivino alla loro conlusione. Nel secondo caso invece il tempo impiegato per il parto può essere intorno alle due ore e mezza. Per quel che riguarda la rottura spontanea delle membrane amniotiche, la classica rottura delle acque, essa può avvenire prima, durante oppure al termine del travaglio, è importante però che il liquido perso sia limpido, se invece presenta un colore torbido o scuro significa che c'è stata sofferenza fetale e in questo caso saranno i medici a prendere subito in considerazione il da farsi per salvare il piccolo.




COMMENTI SULL' ARTICOLO