carenza ferro

Carenza di ferro

L’anemia è una patologia che si manifesta in correlazione ad un disturbo, la carenza di ferro. Suddetto minerale, è contenuto nel sangue, dove svolge la specifica funzione di trasporto della molecola di emoglobina, che favorisce a sua volta, il trasporto dell’ossigeno nei vasi sanguigni. Il ferro, viene assorbito dall’intestino, in maniera direttamente proporzionale al fabbisogno stesso imposto dall’organismo. Il minerale, viene assorbito mediante l’alimentazione e dunque, mediante alcuni cibi come le carni ed i legumi. Il fabbisogno giornaliero, è notevole, se si considera che la percentuale di ferro che viene rilasciata dalle carni varia dal dieci al trenta per cento, mentre la percentuale di ferro rilasciata dai legumi, varia dal due al dieci per cento. Considerati questi dati, è necessario valutare le perdite di ferro quotidiane, che arrivano a toccare anche un milligrammo e mezzo al giorno: se la percentuale di ferro assorbita è pari a dieci, sarà dunque necessario assumerne un quantitativo notevolmente superiore per ovviare alle naturali perdite dello stesso. Il ferro va assunto quotidianamente, calcolandone approssimativamente il dosaggio, e sopperendo alle eventuali mancanze con il sussidio di vitamine, aminoacidi e zuccheri, che tendono a facilitarne l’assorbimento. La vitamina C, anche apostrofata come acido critico, gli zuccheri, (in particolare il fruttosio) e diversi aminoacidi, favoriscono l’assorbimento del ferro. In una dieta bilanciata ed equilibrata che faciliti l’assimilazione del minerale, è consigliabile abbinare o accostare ai cibi come carne e legumi, frutta che contenga vitamina C, agrumi; una prima soluzione è il succo di limone fresco, versato sulla carne alla brace. La combinazione di questi due elementi, favorisce l’assimilazione di ferro. Il ferro, viene espulso dall’organismo mediante i naturali processi organici: defecazione, minzione, desquamazione epidermica e mediante la bile.
stanchezza

Pure Science Ferro (Solfato di Ferro) 65mg - Combatte l'Anemia da Carenza di Ferro, Portatore di Ossigeno, Favorisce le Funzioni Cerebrali e la Formazione di Emoglobina - 50 Capsule Vegetariane

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,9€


carenza ferro: Come curare la carenza di ferro

Il ferro è carente in particolare nei soggetti di sesso femminile: ogni millilitro di sangue preso, comporta una carenza quasi pari di ferro, circa 0,6 milligrammi; nelle donne, la perdita di sangue, durante il ciclo mestruale, comporta ingenti perdite di questo minerale. Questo fattore, risulta normale, e non comporta disfunzioni eccessive, ma può determinare il manifestarsi dell’anemia. Questa patologia, è determinata dalla carenza di ferro, che quando è insufficiente, apporta delle problematiche alla molecola dell’emoglobina presente nel sangue, che si occupa del trasporto dell’ossigeno a tutto l’organismo. L’anemia si manifesta a causa di una carenza di globuli rossi, per una carenza di ferro, per un’alterazione dell’emoglobina stessa. Il ferro, risulta essere carente se si segue una dieta povera di carni, pesce e legumi e ricca di alimenti integrali, che di contro, tendono ad ostacolare l’assorbimento del ferro; altra causa che determina un mancato assorbimento di ferro ed una carenza dello stesso, sono le alterazioni del sistema gastro-intestinale, che possono comportare problematiche come la diarrea, che comporta a sua volta, notevoli perdite di ferro. La carenza di questo minerale, è dettata anche dal ciclo mestruale, da perdite ematiche continue (sangue dal naso), da ulcere presenti sul tratto intestinale, da gravidanza e allattamento. L’anemia, cosi come la carenza di ferro che determina la patologia, si manifesta con una sintomatologia precisa: si avverte una forte spossatezza, mal di testa, fiacchezza, mancanza di concentrazione, ronzio alle orecchie, aumento del battito cardiaco, polso ora debole ora accelerato, respiro pesante. Questi sintomi (in particolare gli ultimi), sono dettati dal fatto che il cuore, cerca di sopperire alla mancanza di ossigeno, pompando in maniera più forte, determinando come conseguenza la tachicardia e il respiro affannoso. La carenza di ferro, determina l’anemia, che si divide in tre tipologie di anemia: normocromica, ipercromica e ipocromica. Nel primo caso, l’emoglobina è quasi nella norma, nel secondo c’è una carenza di globuli rossi, nella terza un eccesso. Se l’anemia è determinata da una carenza di ferro, la terapia suggerita è l’integrazione per via orale o endovenosa. Se viene scelta la terapia orale, i farmaci, dovranno essere somministrati a stomaco vuoto, cosi da favorire l’assorbimento del minerale. In caso di manifestazione di patologie all’intestino, è possibile assorbire le compresse anche dopo i pasti. La terapia viene invece effettuata per via endovenosa, se il paziente necessita di un supporto immediato di ferro, o se non è in grado di deglutire le compresse, o anche se dovesse risultare intollerante ad esse. La cura di ferro, va accompagnata da una dieta sana e d equilibrata, ricca di carni e pesce, e anche di legumi che contengono il minerale; il tempo di durata di una cura, è pari a circa tre mesi, e in alcuni casi dura tutta la vita. I bambini come le donne, sono maggiormente esposti alle carenze di ferro, per cui, necessitano di cure e controlli costanti, che definiscano il livello di trasferrina e ferritina nel sangue.


    Vegavero compresse di Ferro + Vitamina C + Biotina + Vitamina B12 | Integratore alimentare per il sistema immunitario - contro stanchezza | 120 compresse | Scorta per 3 mesi

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,9€
    (Risparmi 2€)



    COMMENTI SULL' ARTICOLO