Ascesso dentario

Ascesso dentario: descrizione e cause

L'ascesso dentale si presenta come un circoscritto accumulo di liquido purulento, spesso di colore bianco. Questo liquido è composto da pus, ossia da batteri, sangue e globuli bianchi. Quando l'infezione interessa la polpa del dente si parla di ascesso dentario periapicale, mentre se coinvolge una delle strutture di sostegno del dente, come legamenti o osso alveolare, il paziente è affetto da ascesso dentario parodontale. Quando ad essere colpite sono le gengive, invece, si parla di ascesso gengivale. Le cause dell'ascesso sono sempre le lesioni a carico del dente, a partire dalla carie. Anche un intervento ai denti può provocare questo tipo di infezione. Esistono, inoltre, diversi fattori di rischio: la cattiva igiene orale e la secchezza delle fauci, alcune malattie come AIDS, reflusso gastroesofageo e diabete, ma anche le cattive abitudini come l'uso di tabacco e alcol, o un prolungato trattamento con corticosteroidi.
Sezione di un dente malato

ElleSye Kit Igiene Dentale 5PZ Strumenti Dentisti Ablatore Dentistico in Acciaio Inox per Cura Orale Domestico Rimozione Tartaro, Placa, Residui Cibo, Batteri

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,49€
(Risparmi 7,5€)


Ascesso dentario: sintomi e diagnosi

Visita odontoiatrica Non tutti i pazienti lamentano gli stessi sintomi. Caratteristico dell'ascesso dentario è il dolore, che ha quasi sempre un'intensità notevole, soprattutto quando si sfiora la zona infetta. Possono presentarsi anche gonfiore alle gengive, ipersensibilità dei denti e alitosi. Quando l'infezione è grave il paziente può avere linfonodi del collo ingrossati e febbre. In alcuni casi, però, anche se il paziente è affetto da ascesso dentario, egli può non avvertire sintomi, soprattutto se l'infezione è agli esordi o se interessa esclusivamente la gengiva. La diagnosi di ascesso dentario viene effettuata dal dentista, che, prima di tutto, osserva l'infiammazione e testa l'intensità del dolore toccando il dente interessato. Per prescrivere una terapia adeguata è bene prelevare un campione di pus per identificare la natura dell'infezione. Nei casi più gravi viene effettuata una radiografia per accertarsi che non si siano sviluppate complicazioni.

  • sorriso denti Il sorriso è la più bella espressione del volto umano. La si ottiene alzando leggermente gli angoli della bocca, inarcando le labbra e coinvolgendo anche gli occhi. La carica espressiva e comunicativa...
  • colluttorio diluito La parola colluttorio deriva dalla parola latina colluttus, participio passato di “colluere”, che significa lavare, sciacquare. E’ un liquido destinato a pulire la bocca, e ad effettuare tutta una ser...
  • sbiancamento Avere denti bianchi e sani è la prima regola per un sorriso bello e brillante. Il sorriso è uno strumento di comunicazione, una metodologia di seduzione, un dispositivo di bellezza. Per un sorriso abb...
  • denti Una delle parti del corpo che subito risalta agli occhi è il sorriso. I denti belli e splendenti sono sicuramente il miglior biglietto da visita che una donna o un uomo possono avere. Non è rassicuran...

Elemed BT203 Denti Freeze Massaggia Gengive, Bianco

Prezzo: in offerta su Amazon a: 3,9€


Terapia dell'ascesso dentario

Piccolo ascesso parodontale In caso di ascesso dentario la terapia antibiotica è quasi sempre indispensabile. Nei casi moderatamente gravi, però, può essere necessaria l'incisione dell'ascesso per permettere il drenaggio del pus. L'azione di alcuni tipi di antibiotici è inibita dai fermenti contenuti nei latticini, perciò è bene evitare l'assunzione di tali alimenti in prossimità di quella dei medicinali. Antinfiammatori e antidolorifici, come FANS e paracetamolo, possono aiutare ad alleviare il dolore e abbassare la febbre, ma il loro abuso è dannoso per l'organismo. È sconsigliata, invece, l'assunzione di acido acetilsalicilico (più noto come aspirina); questa sostanza, anziché alleviare il fastidio, potrebbe aggravare l'irritazione della zona coinvolta dall'ascesso. A volte può essere necessario un intervento chirurgico: in base all'entità del danno e ai tessuti coinvolti potrebbe essere necessario devitalizzare il dente, incapsularlo o estrarlo. A volte all'estrazione segue il raschiamento dei tessuti molli residui. Quando l'ascesso raggiunge dimensioni importanti potrebbe concretizzarsi il rischio di setticemia, perciò sè necessario il ricovero in ospedale.


Consigli e prevenzione

Donna si lava i denti Un ascesso dentario non andrebbe mai trascurato, soprattutto da chi soffre di altre patologie. Le possibili complicazioni di tale patologia, infatti, potrebbero essere anche gravi: c'è il rischio che l'ascesso si rompa e vada ad invadere altre zone, che si estenda, che si ingrandisca fino a compromettere alcune funzionalità basilari. Un'infezione trascurata, inoltre, può sempre provocare la setticemia. Per prevenire gli ascessi dentari è bene curare la propria igiene orale, lavando i denti almeno tre volte al giorno, evitando però traumi alle gengive. Il collutorio va sempre usato, ma dopo il lavaggio con dentifricio. Lo spazzolino va cambiato spesso. In caso si sospetti la presenza di un ascesso, nell'attesa della cura prescritta dal medico, è bene evitare cibi troppo caldi o troppo freddi, zuccheri e coloranti. Esistono diversi antidolorifici naturali, come i chiodi di garofano, che possono alleviare il dolore in attesa della cura farmacologica.




COMMENTI SULL' ARTICOLO