Dermatiti

Con il termine dermatite s’intende quell'insieme di affezioni cutanee, che colpiscono la pelle e che hanno solitamente sintomi comuni, ma differenti origini o cause scatenanti.

Tra le principali dermatiti conosciute troviamo quelle allergiche, atopiche, seborroiche e da contatto.

La dermatite atopica comunemente conosciuta come eczema ha un decorso cronico con presenze sul corpo altalenanti, cioè con periodi di totale assenza. Si presenta con pelle irritabile e molto sensibile al contatto, con chiazze, e a volte croste anche pruriginose. L'eczema ha origini allergiche e caratteristiche ereditarie e nella maggior parte dei casi, si presenta sin dalla primissima infanzia, tendendo a regredire con l'avanzare dell'età, se non manifestarsi nuovamente se scatenata dal contatto con il fattore allergizzante.

Il tipo seborroico è caratterizzato da eritemi e da placche di cute grassa soprattutto nelle zone, ... continua


Articoli su : Dermatiti


1          ordina per:  pertinenza   alfabetico   data  
    • Eritema marginato

      Esempio di eritema multiforme Quest'irritazione cutanea, spesso, può risultare difficile da diagnosticare in chi presenti una pigmentazione piuttosto scura della pelle.
    • Orticaria da contatto

      Orticaria. L'orticaria da contatto è una forma di dermatite derivata dal contatto della cute con sostanze allergiche. Ecco come individuare cause e rimedi.
    • Piaghe da decubito sacrali

      paziente a letto Le piaghe da decubito sacrali possono essere molto gravi se trascurate. Sono dovute al peso del corpo che preme sul sacro in persone costrette a letto.
    • Tipi di nei

      Vari tipi di nei I nei si dividono in categorie come le lentigggini, nei congeniti e acquisiti, nei di Miescher, di Spitz e di Reed, di varie dimensioni e colore.
    • Dermatite erpetiforme

      Lieve dermatite erpetiforme La dermatite erpetiforme colpisce pazienti celiaci. Si ha rash cutaneo e forte prurito. La guarigione può richiedere da molti mesi fino a due anni.
    • Betacarotene abbronzatura

      Alimentazione e betacarotene Il betacarotene è un potente antiossidante e oltre a regalare un colorito più intenso aiuta a proteggere la pelle dagli effetti negativi del sole.
    • Aisoskin

      Molecola tridimensionale dell'isotretinoina Aisoskin è utile per la cura dell'acne resistente ad altri trattamenti. Deve essere utilizzato con attenzione per minimizzare gli effetti collaterali.
    • Eritema

      Esempio eritema cutaneo L'eritema è un'arrossamento cutaneo, causato dal maggiore apporto di sangue ai vasi sanguigni, della parte esterna del derma. Può provocare bruciore.
    • Eritema cutaneo

      Sintomi eritema L'eritema cutaneo può essere causato da eczema, orticaria, reazioni allergiche a sostanze o farmaci, infezioni oppure lunghe esposizioni al calore.
    • eritema migrante

      Sintomi eritema
    • Fanghi guam

      Cellulite Esistono diverse tipologie di Fanghi Guam studiati per soddisfare qualsiasi esigenza. Dalle pelli sensibili a quelle mature i risultati sono visibili.
    • Herpes zoster sintomi

      Virus dell'Herpes Zoster L'Herpes Zoster provoca un esantema doloroso che può durare da 10 giorni a 3 mesi. Guarisce da solo ma occorre una terapia che allevi il fastidio.
    1          ordina per:  pertinenza   alfabetico   data  
      prosegui ... , dove c'è più presenza di ghiandole sebacee. Colpisce soprattutto quei soggetti che hanno sia la pelle sia i capelli grassi. Infatti, l'iperattività delle ghiandole sebacee, provoca un'alterazione delle loro secrezioni. Questo comporta la comparsa di forfora grassa con conseguente perdita di squame untuose nelle zone come il cuoio capelluto, le sopracciglia, le zone intorno al naso e alle labbra e anche le zone ascellari e inguinali. Queste squame creano in sostanza un film che ostruisce i pori provocando irritazione e prurito.

      Quella da contatto, come dal nome che porta, deriva da elementi allergizzanti che irritano la pelle esposta al contatto. Tra questi troviamo molte sostanze utilizzate quotidianamente quali i detergenti, i cosmetici, alcuni farmaci, i metalli.

      Premesso che ogni forma di dermatite può presentarsi con disturbi specifici, un tratto comune c'è ed è legato alla sintomatologia come l'arrossamento della pelle, la comparsa di vesciche o pomfi e soprattutto un fastidioso prurito, difficile da domare.

      Le zone del corpo maggiormente esposte a questo disturbo sono il viso, le mani, gli arti inferiori compresi i piedi e l'area periorale.

      Esistono soluzioni e cure tali da allievare o debellare completamente i disturbi legati all'insorgere delle dermatiti.

      I rimedi sono differenti e mirati rispetto alle caratteristiche delle varie tipologie.

      L'eczema o dermatite atopica è trattata con l'applicazione di creme e unguenti direttamente sulle zone sensibili. In alcuni casi, sempre sotto consiglio medico e mai in maniera autonoma, si potranno assumere antistaminici che aiutano a controllare la sensazione di prurito e antibiotici che combattono le infezioni secondarie, dovute ad esempio all'infezione della parte malata.

      La dermatite seborroica si combatte con una serie di rimedi che spesso non sono risolutivi, ma aiutano a migliorare anche esteticamente le zone colpite. L'uso di shampoo specifici ad azione seboregolatrice può aiutare a ridurre il sebo a livello del cuoio capelluto. Composti a base di elementi naturali quali l'aloe vera e oli tipo l'iperico e l'echinacea sono anch'essi molto indicati per pomate e impacchi sulla cute. Un bravo dermatologo saprà scegliere la strada farmacologica più adatta, in tutti quei casi dove le azioni quotidiane non sono sufficienti a ridurre il malessere.

      La dermatite tra le più comuni, cioè quella da contatto come prima cura vede quella di eliminare del tutto l'elemento scatenante, cercando di individuarlo.

      Può essere un percorso lungo, perché non è sempre semplice capire a cosa si è allergici.

      Un primo passo è di eliminare tutti i prodotti per l'igiene personale e la cosmesi, sostituendoli con prodotti assolutamente naturali e testati come antiallergici. Tra questi e tra i più economici, ad esempio il famoso sapone di Marsiglia.

      Tenersi lontano da tutta la bigiotteria che contiene nichel che troviamo anche in accessori d'abbigliamento come le cinture ad esempio e in alcuni prodotti di make up più a buon prezzo.

      Se tutto questo non fosse sufficiente o si decidesse di accorciare i tempi per un’individuazione del problema più rapida, un bravo allergologo proporrà i test del caso per stabilire cause e origini.