Dolori di pancia

I dolori di pancia o dell'addome possono colpire chiunque, grandi e piccini e se intenso può anche ridurre la capacità di svolgere i compiti quotidiani, che siano di lavoro, studio o gioco.

Si può presentare, occasionalmente o con cadenza regolare, anche in assenza di una reale causa scatenante, presentandosi con fitte dolorose, a volte di forte intensità.

La diagnosi di questo tipo di dolore non è sempre facile e immediata, anche perché occorre stabilire qual è effettivamente la zona dolorante. Si tende infatti a generalizzare con la frase "ho il mal di pancia" senza riuscire effettivamente a localizzare il punto più dolente.

Le cause che possono scatenare quest’algia sono tante e più o meno severe, come le comuni indigestioni o le ben più gravi ulcere.

L'indigestione ad esempio, causata dall'ingestione di pasti troppo abbondanti, ... continua


Articoli su : Dolori di pancia


1          3      ordina per:  pertinenza   alfabetico   data  
    • Sintomi ernia addominale

      Com'è fatta un'ernia addominale L'ernia addominale è scatenata da molti fattori. Il rimedio più efficace è l'intervento chirurgico ma benefici si trovano anche nell'alimentazione.
    • Mal di milza

      dolore addominale Riconoscere il dolore alla milza è utile per individuarne le cause. Questo organo può essere dolente dopo uno sforzo fisico o per ragioni più gravi.
    • Colite acuta

      Anatomia del colon La colite acuta è un'infiammazione del colon che può essere causata da cibi sbagliati, infezioni, allergie o alterazioni della flora intestinale.
    • Bruciore all'esofago

      Esofago L'esofago è l'organo che unisce la faringe con la bocca dello stomaco e attraverso il quale passa il cibo. Quali sono le cause del bruciore all'esofago ?
    • Mal di pancia dopo mangiato

      Dolore addominale da gastrite Le motivazioni alla base del mal di pancia dopo mangiato possono essere le più svariate, anche collegate a malesseri emotivi, stressogeni o fisici.
    • Dolori milza

      milza Sono soprattutto gli sportivi amatoriali a soffrire di dolori alla milza. Se presenti anche a riposo possono indicare infiammazioni o patologie.
    • Cirrosi epatica scompensata

      Fegato affetto da cirrosi epatica La cirrosi epatica scompensata, si presenta nelle persone affette da cirrosi, ed è caratterizzata da alcuni sintomi evidenti e visibili.
    • Ascite sintomi

      Localizzazione schematica dell'ascite I sintomi dell'ascite aiutano il medico a sospettarne la comparsa e a richiedere gli appositi esami necessari ad ottenere una diagnosi di certezza.
    • Bruciore stomaco

      Bruciore stomaco Il bruciore stomaco colpisce il 22% della popolazione italiana, provocando alcuni disturbi e influendo sulle relazioni interpersonali dell'individuo.
    • Colite stitichezza

      Sofferenza addominale da colite Soffrire di stitichezza quando si ha la colite può sembrare un assurdo, ma alla base vi sono precise motivazioni scientifiche e medico-sanitarie.
    • Colon irritabile sintomi

      sindrome colon irritabile La sindrome del colon irritabile, detta IBS (irritable bowel syndrome), è un disturbo intestinale accompagnato da crampi addominali e svariati disagi. Vediamo di conoscere più a fondo colon irritabile
    • Depurazione fegato

      Collocazione del fegato Il fegato ha un ruolo decisivo in diversi processi dell'organismo. Ecco cosa mangiare e cosa evitare per una buona depurazione fegato.
    1          3      ordina per:  pertinenza   alfabetico   data  
      prosegui ... , è causa di dolore alla pancia che si presenta come un bruciore al centro dell'addome, in prossimità della bocca dello stomaco, con una sensazione generale di malessere che spesso precede il vomito.

      Per evitarla basterà mangiare con moderazione, evitando eccessi. In aiuto, ottimi i farmaci antiacidi che riducono la sensazione di bruciore. La stitichezza può provocare dolore al ventre che si manifesta nella parte inferiore dell'addome e provoca tra l'altro mal di testa, difficoltà digestive e in certi casi anche la tachicardia. Le cause dipendono da un’alimentazione non corretta, ma soprattutto dalla insufficiente idratazione data dalla scarsa assunzione di liquidi, in particolare l'acqua. Il medico saprà indicare la cura farmacologica più indicata, ma prima di assumere medicine sarebbe più opportuno consumare più verdure, fibre e bere una maggiore quantità di acqua.

      La colite è anch'essa causa di dolore all'addome, in particolare insiste nella parte sinistra della pancia. Si presenta associato a un senso di gonfiore al ventre, con nausea, stanchezza e flautolenza. È generalmente causata da uno squilibrio del ritmo con il quale i muscoli dell'intestino si contraggono per poi distendersi, così da veicolare gli alimenti. In commercio validi sono i farmaci antispastici che riducono i crampi e conseguentemente il dolore alla pancia.

      La gastroenterite è causata da un’infezione allo stomaco e all'intestino, provocata da virus e batteri assunti attraverso cibi avariati o da mani non lavate.

      Genera mal di pancia nella parte inferiore dell'addome associata a diarrea e nausea e in alcuni casi febbre.

      Il medico è l'unica persona in grado di stabilire la gravità e produrre la cura farmacologica più indicata.

      Altra causa scatenante il dolore di pancia è la gastrite che è un’infiammazione alla mucosa dello stomaco.

      Il dolore si presenta all'altezza della parte superiore sinistra dello stomaco e a volte è accompagnato da nausea e vomito. Il medico stabilirà se è anche necessario procedere con esami più specifici, come la gastroscopia per capire in che stato è la mucosa dello stomaco. Per allieviare i sintomi, utili gli antiacidi e una dieta povera di grassi. Il consiglio è quello di evitare l'assunzione di alcolici e di astenersi dalla pratica del fumo.

      Questa è una panoramica sulle cause che possono scatenare il dolore alla pancia, ma come già detto è un disturbo generato da molteplici fattori.

      Rivolgersi al proprio medico curante è sempre la scelta più saggia per capire con precisione da cosa è provocato, ma non ci si deve allarmare eccessivamente quando ad esempio, il dolore si manifesta durante le mestruazioni o anche dopo un pasto esageratamente abbondante.

      Una buona norma per evitare l'insorgere di questo disturbo è di alimentarsi con moderazione, bere molta acqua, fare regolare attività fisica e non per ultimo diminuire al massimo lo stress. Quest'ultimo, infatti, ha un ruolo purtroppo determinante nell'enfatizzare i dolori addominali. Ridurre le tensioni quotidiane contribuisce notevolmente a prevenire o diminuire il mal di pancia in genere.

      Per aiutare questo processo, lo yoga ad esempio è un tipo di attività in grado di rilassare, così come il pilates.