Cirrosi epatica scompensata

La cirrosi epatica: definizione e cause

La cirrosi epatica è una malattia cronica del fegato, ha carattere degenerativo, e si caratterizza per la presenza di tessuto cicatriziale, che pregiudica la corretta funzionalità del fegato. Le cause principali per il manifestarsi della cirrosi epatica possono derivare dall'aver contratto specifiche malattie o da uno scorretto stile di vita. L'epatite virale cronica di tipo C e B sono delle malattie, che si trasmettono attraverso il contatto con il sangue di una persona affetta da queste patologie, causando l'infiammazione del fegato ed il conseguente insorgere della cirrosi epatica. Vi sono inoltre, altre malattie che possono causare la cirrosi epatica: l'epatite autoimmune, l'infiammazione dei dotti biliari (cirrosi biliare primitiva) ed alcune malattie ereditarie (fibrosi cistica, malattia di Wilson, etc.). La causa più comune per contrarre la cirrosi epatica è l'uso prolungato di sostanze alcoliche, ma si riscontrano casi di cirrosi anche nei pazienti affetti da obesità.
Fegato affetto da cirrosi epatica

GRICAR CHEMICAL S.R.L. - DEPURAZIONE FEGATO. Integratore alimentare per il supporto della funzionalità epatica. Vitamine B1- B6 - PP + Carciofo + Cardo mariano + Tarassaco + Tè verde + Filanto + Finocchio + Lecitina di Soia. Prodotto in Italia.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 18€


La cirrosi epatica compensata e scompensata

Stadi della cirrosi epatica La cirrosi epatica si presenta attraverso due stadi: cirrosi epatica compensata e scompensata. Il primo stadio della malattia, è quello più blando, difficilmente individuabile e caratterizzato da pochi sintomi. Nella fase compensata, il fegato continua le sue principali funzioni, ma si riscontrano alcuni sintomi che segnalano la notevole riduzione degli epatociti come la perdita di peso, l'inappetenza e la costante stanchezza. La fase scompensata è lo stadio successivo della malattia, ed è caratterizzata dall'insorgenza di alcuni sintomi e dalla ridotta funzionalità del fegato. I sintomi più comuni, in questa fase, sono l'ittero, gli edemi, l'ascite e la mancata coagulazione del sangue. Nella fase di cirrosi epatica scompensata, il fegato inizia a non effettuare i processi di coagulazione, non sintetizza l'albumina e non previene l'insorgenza di infezioni e l'eliminazione dei batteri.

  • Fegato sano e con Cirrosi Nei malati di Cirrosi epatica si verifica un'alterazione del metabolismo che impedisce l'assorbimento dei nutrienti da parte dell'intestino e la trasformazione degli alimenti in energia da parte del f...
  • malattie fegato La cirrosi è una malattia del fegato causata da un danno cronico alle cellule dell'organo. In pratica strati di tessuto fibrotico cicatriziale interrompono la struttura interna del fegato. Le cellule ...
  • Prelievo del sangue Le transaminasi sono enzimi che svolgono un ruolo importante nella produzione di aminoacidi. Sono presenti in tutto l'organismo e in maggiore quantità nel fegato. È fondamentale conoscere i valori tra...

Puro Naturale Olio Essenziale Di Menta Piperita 50mg 30/60/90/120/180/250 Capsule Morbide In Gel Riduzione stomaco dolore,bruciore di stomaco,nausea,vomito,nausea e gas irritabile intestino sindrome,

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,17€


I sintomi della cirrosi epatica scompensata

Sintomi cirrosi epatica La cirrosi epatica scompensata è facilmente diagnosticabile, grazie alla presenza di alcuni sintomi individuabili anche senza l'utilizzo di specifici esami diagnostici. L'ittero, si manifesta con una colorazione giallastra della pelle e della parte bianca degli occhi (sclera), dovuta ad una elevata concentrazione di bilirubina nel sangue; una sostanza che in condizioni normali viene eliminata attraverso la bile. Il sanguinamento frequente è un sintomo della cirrosi epatica, dovuto alla mancata coagulazione del sangue; si possono manifestare anche edemi agli arti inferiori ed una progressiva caduta dei peli corporei. Negli uomini affetti da cirrosi, si sono notati casi di ginecomastia (aumento di volume delle ghiandole mammarie) e atrofia dei testicoli. Nella fase terminale della malattie possono insorgere altri sintomi come l'ascite, che è l'accumulo di liquido nell'addome, o la formazione di varici esofagee e l'insufficienza renale.


Cirrosi epatica scompensata: La diagnosi e la cura nella cirrosi epatica scompensata

Dieta cirrosi epatica Le analisi del sangue sono il punto di partenza per diagnosticare la cirrosi epatica, infatti, se si riscontrano dei livelli elevati di transaminasi è possibile che il tessuto delle cellule del fegato sia danneggiato; l'alta concentrazione di bilirubina ed i valori bassi di albumina sono indicativi per la presenza di una probabile cirrosi epatica. Dopo aver effettuato una visita dal gastroenterologo, per verificare la presenza di una cirrosi si procede con una ecografia epatica, una TAC o una biopsia epatica. Per curare la cirrosi epatica scompensata, bisogna individuare le cause (epatiti, abuso di alcool, scompensi cardiaci) ed eliminarle, per poi concentrarsi sullo stile di vita e la terapia farmacologica da adottare. Oltre all'eliminazione delle sostanze alcoliche, la dieta dei pazienti affetti da cirrosi epatica deve essere povera di sodio, proteine e grassi ma ricca di zuccheri. A seconda dei sintomi presenti nel paziente vengono prescritti farmaci specifici.



COMMENTI SULL' ARTICOLO