Genitali

Come espressione del dimorfismo della specie umana, esistono due diversi tipi di apparati riproduttivi: l'apparato genitale maschile e quello femminile.

Essi costituiscono i caratteri sessuali primari ai quali sono associati altri caratteri denominati secondari che si manifestano in altri apparati (muscolare, epidermico, osteoarticolare).

I due apparati hanno però in comune una struttura generale: in entrambi troviamo infatti le gonadi, organi che producono i gameti, le cellule sessuali.

A esse si aggiungono degli organi che nel maschio trasportano all'esterno gli spermatozoi, mentre nella femmina portano prima nell'utero e successivamente all'esterno il prodotto del concepimento: rispettivamente, gli organi genitali maschili e femminili.

Gli organi genitali femminili

L'apparato genitale femminile è situato prevalentemente all'interno del corpo, ... continua


Articoli su : Genitali


1          ordina per:  pertinenza   alfabetico   data  
    • Tampone vulvare

      Prima del tempone vulvare Con il tampone vulvare si va a determinare lo stato di salute dell’apparato riproduttivo femminile e delle vie urinarie, in modo rapido ed efficace.
    • Fimosi serrata

      fimosi serrata sintomi La fimosi serrata è l'impossibilità di retrarre il prepuzio per scoprire il glande. Può creare problemi nei rapporti intimi e nella vita quotidiana.
    • Bruciore intimo maschile

      dolore intimo maschile Il bruciore intimo maschile può insorgere senza una causa apparente e provocare fastidio soprattutto durante la minzione, per contatto con l'urina.
    • Intervento idrocele

      Formazione dell'idrocele L'idrocele, cioè il liquido nello scroto, è risolvibile con un breve intervento chirurgico senza rischi. Non lascia cicatrici e non dà complicanze.
    • Bruciore intimo

      Infiammazione causa bruciore Il bruciore intimo è un'irritazione della pelle, dovuta a numerosissimi fattori comuni a quasi tutte le persone, nella zona genitale.
    • Bruciori intimi

      Disturbi intimi vaginali Quando compaiono bruciori intimi è bene capire la causa scatenante per impostare la giusta terapia. Essi rappresentano infatti un importante sintomo.
    • Ciste all'ovaia

      cisti ovariche La ciste all'ovaia è una patologia che colpisce il sesso femminile nel periodo fertile. Dalla tipologia della ciste dipendono i sintomi e la cura.
    • Cisti ovarica

      Cisti ovarica benigna La cisti ovarica funzionale è comune nella donna e regredisce da sola. Altre forme, come cisti dermoidi e ovaio policistico richiedono invece terapie.
    • Dismenorrea

      Giovane ragazza con dismenorrea La dismenorrea affligge l'80% delle donne e solo per alcune costituisce una vera e propria patologia in grado di influire sulle attività quotidiane.
    • Dismenorrea secondaria

      ciclo mestruale doloroso Con il termine dismenorrea secondaria ci si riferisce ad un aumento patologico, per quantità e durata, del flusso mestruale. Si manifesta in età adulta causando dei seri problemi di varia entità.
    • Follicolo ovarico

      Follicolo ovarico Il follicolo ovarico è una formazioni millimetrica di forma sferica che contiene la cellula uovo. Solo una parte di follicoli giungerà a maturazione.
    • Ovaio policistico

      Ovaio normale e policistico L'ovaio policistico causa amenorrea e cicli irregolari, irsutismo, acne, perdita di capelli e obesità. Necessita di farmaci e cambio di stile di vita.
    1          ordina per:  pertinenza   alfabetico   data  
      prosegui ... , dove si trovano le ovaie, le tube di Falloppio, l'utero e la vagina, mentre la parte esterna prende il nome di vulva.

      Le ovaie sono poste nella piccola pelvi e, dopo la pubertà, presentano dei follicoli oofori in diverse fasi di ovulazione.

      Le tube di Falloppio sono due canali che si innestano nel fondo dell'utero. Quest'ultimo è un organo cavo, mobile, e avvolto dal peritoneo, il cui corpo è appoggiato sulla vescica e il collo proteso in vagina con la cervice.

      Il rivestimento interno dell'utero (endometrio) si modifica per effetto degli ormoni, andando incontro ad accrescimento per accogliere l'uovo fecondato, e a sfaldamento in assenza di gravidanza.

      La vagina è un condotto muscolomembranoso a forma di imbuto contenente flora batterica saprofita e dal pH lievemente acido, che si dirama dall'utero al vestibolo vulvare; l'orifizio vaginale può essere chiuso o meno dall'imene.

      La vagina si presenta come un lume virtuale in quanto le sue pareti, lunghe circa 7-12 cm, combaciano ma si distendono durante il coito e il parto.

      La vulva è compresa tra la sinfisi pubica e l'orifizio anale ed è costituita dal monte di Venere, le grandi labbra e le piccole labbra.

      Le grandi labbra sono più esterne, costituite da tessuto adiposo e cellule pigmentate; le piccole labbra sono più sottili e dotate di un delicato strato connettivale.

      Nella congiunzione tra le piccole labbra si trova il clitoride, organo erettile ricco di terminazioni nervose e primaria fonte del piacere femminile.

      La parte interna delle piccole labbra prosegue in una zona detta vestibolare, dove si trova l'orifizio dell'uretra e, posteriormente, l'accesso alla vagina.

      Gli orgnani genitali maschili

      I genitali maschili, da sempre considerati simbolo di virilità, si trovano in posizione più esposta rispetto a quelli femminili.

      Le gonadi maschili sono rappresentate dai testicoli, corpi rotondeggianti di consistenza molle in posizione extraddominale e contenuti nello scroto.

      Dall'epididimo ha origine il dotto deferente che percorre il canale inguinale, attraversa la prostata e sfocia nell'uretra.

      Il testicolo è rivestito da una guaina, detta "albuginea", da cui partono dei setti che lo dividono in logge; qui si trovano i tubuli seminiferi, dove avvengono i processi di spermatogenesi. Tra i tubuli si stipano le "cellule di Leydig", deputate alla produzione del testosterone, ormone che calibra la formazione dei caratteri sessuali secondari e l'attività sessuale.

      Ogni tubulo è collegato con una struttura detta "rete testis", da cui si diramano una serie di canali confluenti nel dotto deferente, il quale, prima di raggiungere la vescica, riceve anche il liquido delle vescicole seminali. Da qui i dotti vengono definiti "eiaculatori".

      La prostata è una ghiandola situata nel bacino e attraversata dal primo tratto dell'uretra in cui vengono riversate, durante l'eiaculazione, le secrezioni delle sue ghiandole.

      Il pene è un organo erettile in grado di cambiare dimensione, passando dalla fase flaccida a quella di erezione, per effetto dei corpi cavernosi.

      Può essere suddiviso in tre porzioni: la radice, posta sotto la sinfisi pubica, il corpo o asta, dalla conformazione cilindrica, e il glande, rigonfiamento arrotondato foderato di mucosa e rivestito da pelle retrattile definita prepuzio; quest'ultimo è unito al glande dal frenulo o filetto ove si trova il solco balanoprepuziale che lo separa dal corpo del pene. Nell'apice del glande si apre l'orifizio dell'uretra.