Bruciore intimo

Che cos'è e come si manifesta

Il bruciore intimo è un problema ormai molto diffuso che colpisce circa il 70% delle donne di età compresa tra i 30 e i 50 anni di età, anche se in percentuale molto ridotta alcune volte colpisce anche gli uomini. Questo è dovuto alla diversa conformazione e posizione dei genitali dei due generi, infatti il sesso femminile è più sensibile alle sollecitazioni esterne come batteri o tessuti abrasivi. E' un disturbo particolarmente sgradevole a causa dell'acutezza con il quale si presenta, ma anche a causa del disagio che provoca nel paziente. I sintomi con i quali si presenta sono: bruciore nella zona genitale, dermatiti, infezioni, perdite di urina e cattivi odori. Alcuni di questi sintomi molte volte sono associabili a particolari stati fisici come la gravidanza, la menopausa o lo stress.
Infiammazione causa bruciore

Intimo Dermasilk Elite Boxer in Fibroina di Seta Uomo Taglia M/L

Prezzo: in offerta su Amazon a: 55€


Quali sono le cause

Flora batterica vaginale Le cause sono moltissime e molto varie, infatti non è mai facile diversificare le diverse tipologie di bruciore intimo; portando così il paziente a tenersi il problema fino a che non si aggravi manifestando apertamente la natura stessa del bruciore. Molte volte il prurito può essere causato dall'utilizzo di indumenti abrasivi, che infiammano i genitali, o di particolari detergenti che vanno anch'essi ad infiammare la zona del pube. Anche la pillola anticoncezionale può causare, in alcuni casi, un insistente prurito che può essere debellato solo grazie alla sostituzione della pillola stessa. Può essere causato da fenomeni naturali come: rapporti sessuali troppo violenti che vanno a danneggiare i tessuti, un'infezione alle vie urinarie (vaginosi o candida), allergia allo sperma, alimentazione scorretta, gravidanza, menopausa. Anche lo stress, la depilazione azzardata e la scarsa igiene intima nella zona genitale influiscono molto su tale patologia.

  • Genitali Come espressione del dimorfismo della specie umana, esistono due diversi tipi di apparati riproduttivi: l'apparato genitale maschile e quello femminile.Essi costituiscono i caratteri sessuali primar...
  • Prima del tempone vulvare Prima di presentarsi in ambulatorio per fare un tampone vulvare, ci sono alcune condizioni che vanno rispettate. Innanzitutto, bisogna comunicare all’accettazione se si stanno seguendo delle terapie f...
  • Esempio di esame colposcopico Ogni anno sono molte le donne che si sottopongono a un esame colposcopico; questo esame viene effettuato in maniera rapida, in quanto non è prevista l'anestesia. Il suo scopo è prevenire e diagnostica...
  • Candida e infezioni vaginali Le vaginiti sono essenzialmente un'infiammazione della vagina, cioè dei tessuti genitali della donna. Le vaginiti possono essere causate da vari fattori, ad esempio da un'infezione, da una reazione al...

Lubrigyn hydra gel detergente intimo delicato 400 ml per tutta la famiglia

Prezzo: in offerta su Amazon a: 4,14€


Possibili rimedi

Batteri candida I rimedi contro il bruciore sono moltissimi, anche se l'azione migliore che si possa fare contro tale malattia è la prevenzione che verrà trattata nel paragrafo successivo. Esistono vari rimedi naturali, il principale è il lavaggio con acqua fresca e bicarbonato, che oltre a portare una sensazione immediata di sollievo riesce a disinfettare la zona interessata. Un ottimo rimedio è rappresentato dall'avena, infatti tritando alcuni fiocchi del cereale si riesce ad ottenere una farina con ottime proprietà "lenitive e anti-pruriginose". Meno usati, ma altrettanto efficienti, sono l'amido di riso e l'aceto di miele. Il primo, usato per lenire gli arrossamenti della pelle dei bambini, può essere versato nella vasca anche per il bruciore intimo. Il secondo invece funge da disinfettante e da antibatterico, nel caso in cui il bruciore sia di origine patogena.


Bruciore intimo: Come prevenire

Bruciore genitali Come detto in precedenza il metodo migliore per liberarsi del bruciore intimo è la prevenzione ed evitare le situazioni critiche che potrebbero infiammare le zone interessate. I medici consigliano innanzitutto di evitare le situazioni stressanti che possano portare ad un disagio psico-fisico. Molto importante è l'alimentazione, deve essere per lo più magra e ricca di vitamina C; anche i fermenti lattici sono indispensabili poiché una corretta flora batterica diminuisce l'eventualità di incorrere in infezioni urinarie. L'utilizzo di detergenti non aggressivi riduce sensibilmente la possibilità di arrossamenti e dermatiti, insieme all'utilizzo di indumenti di lino. Inoltre è importante evitare lo strofinamento, preferendo il tamponamento per asciugare la zona genitale. Nel caso in cui il bruciore sia causato dai rapporti sessuali è consigliato l'uso del preservativo per eventuali infezioni veneree; è importante il lavaggio con acqua e bicarbonato dopo il rapporto.



COMMENTI SULL' ARTICOLO