Cisti ovarica

Le caratteristiche principali della cisti ovarica

La cisti ovarica è una patologia abbastanza frequente, in particolare nel periodo fertile della vita della donna. Le ovaie, che secernono ormoni femminili e generano ovuli, sono due organi posizionati ai lati dell'utero al quale sono legate dalle tube di Falloppio. Generalmente le cisti che colpiscono questa parte del sistema riproduttivo sono benigne e non danno gravi problemi. Scompaiono spontaneamente nel giro di uno o due cicli mestruali poiché sono solo anomalie della funzionalità del follicolo e del corpo luteo. La cisti ovarica può tuttavia essere una formazione più seria, come la cisti endometriosica e la cisti dermoide, le neoplasie benigne, come i fibromi e i cistomi, ed i tumori maligni, come i cistocarcinomi e i cistosarcomi. Un'altra tipologia di cisti che può colpire la donna è l'ovaio policistico.
Cisti ovarica benigna

Premenopausa e menopausa. Fisiopatologia, clinica e terapia

Prezzo: in offerta su Amazon a: 25,82€


Le diverse tipologie di cisti ovarica

cisti Le cisti ovariche più comuni sono quelle funzionali cioè cisti follicolari e cisti luteiniche. La prima forma è la più diffusa e consiste nell'aumento di volume del follicolo, contenente l'ovulo, a causa di liquido interno. Nella cisti del corpo luteo questo si riempie di una sostanza giallognola dopo l'ovulazione. I follicoli sono corpi a forma di sfera, presenti nella zona corticale delle ovaie, in cui gli ovuli maturano. Una volta che l'uovo è stato espulso, può essere riassorbito o formare una cisti funzionale. La cisti dermoide è un teratoma, insieme di cellule di origine embrionale che crescono e si differenziano. È benigna e va asportata chirurgicamente. Nell'ovaio policistico non c'è ovulazione, le ovaie si ingrossano, si manifestano alterazioni ormonali e virilizzazione della donna.

  • fibroma ovarico Il fibroma ovarico è un tumore benigno, quasi sempre monolaterale, rappresenta tra il 5 ed il 10% delle neoplasie primitive dell'ovaio e il 20% di tutti i tumori solidi di quest'organo. La probabilità...
  • cisti ovariche La ciste all'ovaia è una formazione benigna generalmente, formata da una sacca contenente del liquido. Nella maggior parte dei casi le cisti ovariche si riassorbono in modo del tutto naturale senza po...
  • Immagine di ovaio normale e policistico I sintomi ovaio policistico vengono avvertiti dalle donne adulte o, talvolta, fin dalla pubertà. Essi sono diversi a seconda della donna e possono dare più o meno problemi in base alla gravità della s...

Netter. Atlante di anatomia fisiopatologia e clinica. Apparato genitale

Prezzo: in offerta su Amazon a: 114,05€
(Risparmi 18,95€)


I sintomi che si manifestano con le cisti ovariche

Ecografia di cisti dermoide In numerosi casi la cisti ovarica non dà sintomi, a volte invece si possono verificare: gonfiore e dolore addominale o lombare e nelle cosce, dolore nel rapporto sessuale, difficoltà di espulsione delle urine, vomito, mestruazioni dolorose e sanguinamento irregolare. Tra gli altri sintomi possibili ci sono l'incremento di peso, l'acne e l'aumento anormale dei peli corporei. Se una cisti subisce una torsione è possibile che la donna avverta forte dolore, nausea e che abbia la febbre. In questi casi è necessario intervenire chirurgicamente, come anche in caso di cisti dermoidi e cisti funzionali maggiori di 5 cm e molto doloranti. Inoltre nei casi di diagnosi incerta è importante effettuare un'accurata indagine per escludere la presenza di un carcinoma ovarico, neoplasia maligna molto grave.


Cisti ovarica: L'intervento chirurgico per l'asportazione delle cisti ovariche

Intervento chirurgico in laparoscopia Prima di eseguire un intervento chirurgico per asportare una cisti ovarica il medico valuterà la procedura più adatta in base ai risultati dell'ecografia pelvica e della diagnosi con marcatori tumorali, nelle pazienti in menopausa, per escludere la presenza di cellule cancerose. L'operazione richiede l'anestesia generale e può essere effettuata in laparoscopia. Con un'incisione sull'ombelico il chirurgo inserisce il laparoscopio, strumento che consente la visione su monitor della cavità pelvica. Quindi mediante altre piccole incisioni vengono inseriti strumenti per asportare o aspirare la cisti. Se la cisti ha grandi dimensioni, se la paziente è obesa o se la formazione è maligna, l'intervento laparoscopico non può essere eseguito. In questi casi si pratica una laparotomia con un taglio simile a quello del parto cesareo.



COMMENTI SULL' ARTICOLO