Ciste all'ovaia

Definizione e sintomi della ciste all'ovaia

La ciste all'ovaia è una formazione benigna generalmente, formata da una sacca contenente del liquido. Nella maggior parte dei casi le cisti ovariche si riassorbono in modo del tutto naturale senza portare nessuna conseguenza. In caso questo non accada si rende necessario un piccolo intervento chirurgico per asportarle. I sintomi dovuti alla presenza di ciste all'ovaia possono essere: la necessità di urinare spesso con difficoltà e dolore a svuotare la vescica completamente; la sensazione di gonfiore e pesantezza addominale; il dolore che si presenta prima del ciclo e svanisce subito dopo; il dolore al basso schiena e cosce; il dolore nell'evacuazione con sensazione di tensione intestinale; le fitte dolorose alla zona pelvica nei rapporti sessuali; gli episodi di nausea o vomito.
cisti ovariche

Dismenorrea y Sindrome Premenstrual

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,8€


Cause della ciste all'ovaia

Ciste esterna all'ovaia Le cisti alle ovaie si sviluppano solitamente in modo del tutto naturale e fisiologico prima dell'arrivo del ciclo premestruale. Periodo in cui si formano i follicoli che si occupano della produzione di ormoni e del rilascio dell'ovulo. Terminato il periodo fertile della donna senza che sia avvenuto il concepimento, il follicolo viene riassorbito in modo automatico dal corpo. Se questo non avviene e continua a svilupparsi, può formarsi una sacca contenente sangue e liquido, la ciste all'ovaia. Esistono diverse tipologie di cisti ovariche. Di natura fisiologica come la ciste follicolare, dovuta ad un mancato riassorbimento delle stesse; o di natura patologica come la ciste all'ovaia Dermoide, la ciste detta Cistadenoma e gli Endometrioni. In alcuni casi la ciste non si sviluppa all'interno dell'ovaia ma sui tessuti esterni.

  • fibroma Il fibroma ovarico è un tumore benigno che attacca l'organo riproduttivo femminile, le ovaie; sono tumori che rappresentano la maggior parte delle neoplasie benigne non solo dell'ovaio, ma anche di tu...
  • Follicolo ovarico Il follicolo ovarico è una struttura tondeggiante all’interno dell’ovaio. All’interno del corpo la donna possiede, sin dalla nascita, milioni di follicoli, ma solo circa 400 matureranno nel corso dell...

Prosvit - Salute della Prostata

Prezzo: in offerta su Amazon a: 24,9€


Come individuare la ciste all'ovaia

dolore per ciste ovarica La presenza di ciste all'ovaia viene rilevata in alcuni casi da una semplice visita ginecologica. Il medico in seguito per accertarsi della effettiva presenza , della tipologia e della dimensione della ciste effettuerà alcuni esami specifici. L'ecografia pelvica permette al ginecologo di visualizzare sul monitor l'ovaia e l'eventuale ciste. In questo modo può valutarne la composizione, la misura e l'esatta posizione. La laparoscopia invece richiede un piccolo intervento sotto anestesia. Si tratta di una piccola incisione nella zona pelvica attraverso la quale il medico inserirà un apposito strumento per visionare la ciste in modo più diretto. Il test di gravidanza, se positivo, rivelerebbe la presenza di un follicolo che, trasformato in corpo luteo, si è riempito di sangue e liquido dando forma alla ciste.


Ciste all'ovaia: Cura della ciste all'ovaia

cura cisti ovariche Dopo aver effettuato tutti gli accertamenti e gli esami diagnostici del caso, il medico deciderà la migliore terapia per curare la ciste all'ovaia. La scelta del ginecologo verrà condizionata dal tipo di ciste, dall'età della paziente e dalla sintomatologia oltre al numero di cisti presenti. In caso sia di tipo patologico o più di una, ovaia policistica, solitamente il medico opta per l'esportazione chirurgica per evitarne ulteriori sviluppi. Se la ciste risulta essere di tipo fisiologico, si evita la rimozione tenendo sotto controllo l'ovaia aspettando che il follicolo infiammato si riassorba in modo naturale. Se questo non avviene si procede all'asportazione. Un altro metodo utilizzato è la prescrizione della pillola anticoncezionale, utile a ridurre il pericolo di formazioni cistiche e cangerogene alle ovaie.



COMMENTI SULL' ARTICOLO