Dentista

La bocca, è una delle parti del corpo maggiormente soggetta all’attacco dei batteri. Molto spesso una scarsa igiene orale, può comportare problematiche abbastanza serie ai denti, alla bocca, e ai tessuti presenti in essa. Per una bocca sana è importante seguire delle regole ben precise che vertono innanzitutto su una corretta alimentazione, e inoltre si basino su un’igiene orale costante e metodica. I denti andrebbero lavati un minimo di tre volte al giorno, e comunque sempre dopo i pasti. I denti vanno spazzolati accuratamente durante il lavaggio, con uno spazzolino dalle setole medie o dure e con un dentifricio al fluoro che protegga lo smalto dentale impedendo il pericoloso attacco batterico. Quando denti vengono spazzolati in maniera frettolosa, o poche volte al giorno, si può andare incontro a problematiche serie. La più comune di esse è la carie dentale. In questo particolare caso, ... continua

Articoli su : Dentista


1          ordina per:  pertinenza   alfabetico   data  
1          ordina per:  pertinenza   alfabetico   data  
prosegui ... , è necessario consultare un igienista dentale. Quest’ultimo, attraverso l’utilizzo di particolari strumentazioni, rimuove il problema alla radice, riportando il dente ad una condizione salutare. Gli strumenti utilizzati dal dentista sono quelli manuali e ad ultrasuoni. Questi ultimi sono dotati di una dentellatura specifica che consente la rimozione del tartaro e della placca che si depositano nello strato sottogengivale. La dentellatura stessa, favorisce con i suoi svariati movimenti continui la rimozione delicata dello strato tartareo formatosi, pulendo la zona interessata in profondità. Gli strumenti manuali invece, possono essere utilizzati parallelamente a quelli ad ultrasuoni, o da soli, e non solo favoriscono l’eliminazione del tartaro, ma garantiscono anche la levigatura radicolare. Il dentista, si occupa della cura della bocca, e dei denti in particolare, ma anche dell’estetica del sorriso. I tabagisti soffrono di una problematica comune: l’ingiallimento dentario. La nicotina infatti, si deposita sullo smalto dei denti scolorendolo con l’andare del tempo e causandone l’ingiallimento. Il dentista grazie all’utilizzo di particolari gomme, paste abrasive e sostanze sbiancanti elimina le macchie formatesi sullo strato dentario, e riporta i denti al naturale biancore iniziale. Ultimamente per lo sbiancamento dentario vengono utilizzate delle lampade al laser che agiscono in comunione con speciali abrasivi, favorendo in poche sedute il ripristino del colore latteo dello smalto dentale. Il dentista va consultato a scadenze regolari che oscillano tra i tre e i sei mesi. A seconda della problematica da trattare, saranno poi concordate le sedute da effettuare presso l’igienista di fiducia per raggiungere i risultati auspicati.