Ernia iatale cura

Caratteristiche e possibili cause dell'ernia iatale

L'ernia iatale si verifica quando una parte dello stomaco passa attraverso il diaframma, il principale muscolo respiratorio, e si viene a trovare nel torace invece che nell'addome. In condizioni normali lo stomaco si trova completamente sotto al diaframma. Nella parte sinistra di quest'ultimo è presente una piccola apertura, lo iato, attraverso cui passa l'esofago e al quale è perfettamente aderente. In alcuni soggetti, per cause poco note, lo iato si indebolisce, si allarga e parte dello stomaco fuoriesce verso l'alto. Le cause della patologia potrebbero dipendere da predisposizione genetica, obesità, esercizio fisico pesante o sforzi durante la defecazione. Questo tipo di ernia è piuttosto frequente prima dei 60 anni d'età e può colpire fino a 6 persone su 10, sebbene spesso non dia alcun problema.
Raffigurazione di ernia iatale

Adiva Entero 15

Prezzo: in offerta su Amazon a: 24,88€


Le tre tipologie principali della patologia

Le tre tipologie di ernia Ci sono tre tipologie fondamentali di ernia iatale e cura relativa: 1. Ernia da scivolamento. Questa è la più diffusa, non è fissa e può muoversi in su e in giù, attraverso il diaframma. La piccola ernia di solito non dà problemi e non si avverte nemmeno. 2. Ernia fissa. La parte alta dello stomaco resta bloccata nel torace ma generalmente non provoca gravi sintomi. A volte però è l'esofago ad avere disturbi. 3. Ernia mista o complicata. È assai rara ed anche tutto lo stomaco può essere intrappolato nella cavità toracica. Nella maggior parte dei casi quest'ernia causa fastidi e può essere necessario intervenire chirurgicamente. Qualunque tipo di ernia iatale è più frequente al di sopra dei 50 anni e colpisce soprattutto la donna, specie in gravidanza, a causa della pressione addominale verso l'alto.

  • Stomaco dolorante per ernia iatale L'ernia iatale è una patologia spesso asintomatica, si stima infatti che possano soffrirne quasi 6 persone su 10, ma che può anche dare sintomi fastidiosi quali dolore e bruciore di stomaco, reflusso ...
  • Descrizione dell'ernia iatale L'ernia iatale è una particolare condizione anatomica che consiste nella risalita di una porzione dello stomaco dalla cavità addominale a quella toracica. E' un disturbo molto diffuso, non è considera...
  • mangiare L’apparato digerente è costituito da alcuni organi fondamentali che “collaborano” tra di loro per permettere di ricavare dai cibi che ingeriamo tutte le sostanze nutritive e di espellere tutte le sost...
  • Localizzazione reflusso gastroesofageo Le cause dell'esofagite possono essere molteplici e di varia natura. Raramente questo disturbo infiammatorio può essere causato da fattori iatrogeni come l'accidentale ingestione di sostanze corrosiv...

Lievito di birra in diretta revivificabili 120 capsule: tonificante digestione unghie capelli pelle acne in fase attiva

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,77€
(Risparmi 24,64€)


Quali sintomi può dare la malattia

Alcuni sintomi della patologia L'ernia iatale, in particolare quella da scivolamento, non causa problemi alla maggior parte degli individui. In alcuni casi si avverte bruciore di stomaco e rigurgito acido. Nel caso dell'ernia fissa il paziente ha un reflusso gastro-esofageo cronico che potrebbe arrivare a provocare ulcere e sanguinamento e, in certi soggetti, anche asma. Raramente può causare anemia. Se l'infiammazione della parte bassa dell'esofago perdura a lungo, le ulcere e i restringimenti che si verificano rendono difficoltoso deglutire e far entrare il cibo nello stomaco. Può succedere che altre patologie dolorose, come dispepsia, dolore addominale, ulcera gastrica o problemi cardiaci vengano attribuiti dal paziente all'ernia che solitamente non dà gravi dolori. Solo il medico può effettuare una diagnosi differenziale.


Ernia iatale cura: Diagnosi dell'ernia iatale e cura più adatta

Radiografia di ernia iatale La diagnosi si effettua mediante radiografia con mezzo di contrasto. A questo esame è spesso abbinata la gastroscopia. L'ernia iatale si cura soltanto se provoca sintomi fastidiosi come frequente bruciore di stomaco e deglutizione difficile. È necessaria una cura anche per le infiammazioni e ulcerazioni dell'esofago. Alcuni farmaci riducono l'acidità gastrica e altri migliorano il tono dell'esofago riducendo il reflusso. Si sconsiglia di fumare, bere caffè, alcolici e bevande gassate, mangiare cioccolato e agrumi, cibi troppo grassi e contenenti menta e spezie piccanti perché tutti favoriscono il reflusso gastro-esofageo. I pasti devono essere più piccoli e frequenti e occorre evitare di coricarsi nelle prime ore dopo aver mangiato per non favorire il rigurgito acido.



COMMENTI SULL' ARTICOLO



sitemap %>