Eritema marginato

In che modo nasce l'eritema marginato?

Quando si utilizza il termine eritema, in medicina, ci si riferisce a svariate ipotesi di eruzioni e irritazioni cutanee, caratterizzate dall'insorgere di macchie rossastre che si sviluppano in diverse parti del corpo. L'eritema marginato si può verificare a seguito di una febbre reumatica, di sovente accompagnato da febbre e debolezza. Caratterizzato dalla presenza di macchie dal color rosa salmone, più scure al centro e più sfumate verso l'esterno, l'eritema marginato può svilupparsi senza alcun tipo di bruciore o prurito, diventando difficile da localizzare immediatamente in soggetti dalla pelle più scura. Questo particolare tipo di eritema, che può colpire sia bambini sia adulti, si manifesta in modo anche violento sulle gambe, sul tronco e sulle braccia, mentre si riscontrano pochi casi a carico di mani, piedi e viso. Spesso temporaneo e transitorio, l'eritema marginato può durare anche pochi giorni senza lasciare tracce o cicatrici visibili.
Esempio di eritema multiforme

CALCIOLISIN H -30 compresse- integratore alimentare a base di Lisina, Vitamina C, Echinacea, Magnesio, Calcio, Vitamina B12

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,9€


L'eritema marginato: segnali e sintomi da non sottovalutare

Eritema marginato diffuso Benché quest'affezione cutanea non sia molto diffusa, i suoi segnali tipici la rendono immediatamente diagnosticabile, anche con una certa tempestività. L'eritema marginato, infatti, nasce e si sviluppa come una sorta di "papula orticarioide", con delle lesioni di dimensioni variabili che, dal centro della parte colpita, s'irradiano verso l'esterno. Tra i sintomi più evidenti delle malattie reumatiche, le lesioni derivanti da eritema marginato sono spesso accompagnate da noduli sottocutanei, localizzati in corrispondenza delle articolazioni, dei tendini delle mani e dei piedi. Pur essendo un tipo di malattia piuttosto raro, l'eritema marginato presenta diversi segnali da non sottovalutare assolutamente, giacché essi potrebbero indicare lo svilupparsi di una febbre reumatica. In particolare, infatti, degni di nota sono l'insorgere improvviso di un forte mal di gola, l'ingrossamento dei linfonodi, rush cutaneo, febbre al di sopra dei 39 gradi e una lingua rossa con escrescenze carnose.

    LA SAPONARIA Burro di KaritÚ biologico (Gel, Oli, Burri, Unguenti Corpo) / Organic Shea butter (Gel, Oli, Burri, Unguenti Corpo)

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 7€


    Eritema marginato e febbre reumatica

    Diffusione totale dell'eritema Il manifestarsi improvviso di un eritema marginato può nascondere una patologia più grave, conosciuta come febbre reumatica o "reumatismo articolare acuto", che colpisce specialmente bambini tra i 5 e i 15 anni d'età. L'origine della malattia, del suo rapido diffondersi e svilupparsi, deriva dallo streptococco di tipo A. Se non preso in tempo, quest'agente patogeno può dar luogo a conseguenze decisamente più serie per l'organismo, quali la poliartrite invalidante, un dolore addominale piuttosto forte e intenso, episodi di tachicardia, insufficienza cardiaca di tipo fulminante e, persino, causare la "Corea di Sydenham", una sindrome neurologica caratterizzata da rapidi movimenti, involontari e scoordinati. Se, per i casi più gravi e intensi di eritema marginato, si rende necessario il consulto del medico, per quelli più lievi, si può agire in via autonoma anche a livello locale, applicando sostanze emollienti con proprietà decongestionanti per ridurre il gonfiore e l'eruzione cutanea.


    La durata e la cura dell'eritema marginato

    Eritema marginato a chiazze A seconda del grado di aggressività e della durata dell'eritema marginato, si distingue tra eritema cronico, acuto e recidivante. Tutti questi casi, però, sono caratterizzati da una circostanza comune: una lesione cutanea, più o meno estesa, caratterizzata da un aumento del livello del sangue a carico dei vasi sanguigni. L'eritema può essere attivo o passivo: nel primo caso, l'eritema è generato dal maggior volume del sangue arterioso; nel secondo caso, invece, esso è provocato da una maggiore quantità di sangue venoso. Se l'eritema passivo si verifica a seguito di un disturbo circolatorio più o meno intenso, l'eritema attivo è dovuto, principalmente, all'azione del calore e a tutti i processi di tipo infiammatorio, proprio come avviene per l'eritema marginato. Non contagioso e non trasmissibile da un individuo all'altro, l'eritema marginato può essere combattuto con aspirina, con farmaci cortisonici e con l'ausilio d’iniezioni di penicillina, da ripetere ogni quattro settimane.




    COMMENTI SULL' ARTICOLO