Porpora

Porpora: che tipo di malattia è e come si manifesta

Appartenente a un insieme eterogeneo di malattie, la porpora è una lesione simile a un ematoma rossastro o violaceo, derivante dallo scoppio dei capillari sotto lo strato superficiale della pelle. In base all'eziologia e conseguentemente all'alterazione specifica della "fase vascolare" oppure di quella piastrinica dell’emostasi, la porpora porta con sé petecchie ed ecchimosi di tipo secondario localizzate in parti specifiche del corpo o presenti sull'intera superficie cutanea. In campo medico si distingue tra porpora piastrinica e in porpora vascolare. Nel primo caso, la porpora può essere una diretta conseguenza dell'alterazione piastrinica, mentre nel secondo caso, essa è dovuta dall'infiammazione di vasi sanguigni molto piccoli. Ma quali possono essere le cause della porpora? Se le porpore piastriniche sono dovute a una diminuzione della conta delle piastrine, le porpore vascolari possono essere congenite oppure derivanti da fattori secondari, tra cui allergie e infezioni.
Esempio di porpora nei bambini

Porpora: Germanico in Germania

Prezzo: in offerta su Amazon a: 21,79€
(Risparmi 0,05€)


Come si manifesta la porpora: il quadro clinico

Porpora superficiale a chiazze A seconda dei vari tipi di porpora, abbiamo diverse manifestazioni della malattia. Le petecchie rossastre e violacee, infatti, formano sulla cute delle zone arrossate, di estensione variabile. Grazie alla digitopressione o alla vetropressione, si possono facilmente isolare le chiazze purpuriche dai semplici eritemi. Se, in quest'ultimo caso, la pressione di un dito sulla cute infiammata genera la ritrazione della macchia, in presenza di episodi purpurici, le lesioni derivano dallo stravaso del sangue dai vasellini. Quindi, anche facendo pressione sulla porzione di cute interessata, il colore della chiazza rimane sempre lo stesso. Petecchie, chiazze ed ecchimosi derivanti da porpora possono avere dimensioni differenti ed estendersi su di una superficie cutanea anche piuttosto vasta. Se gli episodi di porpora infiammatoria sono facilmente individuabili, avvertibili al tatto e alla vista, la porpora di tipo non infiammatorio, non solo è asintomatica, ma non presenta lesioni apprezzabili.

  • Forfora continuativa da dermatite seborroica La dermatite seborroica è un disturbo cutaneo particolarmente diffuso tra gli uomini in età compresa tra i 18 ed i 40 anni. Solitamente colpisce il cuoio capelluto, ma può interessare anche le pieghe ...
  • Acido borico in polvere Le micosi pelle sono processi infettivi che colpiscono i tessuti cutanei in varie forme e zone. Infatti non è solo la pelle ad essere colpita dai funghi cutanei ma anche unghie, peli, capelli, mucose ...
  • Unghia nera L'unghia nera è un problema molto comune e di facile identificazione a causa della sua evidente manifestazione. Infatti, quanto un dito della mano o del piede viene schiacciato (ad esempio in una port...
  • Contusione con ematoma al ginocchio Con il termine contusione si indica un'importante varietà di lesioni che si generano da traumi diretti. Essa differisce nettamente dalla ferita perché non è abbastanza forte da provocare discontinuità...

ORLANDO

Prezzo: in offerta su Amazon a: 20,74€


Porpora piastrinica e vascolare: conosciamole meglio

Porpora alle gambe e alle braccia Differenti per forme e dimensioni, le porpore possono manifestarsi in centinaia di varianti differenti. La porpora trombocitopenica, dovuta a una decisa diminuzione delle piastrine, può derivare da un'inclinazione al tabagismo, all'alcolismo, da una prolungata assunzione di farmaci diuretici, estrogeni o di tipo chemioterapico. Oltre a ciò, la porpora trombocitopenica può essere generata da anemia megaloblastica, da cirrosi epatica, da una leucemia particolarmente aggressiva e da tutte quelle malattie autoimmuni che portano alla distruzione degli autoanticorpi. La porpora vascolare, invece, vede una spiccata pluralità di malattie, sia congenite sia secondarie, insorgenti in casi particolari. Tra le malattie congenite responsabili della porpora abbiamo la sindrome di Marfan e la sindrome di Ehlers-Danlos mentre, tra le cause secondarie di porpora vascolare, si annovera la crioglobulinemia, la fragilità vasale, come nel caso dello scorbuto o delle malattie del tessuto connettivo, il morbo di Cushing, l'ipertensione capillare, a seguito di vomito, diarrea e tosse prolungata, infezioni di tipo batterico o fattori psicogeni, quali ansia, ossessioni e disturbi isterici e maniacali.


Come si combatte tra diagnosi e cura

Porpora fulminante Per diagnosticare correttamente un episodio di porpora, il medico può affidarsi all'osservazione diretta delle lesioni cutanee. Qualora le lesioni non siano facilmente apprezzabili, occorre un esame clinico più approfondito. Il medico può sottoporre il paziente a una serie di analisi, tra cui quelle del sangue, per valutare la presenza di immunocomplessi o anticorpi. Nei casi più gravi, inoltre, il medico potrebbe decide di sottoporre il paziente a una biopsia per osservare il tipo di infiammazione e lo stato effettivo delle necrosi. Il trattamento medico varia a seconda della causa che scatena la malattia. Mentre per le infezioni batteriche si raccomanda l'uso di antibiotici, in caso di virus si ricorre ai farmaci antivirali. Infine, se i pazienti affetti da porpora psicogena possono essere trattati con ansiolitici o farmaci antidepressivi, chi soffre di riduzione piastrinica, può trovare beneficio con l'assunzione di glucocorticoidi o con la somministrazione di immunoglobuline.




COMMENTI SULL' ARTICOLO