Ragadi seno

Cosa sono le ragadi seno ?

Le ragadi seno sono ferite vive di diversa entità e profondità. Si presentano come piccoli tagli presenti sull'areola e sul capezzolo del seno femminile. Queste dolorose e fastidiose abrasioni si formano frequentemente a causa dell'errato modo in cui i neonati cercano di succhiare il latte materno durante le prime settimane. Le ragadi al seno possono diventare un problema durante il periodo dell'allattamento, visto che essendo ferite aperte, possono diventare bersaglio di batteri, provocando infezioni al seno materno. Inoltre il forte dolore che si prova durante l'atto ne mette a dura prova la sua continuità, infatti può provocare la rinuncia ad allattare il neonato naturalmente, privandolo del nutrimento più indicato per il suo sviluppo. L'importante è non scoraggiarsi visto che è un fatto frequente ed esistono soluzioni.
Ragadi seno

SenoCap Paracapezzoli coppette in argento 925 per la prevenzione e la protezione del seno in caso di ragadi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 32,5€


È possibile prevenire le fastidiose ragadi seno ?

Allattamento seno La causa di questi dolorosi taglietti e screpolature è l'attaccamento sbagliato del neonato al capezzolo materno durante i primi giorni di allattamento. Senza abbattersi e con molta pazienza, sforzatevi di controllare che il vostro piccolino o piccolina si attacchi correttamente al seno, chiedete se necessario aiuto e consiglio all'ostetrica. Inoltre non sottovalutate la corretta e regolare igiene personale del vostro corpo e del seno, per combattere ed allontanare il più possibile germi e batteri, cause di possibili infezioni. Sempre per prevenire le ragadi seno, vi consigliamo di effettuare movimenti di rotazione sull'areola con le dita in modo da stimolare il capezzolo. Così facendo, il capezzolo risulterà più turgido, in modo che il neonato sia avvantaggiato nella fase iniziale dell'attaccamento al seno.

  • allattamento La mammella è un organo ghiandolare pari, e viene comunemente chiamato seno o petto. E’ un organo presente sia nell’uomo che nella donna, ed ha la stessa conformazione in entrambi i sessi, prima della...
  • seno La maggior parte delle donne, nutrono una profonda insoddisfazione nei confronti del proprio corpo. La tendenza a perfezionarsi, cresce di pari passo con le mode, che cambiano continuamente ed influen...
  • seno e chirurgia estetica Una donna per sentirsi tale ha il bisogno di avere un seno che la soddisfi. Di solito nessuna donna riesce ad essere contenta del proprio corpo, c'è insomma sempre qualcosa che non sembra soddisfarla....
  • seno Il seno costituisce il simbolo della femminilità e non solo. Avere un seno proporzionato sicuramente conferisce maggiore bellezza alla donna che potrà in questo modo sentirsi più sicura di sé e non an...

DERMOVITAMINA RAGADI SENO - crema trattamento e prevenzione per le ragadi al seno - 30 ml

Prezzo: in offerta su Amazon a: 7,31€


Come si possono curare le ragadi seno ?

Dolorose ragadi La cura più naturale consiste nello spremere il seno facendo uscire un paio di gocce di latte, per poi spalmarle sul capezzolo. Grazie alle proprietà antibatteriche del latte materno, si riduce il rischio di infezioni, nel frattempo si aiutano le ferite a cicatrizzarsi. Prima di rivestirsi è importante lasciare asciugare i capezzoli evitando di lavarli subito con sapone, visto che ne provocherebbe una seccatura e screpolatura maggiore. L'importante è consultare anche l'ostetrica ed intervenire tempestivamente seguendo i consigli indicati. Alcuni esperti consigliano l'uso di principi attivi come lozioni e pomate specifiche, che spalmate sul capezzolo aiuterebbero la ferita a cicatrizzarsi più velocemente. Molto spesso di tratta di oli vegetali oppure olio di mandorla. Ricordate che le ragadi al seno non sono una motivazione che esclude il proseguimento dell'allattamento materno.


Ragadi seno: Persone competenti nel settore

Allattare seno Importante è non farsi condizionare dalle dicerie e da tutte quelle persone che si sentono in dovere di darvi consigli dicendovi come fare. Le ostetriche sono le persone più indicate per suggerirvi il rimedio per le ragadi seno. Allattare il neonato per poco tempo con la scusa di fare riposare i capezzoli non è certamente la soluzione corretta per le ragadi, perché potrebbe provocare variazioni nel sistema di produzione del latte materno. Trovate una sistemazione comoda per il vostro corpo (generalmente seduti oppure leggermente sdraiati), poi grazie all'aiuto di un apposito cuscino, sistemate il neonato cercando di attaccarlo al seno. Se si forma il vuoto tra la bocca ed il capezzolo significa che l'allattamento sta avvenendo in maniera corretta, eviterete così le le fastidiose e dolorose piaghe chiamate ragadi.



COMMENTI SULL' ARTICOLO