Seno dolorante

Sensazioni e cause principali

Le donne sono soggette, in età fertile, ad un ciclo ormonale che mensilmente si ripete. Quando la donna ha le mestruazioni, si ha un innalzamento di estrogeni e un abbassamento di progesterone; man mano che le mestruazioni si esauriscono, il profilo ormonale cambia, fino a raggiungere un picco di estrogeni (momento in cui avviene l'ovulazione a circa 15 giorni dalla fine del ciclo), con un calo netto di progesterone, per poi procedere verso un'inversione degli stessi, con picco di progesterone e calo di estrogeni. Il momento in cui la donna avverte un seno dolorante è proprio quello corrispondente all'abbassamento degli estrogeni e all'innalzamento del progesterone. La causa principale di un seno dolorante è dunque pura endocrinologia e fisiologia, due motivazioni che non devono destare sospetto o spavento.
Dolore seno

Feyè – Il balsamo per la cura della pelle con olio di arachidi (50 ml) – è un balsamo per la cura delle pelli secche e molto secche – inodore

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,03€


Come distinguere un dolore ormonale da uno diverso

Donna seno Il seno dolorante da cambiamenti dell'assetto ormonale femminile comporta un tipo di algia molto simile a quello che si prova per un grande livido. Quando la donna si appoggia ad una superficie o schiaccia il seno contro il letto durante la notte, avverte questo dolore che può essere più o meno intenso a seconda della concentrazione progestinica del momento. Solitamente, anche solo lo sfioramento dei capezzoli arreca dolore, così come lo schiacciamento del seno. La particolarità del seno dolorante da ciclo ormonale è quello di essere solo temporaneo, presentandosi puntualmente ogni mese e nella stessa fase post-mestruale. Inizia gradualmente ad intensificarsi, per poi svanire altrettanto gradualmente. Se il seno dolorante è invece una sensazione persistente, è necessario consultare un medico.

  • allattamento La mammella è un organo ghiandolare pari, e viene comunemente chiamato seno o petto. E’ un organo presente sia nell’uomo che nella donna, ed ha la stessa conformazione in entrambi i sessi, prima della...
  • seno La maggior parte delle donne, nutrono una profonda insoddisfazione nei confronti del proprio corpo. La tendenza a perfezionarsi, cresce di pari passo con le mode, che cambiano continuamente ed influen...
  • seno e chirurgia estetica Una donna per sentirsi tale ha il bisogno di avere un seno che la soddisfi. Di solito nessuna donna riesce ad essere contenta del proprio corpo, c'è insomma sempre qualcosa che non sembra soddisfarla....
  • seno Il seno costituisce il simbolo della femminilità e non solo. Avere un seno proporzionato sicuramente conferisce maggiore bellezza alla donna che potrà in questo modo sentirsi più sicura di sé e non an...

Hosaire Bambino ciuccio Clip Attache Sucette bambini capezzolo cibo fresco latte Nibbler cibo alimentatore sicuro bambino ciuccio bottiglie capezzolo tettarella (Blu)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 5€


Quando approfondire gli esami

Donna autopalpazione Sebbene un seno dolorante debba essere considerato normale e fisiologico in tutte le donne, ci possono essere casi specifici in cui, invece, rappresenta il campanello d'allarme per alcuni tipi di problemi sanitari. Raramente il dolore al seno è un avvisaglia di tumore, perché solitamente questa malattia insorge silenziosamente, a meno che la massa non sia talmente sviluppata da schiacciare letteralmente la ghiandola mammaria. Più spesso, invece, un seno dolorante potrebbe essere indice della presenza di una fibrocisti intramammaria. In questi casi è necessario rivolgersi ad un medico, soprattutto se all'autopalpazione del seno si avverte un piccolo nodulo sotto le dita. L'eventuale presenza di una fibrocisti mammaria può essere una cisti benigna, così come un piccolo fibroadenoma maligno; per questo motivo è sempre molto importante fare controlli di routine annuali.


Seno dolorante: Terapie

Visita medica Se il seno risulta dolorante in maniera continuativa e non scompare dopo la fase progestinica del ciclo mestruale, bisogna necessariamente approfondirne le motivazioni. Dopo una visita clinica di base dal proprio medico curante, sarà opportuno fissare un'ecografia e una radiografia mammaria, per escludere la presenza di un eventuale nodulo cistico. Nel caso in cui dovesse essere presente una piccola massa, si procederà con un ago aspirato della cisti, il cui materiale verrà esaminato in laboratorio per stabilire di che natura sia. Solitamente le masse benigne vengono asportate chirurgicamente senza ulteriore terapia, mentre le masse maligne necessitano di chemio o radioterapie, per evitare metastasi o potenziali recidive. Effettuare l'autopalpazione mensilmente è un piccolo gesto fondamentale per essere tempestivi e prevenire problemi importanti.



COMMENTI SULL' ARTICOLO