Metodo billings

Cos'è il metodo Billings?

Il metodo Billings, o MOB, messo a punto dal medico austrauliano John Billings, è un modo naturale di calcolare i propri giorni fertili e individuare il momento dell'ovulazione. Basarsi sul calcolo standard, secondo cui si ovula al 14° giorno di ciclo, non basta perchè non tutte le donne sono uguali ma, soprattutto, non tutti i cicli sono uguali. L'assetto ormonale femminile è una questione influenzata da troppi fattori per pensare che ogni mese, precisamente, si ovuli a metà ciclo. Molto più preciso è, invece, osservare giorno per giorno il risultato di ciò che sta avvenendo nel corpo in quel preciso momento. Questo è possibile proprio seguendo la teoria del Dottor Billings. Con il MOB si osserva il muco cervicale quotidianamente e, in base ai suoi cambiamenti, si può stabilire con una certa sicurezza in quale fase del ciclo ci si trova. Questo serve ad ottimizzare la percentuale di successo del concepimento, mirando i rapporti nei giorni sicuramente fertili ma non può essere considerato un metodo contraccettivo sicuro.
Esempio di grafico di osservazione dell'andamento del ciclo mestruale

Il metodo dell'ovulazione. Atlante

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,05€
(Risparmi 2,48€)


Il ciclo mestruale secondo Billings

Ovaie anatomia Il ciclo mestruale è il periodo di tempo che intercorre tra una mestruazione e l'altra. Dura generalmente 28 giorni ma sono considerati normali anche cicli più brevi o più lunghi. Nei primi giorni di ciclo, ossia quelli mestruali, i livelli di estrogeni sono bassi, anche se è già in atto il processo di maturazione follicolare e, quindi, un innalzamento dell'ormone FHS follicolo stimolante, prodotto dall'ipofisi. Nei giorni successivi l'FSH stimolerà le ovaie a produrre estrogeno e il suo livello crescerà considerevolmente fino a raggiungere il picco massimo che determinerà l'ovulazione, cioè lo scoppio del follicolo e il rilascio dell'ovulo. A quel punto il livello dell'estrogeno scenderà rapidamente e comincerà a salire quello dell'ormone luteinizzante, LH e del progesterone, che servono a supportare l'ovulazione e a preparare utero ed endometrio all'eventuale annidamento. Se non avviene il concepimento nei 2-3 giorni utili, i livelli ormonali scenderanno e l'ovulo verrà escreto, insieme al prodotto dello sfaldamento endometriale, con la mestruazione successiva. Tutti questi cambiamenti ormonali apportano modifiche sostanziali, visibili a occhio nudo, sul muco cervicale.

  • Gravidanza e concepimento Essere mamma è uno dei sogni di moltissime donne, è una condizione assolutamente naturale generata dall'amore verso un'altra persona. Per poter mettere al mondo un figlio è necessario che ci sia un'un...
  • Temperatura basale, basta un termometro per rilevarla La temperatura basale altro non è che la temperatura del nostro corpo al risveglio, quando il nostro organismo è ancora a riposo dopo il sonno notturno. Con una semplice misurazione della temperatura ...

Il metodo dell'ovulazione. Come regolare la fertilità femminile

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,17€
(Risparmi 2,32€)


Cos'è il muco cervicale e perchè è importante

Fasi del muco cervicale Il muco cervicale è un fluido prodotto dalle cellule endocervicali estremamente sensibile ai cambiamenti ormonali. Osservarlo è altamente indicativo della fase mestruale in cui ci si trova. La sua funzione è, sostanzialmente, protettiva e selettiva. Serve a proteggere le pareti vaginali e uterine e lubrificarle e serve ad ostacolare il passaggio degli spermatozoi nelle fasi non fertili e a favorirlo in quelle fertili. Riconoscere la composizione del muco sfavorevole e del muco favorevole, automaticamente, secondo il metodo Billings, darà importantissime indicazioni su quanto è probabile riuscire a concepire in quel determinato giorno. Tutte le donne producono muco cervicale, anche se in quantità diverse. Per alcune sarà molto facile prelevarne un po' e osservarlo, per altre no. In questo caso ci si può basare sulla sensazione che si prova a livello vaginale. Ai fini del concepimento non è assolutamente importante la quantità di muco prodotta ma esclusivamente la sua qualità.


Metodo billings: Il muco cervicale nelle varie fasi mestruali

Gravidanza Nei primi giorni di ciclo, con la mestruazione in atto, non c'è muco cervicale. Subito dopo prevale una sensazione vulvare di secchezza e il muco è assente. Man mano che trascorrono i giorni e il livello degli estrogeni aumenta, si comincerà a poter osservare il muco cervicale che può essere biancastro o giallino, lascia una sensazione vulvare di asciutto e secca rapidamente sugli slip o sulla carta. In prossimità della metà del ciclo si inizia a sperimentare, a livello vaginale, una sensazione di bagnato e scivoloso e il muco cervicale diventa più denso, filante, molto simile alla chiara dell'uovo. Se tenuto tra le dita forma filamenti lunghi anche diversi centimetri senza rompersi. È il segnale che inizia la fase fertile. L'ultimo giorno in cui è presente muco di questo tipo, accompagnato da sensazione di bagnato scivoloso è detto "picco del muco". Entro 24 ore avverrà l'ovulazione. Quindi, i giorni utili ai rapporti mirati al concepimento dovranno essere concentrati a cavallo di questi giorni. Avvenuta l'ovulazione il muco secca rapidamente, lasciando di nuovo la sensazione di asciutto, che sarà quella prevalente fino alla mestruazione successiva.



COMMENTI SULL' ARTICOLO