Test di Coombs indiretto positivo

Fattore Rh discorde tra madre e feto

In caso di gravidanza, uno dei primi esami del sangue che la gestante deve affrontare è il test di Coombs indiretto, atto a monitorare la reazione del sangue della madre a quello del feto. Qualora la gestante abbia fattore Rh negativo ed il padre, invece, positivo, esiste la possibilità che il feto presenti un'incompatibilità con il sangue della madre perchè Rh positivo, perciò il test di Coombs diventa particolarmente importante per salvaguardare la salute del neonato. Le cellule del sangue delle persone con fattore Rh positivo, infatti, presentano un enzima chiamato antigene D sulla propria membrana. Chi ha fattore Rh negativo, invece, è in grado di produrre e mettere in circolo anticorpi che riconoscono ed attaccano tale antigene, provocando la distruzione dell'intero eritrocita. Durante la gravidanza esiste l'eventualità che il sangue della madre e del feto entrino in contatto e che, dunque, il nascituro sviluppi la Malattia Emolitica del feto (MEN).
test di coombs

Noi ci vogliamo bene. Gravidanza, allattamento, svezzamento: emozioni, scienza e ricette per mamma, papà e bebè

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,73€
(Risparmi 2,77€)


Malattia emolitica del feto

Prelievo di sangue a donna incinta Durante la gravidanza c'è la possibilità che una minima parte del sangue della madre e di quello del feto entrino in contatto. In caso di discordanza sanguigna per quanto riguarda il fattore Rh, l'organismo della madre potrebbe avviare un processo di immunizzazione producendo ed immettendo in circolo anticorpi anti-D in grado di attaccare le cellule del sangue del feto. Se tale aggressione da parte dell'organismo materno raggiunge una consistenza importante, il feto sviluppa la Malattia Emolitica Feto-Natale (MEN), la quale può provocare un'anemia emolitica nel nascituro, con gravi danni, anche permanenti, nel neonato, oppure, nel peggiore dei casi, può portare alla morte intrauterina del feto.Il test di Coombs indiretto, perciò, verifica e misura la quantità di anticorpi anti-D nel circolo sanguigno della madre e va effettuato da tutte le gestanti entro la sedicesima settimana di gravidanza.

  • Pancione gravidanza La gravidanza è il momento più importante nella vita di una donna. Esistono però alcune regole da osservare per riuscire ad affrontare il periodo della gestazione in maniera serena e tranquilla. Aspet...
  • gravidanza Per una donna la gioia più grande è poter diventare mamma, ma il processo che porta alla nascita di un figlio non è come fare una passeggiata. Durante insomma la gravidanza la donna sarà sicuramente f...
  • sapone L’igiene è fondamentale per la salute del nostro corpo ed in particolare per le zone intime che sia per gli uomini che per le donne sono soggetti a irritazioni e a formazioni di batteri. Le patologie ...
  • gravidanza Il periodo della gravidanza sicuramente è uno dei più importanti per qualsiasi donna. Il poter mettere al mondo il proprio figlio è la gioia più grande che possa esistere per il mondo femminile. Ogni ...

reggiseno allattamento mamma in puro cotone aris 100% cotone (3, BIANCO)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,17€


Test di Coombs indiretto, quando farlo

Provetta di sangue Mentre le donne Rh positive, dopo il primo esame entro la sedicesima settimana di gravidanza, devono ripetere il test di Coombs indiretto solo durante l'ultimo trimestre di gestazione, le donne Rh negative devono prestare maggiore attenzione.Esistono delle condizioni che rappresentano dei fattori di rischio concreti e che richiedono, perciò, un monitoraggio costante: se il padre del nascituro è Rh positivo, infatti, esiste l'eventualità che anche il feto lo sia; se la donna ha già affrontato una gravidanza con fattore Rh discordante, inoltre, essa potrebbe già essere immunizzata contro l'antigene D. Durante il parto, infatti, lo scambio di sangue tra neonato e madre è consistente; il nuovo feto, se Rh positivo, perciò, corre un rischio maggiore di sviluppare la malattia emolitica fetale.È necessario, dunque, che le donne Rh negative ripetano il test di Coombs indiretto ogni mese. Se il test dà esito positivo, inoltre, il monitoraggio va intensificato, ripetendolo ogni 15 giorni.


Test di Coombs indiretto positivo: Cosa fare quando il test è positivo

Donna incinta Quando il test di Coombs indiretto positivo è necessario effettuare ulteriori esami per identificare la natura della risposta immunitaria, di cui la più frequente è, appunto, quella dovuta all'incompatibilità del fattore Rh. A questo punto il medico effettuerà alla gestante un'iniezione intramuscolo di immunoglobuline anti-D, in grado di neutralizzare gli anticorpi prodotti dall'organismo materno che attaccano le cellule del sangue del feto. Spesso, nelle donne Rh negative la profilassi anti-D viene effettuata entro 72 dal parto per evitare l'immunizzazione e prevenire eventuali complicazioni nelle future gravidanze. Esiste la possibilità che il test di Coombs indiretto risulti positivo per altri tipi di incompatibilità ematiche: se quelle del sistema AB0 sono più frequenti, ma non causano danni rilevanti, esistono interazioni rarissime tra altri fattori (come Kell, c, E), che purtroppo rendono il trattamento più complicato.



COMMENTI SULL' ARTICOLO