Blefarite

Eziologia della blefarite

Vi sono tre tipi diversi di Blefarite, a seconda della causa: Blefarite ulcerativa(causata da infezione batterica da stafilococco); iperemica, la quale non ha una specifica causa; squamosa o seborroica, causata da seborrea, acne rosacea o forfora. I fattori che ne provocano l'insorgenza sono molteplici; può essere causata da infezioni batteriche(stafilococciche o streptococciche), malattie della pelle(eczema seborroico), problemi alimentari(avitaminosi), malattie patologiche(diabete), accumulo di grassi nel sangue, da un prolungato uso delle lenti a contatto, da fattori ambientali come l'esposizione ad ambienti polverosi o irritanti, dermatite seborroica, malattie endocrine ed autoimmuni, rosacea, malattie croniche intestinali, allergia ad alcuni ingredienti dei cosmetici, o da ostruzioni o disfunzioni delle ghiandole ciliari. Oltre a queste cause, vi è anche una percentuale di predisposizione genetica.
Palpebra superiore blefarite

SleepEase® Mascherina occhi contro la blefarite e gel –progettata per alleviare blefarite, occhi secchi, orzaiolo, emicrania/mal di testa, comprende tappi e custodia da viaggio.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,99€
(Risparmi 22,24€)


Sintomatologia della blefarite

Applicazione lenti contatto La sintomatologia della Blefarite, come l'eziologia, è molto varia; questo perché i sintomi sono diversi a seconda della causa scatenante. Tra di essi vi sono: occhi rossi, prurito, bruciore, dolore e arrossamento delle palpebre, le quali potrebbero essere anche vischiose, arrossate e gonfie, con conseguente difficoltà ad aprirle, soprattutto al mattino. Lacrimazione degli occhi e desquamazione cutanea intorno ad essi. Ciglia piene di piccole croste; fotofobia(fastidio in presenza di luce) e sensazione di polvere negli occhi. Fastidio nel portare le lenti a contatto ed infine anomalie nella crescita delle ciglia o addirittura perdita di queste ultime. In caso di Blefarite infettiva, inoltre, palpebre molto appiccicose accompagnate da presenza di secrezione giallo-verde.

  • occhio Esistono numerosi prodotti di bellezza in commercio che garantiscono il miglioramento di molte parti del corpo. Là però dove il make up o particolari prodotti estetici non arrivano, ecco che si punta ...
  • Calazio su palpebra superiore Il calazio è una patologia che riguarda l'occhio. Si tratta di una piccola cisti che si forma sulla palpebra superiore o inferiore in seguito all'infiammazione di una delle ghiandole di Meibonio, le g...
  • trucco occhi Gli occhi sono lo specchio dell’anima, il riflesso più profondo dei sentimenti. Gli occhi sono sempre sinceri, espressivi, ammalianti, dolci, incantati, maliziosi. Mettere in evidenza lo sguardo è un’...
  • occhiaie Le occhiaie corrispondono alla zona sottostante agli occhi appunto, che per una serie svariata di cause, tende a cambiare forma e colorito. Il rilassamento della pelle, porta alla formazione di un sol...

Biotrue 20 Quotidiano Occhio Igiene Della Palpebra Salviette Per MGD & Blefarite Senza Conservanti

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,79€


Diagnosi della blefarite

Fotofobia sensibilità luce Poiché vi sono vari tipi di Blefarite, la prima cosa da fare è parlare col medico della sintomatologia così da fare successivamente un accertamento diagnostico, eseguito attraverso la lampada a fessura, fondamentale per poter capire quale terapia intraprendere, prima che la malattia peggiori e diventi cronica. Inoltre per una diagnosi corretta, l'oculista all'occorrenza, se necessario, procede alla spremitura della palpebra per controllare lo stato della secrezione che ne fuoriesce. Nel momento in cui c'è il sospetto di una Blefarite infettiva, il medico asporta una piccolissima parte di tessuto dalla palpebra infiammata per poter poi procedere ad un indagine cellulare in laboratorio; questa procedura viene attuata per risalire all'agente infettivo che ha causato il problema così da fornire al paziente una cura adeguata.


Blefarite: Terapia e cure

Applicazione collirio La cura per la Blefarite non è semplice ma soprattutto non è breve, poiché purtroppo è una malattia che tende a diventare cronica e quindi a recidivare; questo vuol dire che non si elimina facilmente ne tanto meno totalmente, ma tende a ricomparire più volte nonostante la guarigione. Prima di tutto è certamente consigliabile una scrupolosa e accurata igiene delle palpebre attraverso detersione, impacchi caldo umidi(utile la camomilla che è anche lenitiva) e un massaggio palpebrale. Per quanto riguarda il trattamento farmacologico viene utilizzata una cura antibiotica attraverso pomate oftalmiche che allontanano i germi, soprattutto nel caso di Blefarite batterica. Vengono inoltre anche utilizzati farmaci corticosteroidei, oppure, nel raro caso di infezione da miceti, si passa alla prescrizione da parte del medico di antimicotici.



COMMENTI SULL' ARTICOLO