Calazio

Calazio: cos'è e perchè si forma?

Il calazio è una patologia che riguarda l'occhio. Si tratta di una piccola cisti che si forma sulla palpebra superiore o inferiore in seguito all'infiammazione di una delle ghiandole di Meibonio, le ghiandole adibite alla produzione del sebo che serve alla lubrificazione dell'organo. Quando una di queste si infiamma, il dotto escretore si ostruisce e il sebo rimane intrappolato sottopelle. La ghiandola continua a produrne ma, non riuscendo a drenarlo, si gonfia dando origine alla pallina con cui si manifesta questa patologia.Molto spesso il calazio viene confuso con l'orzaiolo perchè visivamente sono simili. In realtà, l'orzaiolo ha origine batterica ed è molto doloroso inoltre, se ben curato, ha un decorso piuttosto breve, di circa due o tre giorni durante i quali espelle completamente il pus formatosi all'interno del rigonfiamento.
Calazio su palpebra superiore

Bdeals 3 pezzi set curetta meyhoefer calazio orecchio chirurgico, ORL, strumenti di buona qualità

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,29€


Trattamento del calazio

Esempo di blefarite Nella maggior parte dei casi i soggetti colpiti non hanno sintomi dolorosi. Più che altro il rigonfiamento sull'occhio dà una fastidiosa sensazione di appesantimento della palpebra, specialmente se si ingrossa molto. Il calazio, inoltre, è comune nei pazienti che soffrono di blefarite, una fastidiosa infiammazione di origine batterica. In questo caso oltre alla formazione della cisti si assiste alla formazione di crosticine sulle ciglia, accompagnata da prurito e bruciore.Il trattamento della patologia dipende dalla gravità della stessa, dal fastidio che la cisti provoca e dall'età del paziente. Al comparire del calazio si cerca di arginarne il gonfiore ricorrendo a metodi naturali come impacchi caldi e lavaggi. Tuttavia, se la cisti cresce e comincia a premere sulla cornea l'unica soluzione è ricorrere all'intervento chirurgico.

  • Calazio Il calazio è visibile e riconoscibile, in quanto si tratta di un'escrescenza dura, arrossata e gonfia che si può formare in un punto qualsiasi della palpebra o della plica palpebrale. La causa è imput...
  • trucco occhi Gli occhi sono lo specchio dell’anima, il riflesso più profondo dei sentimenti. Gli occhi sono sempre sinceri, espressivi, ammalianti, dolci, incantati, maliziosi. Mettere in evidenza lo sguardo è un’...
  • occhiaie Le occhiaie corrispondono alla zona sottostante agli occhi appunto, che per una serie svariata di cause, tende a cambiare forma e colorito. Il rilassamento della pelle, porta alla formazione di un sol...
  • palpebra La palpebra è il più importante rivestimento dell’occhio. Trattasi di una membrana mobile che ha nei confronti del bulbo oculare una funzione protettiva sotto diversi punti di vista. La palpebra infat...

desmarres calazio pinzette Eye Micro strumento

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,7€


Asportazione per via chirurgica

Rimozione chirurgica del calazio Se il calazio cresce troppo e non accenna a ridursi in maniera autonoma, l'unica soluzione praticabile è l'asportazione. Si tratta di una piccola operazione che viene eseguita dall'oculista in ambulatorio. Al termine dell'intervento, nelle prime ore post operatorie, non è infrequente che il soggetto operato avverta bruciore e gonfiore alla palpebra. In questo caso dovrà applicare colliri specifici prescritti dal medico. Esiste una procedura alternativa all'intervento chirurgico consistente nell'iniezione di corticosteoridi, per favorire lo svuotamento della cisti. Lo svantaggio di questa cura è che provoca lo chiarimento della pelle nell’area trattata e non è quindi indicata per chi ha la cute scura.Per evitare complicazioni, è necessario mantenere sempre una corretta igiene, quindi non toccare la zona malata con mani sporche e lavare spesso gli occhi.


Il calazio nei bambini

Bambina con calazio Questa patologia colpisce tanto gli adulti quanto i bambini. Anche in questo caso si assiste all'ostruzione di una ghiandola di Meibonio che impedisce la fuoriuscita del sebo lubrificante. Generalmente si manifesta con prurito, che il bambino cerca di contrastare sfregando con forza l'occhio. In tal modo ottiene però l'effetto contrario perché lo sfregamento, specialmente se fatto con le mani sporche, aumenta l'infiammazione e provoca dolore. Per questo motivo è una buona regola rivolgersi subito all'oculista.Di solito per i bambini non è consigliabile l'intervento chirurgico, poichè deve essere fatto in anenstesia totale, ma è sufficiente applicare impacchi caldi o tiepidi sull'occhio e aspettare la guarigione spontanea, che avviene entro 15-20 giorni. Se ciò non accade si ricorre a una terapia farmacologica fino alla completa guarigione.




COMMENTI SULL' ARTICOLO