Spirometria valori

Spirometria: come si esegue

La spirometria è un esame diagnostico di facile esecuzione in grado di valutare molteplici parametri, purchè correttamente interpretato e contestualizzato dal medico. Il paziente non deve fare altro che espirare, dopo una profonda ispirazione, in un apparecchio chiamato spirometro tramite un boccaglio sterile. Di solito è necessario continuare a soffiare per un tempo prolungato indicato dal medico stesso. Poichè il comportamento respiratorio in fase di test è piuttosto variabile, spesso l'esame viene ripetuto 3 volte di seguito per garantire la maggiore oggettività possibile. Il medico formula la diagnosi basandosi sui dati raccolti dallo spirometro e sulle altre caratteristiche fisiologiche del paziente, come età, altezza, peso, sesso, ecc. Esistono 4 possibili diagnosi: quadro normale, ostruttivo, restrittivo e misto. Qualora si riscontri uno dei 3 quadri patologici, a questo viene anche accostata una valutazione della gravità: lieve, moderata, grave o molto grave.
Una donna esegue una spirometria

Spirometro MIR SMART ONE - Misuratore di picco di flusso e FEV1

Prezzo: in offerta su Amazon a: 89€


Spirometria valori, i parametri standard

Grafico di una spirometria La spirometria è in grado di valutare diversi parametri che rientrano o meno nella normalità su base statistica. I parametri comunemente misurati sono: la Capacità Vitale Forzata (FVC), ossia il massimo volume d'aria espirato, mediamente 4800 ml per gli uomini e 3200 ml per le donne; il Volume Espiratorio Massimo in un Secondo (VEMS o FEV1) è il volume massimo espirato in un secondo. Il rapporto FEV1/FVC, detto anche Indice di Tiffeneau, non dovrebbe essere inferiore al 75%-80%. Altri parametri ricorrenti nei referti spirometrici sono: il Volume Corrente (VC), ossia la quantità d'aria inalata ed esalata in un atto respiratorio, i cui valori medi sono 600 ml per gli uomini e 500 ml per le donne, il Volume Residuo (VR), ossia l'aria residua nei polmoni alla fine dell'atto espiratorio e la Capacità Polmonare Totale (CPT), ossia la massima quantità d'aria presente nei polmoni, data dalla somma dei due precedenti valori, in media 6000 ml per gli uomini e 4800 ml per le donne.

    Opere d'arte Adesivi murali, Art Sticker Decal Murale, Stili Multi, Arte Adesivi murali in vinile Stickers murali Oggettistica per la casaLe attività di aerobica per ragazze esercitano 43cmx104cm

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 6,7€


    Parametri spirometrici e diagnosi

    Pneumotorace La Capacità Vitale Forzata (FVC) e il Volume Corrente (VC) servono a valutare l'integrità dell'apparato respiratorio, in particolare delle strutture polmonari, anche valutando l'efficienza nella capacità di inalare e esalare un volume sufficiente d'aria. Il Volume Espiratorio Massimale in un Secondo (VEMS), invece, dà indizi sulla presenza o meno di patologie ostruttive o di lesioni che intaccano l'elasticità e la funzionalità meccanica di tutte le vie aeree. Se l'indice di Tiffeneau, infatti, scende sotto il 75% del valore atteso è probabilmente presente una sindrome ostruttiva, di solito a carico dei bronchi. Una riduzione della Capacità Polmonare Totale (CPT), invece, indica una disfunzione di tipo restrittivo, di solito causata da patologie a carico di muscoli o strutture ossee coinvolti nella respirazione, o anche da pneumotorace. Il valore della spirometria per quanto riguarda il CPT non dovrebbe mai scendere sotto l'80% del volume predetto su base statistica.


    Attività sportiva e patologie respiratorie

    Ragazza che pratica sport Per svolgere un'efficiente attività sportiva in tutta sicurezza è necessario valutare in maniera corretta la spirometria e i suoi valori. Durante l'attività sportiva, infatti, l'organismo ha bisogno di innalzare la richiesta energetica, provocando, dunque, un maggior apporto di sangue ai tessuti affinché aumenti la disponibilità di ossigeno a livello muscolare. Per far fronte a tale esigenza metabolica, l'organismo si adatta aumentando la gittata cardiaca, la frequenza respiratoria e la profondità del respiro. Aumentando le prestazioni respiratorie, dunque, potrebbero rivelarsi patologie rimaste nascoste: per questo è importante diagnosticare preliminarmente eventuali patologie respiratorie. L'asma bronchiale, per esempio, è una delle patologie croniche potenzialmente incompatibili con l'attività sportiva: si tratta di una malattia infiammatoria che causa l'ostruzione dei bronchi e che può anche richiedere un trattamento farmacologico.




    COMMENTI SULL' ARTICOLO