Sodio benzoato

Che cos'è il sodio benzoato, origini e caratteristiche

Il sodio benzoato è un conservante alimentare molto diffuso in commercio che si comporta come attivatore metabolico: se abbinati ad una regolare attività fisica e a una dieta sana, gli integratori alimentari a base di sodio benzoato aiutano a perdere peso facilmente e a mantenersi in forma. Deriva dall'acido benzoico, una sostanza presente naturalmente nei cibi di largo consumo e inserita anche dalle grandi aziende alimentari in prodotti pronti, bevande, drink energetici e condimenti alimentari. Il sodio benzoato è anche contenuto in molto piante i cui estratti vengono impiegati nella medicina officinale e nell'erboristeria sotto forma di unguenti, pomate e impacchi. Inoltre è spesso impiegato anche in alternativa al sale. Non ci sono studi che attestano la comparsa di effetti collaterali ma è certo che gli integratori alimentari a base di sodio benzoato vanno assunti in dosi certe e nelle giuste concentrazioni: solo rispettando l'esatto dosaggio si ottengono benefici fisici e mentali.
Il sodio benzoato in polvere

100 G sodio benzoato idrosolubili E211 qualità alimentare sodio sale

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,99€


Proprietà e benefici del sodio benzoato

Nel latte ci sono tracce di sodio benzoato Il sodio benzoato è presente naturalmente nei cibi come sale e artificialmente negli alimenti come conservante: possiamo regolarmente trovarlo in bevande, snack, alimenti precotti, nelle piante e in moltissimi prodotti di prima necessità. Ad esempio nel latte ci sono tracce di sodio benzoato pari a 6 milligrammi per chilogrammo mentre nello yogurt e nei formaggi ne troviamo da 12 milligrammi a 40 milligrammi al chilo. Anche la frutta contiene sodio benzoato fino ad un massimo di 14 milligrammi per chilogrammo mentre altri cibi come i legumi, le patate e i cereali ne hanno pochissimo. In qualità di integratore alimentare, il sodio benzoato ha effetti positivi ma soltanto se si rispettano le indicazioni sui dosaggi e se si abbina il trattamento con dieta leggera e sport. Quando acquistate le capsule, controllate il contenuto di sodio benzoato in milligrammi e scegliete dosi leggere pari a a 6 milligrammi per capsula: una al giorno può facilitare l'attivazione del metabolismo.

    Selfcontrol / CD 266 D 01 / Sodio benzoato - 100 strisce reattive + 100 strisce di controllo

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,99€


    Il sodio benzoato, dosi giuste e dosi tossiche

    Integratori di sodio benzoato Il sodio benzoato è una sostanza molto chiacchierata: il suo uso non è ufficialmente vietato, non ci sono studi scientifici che evidenziano con assoluta certezza la comparsa di effetti collaterali e non c'è prova di un legame tra l'assunzione di sodio benzoato e l'insorgenza di tumori. Ma è pacifico che abuso e dosi tossiche di sodio benzoato possano generale conseguenze indesiderate, anche gravi in molti casi. Il consiglio generale quando assumete integratori alimentari che contengono sodio benzoato è di rispettare alla lettera le indicazioni, evitando di superare le dosi massime consigliate e di finire nelle dosi tossiche. Il quantitativo massimo ammesso di acido benzoico è dello 0,1% in America, la soglia di tolleranza in Europa invece è tra lo 0,015 e lo 0,5% di sodio benzoato in forma di capsule. Questi numeri valgono per gli integratori alimentari ma anche per cibi, prodotti e bevande che contengono sodio benzoato. Alla comparsa di segnali d'allarme, non esitate a contattare il vostro medico di fiducia.


    Sodio benzoato: Il sodio benzoato in farmaci e alimenti

    Il sodio benzoato è presente nelle bevande Oltre che nelle forma di integratori alimentari, possiamo trovare il sodio benzoato anche nei farmaci. Ricordiamo che il sodio benzoato non è vietato ma che un eccesso di questa sostanza può provocare effetti e danni a lungo termine, per cui facciamo attenzione anche nel caso dei farmaci. Molti medicinali, infatti, contengono abbondanti tracce di acido benzoico, parente stretto del sodio benzoato: di solito si tratta di prodotti per l'igiene orale, medicinali blandi come antidolorifici e antipiretici ma anche dentifrici. Il consiglio anche in caso è di controllare bene le etichette e i bugiardini dei farmaci e di verificare di non essere nelle dosi tossiche. Al massimo ogni giorno potrete assumere 30 milligrammi e non dovete mai prolungare i trattamenti a base di sodio benzoato per più di una settimana. Il sodio benzoato è molto concentrato anche in bevande gasate, bevande alcoliche e preparati liquidi industriale.



    COMMENTI SULL' ARTICOLO