Crociato posteriore

Cosa sono i legamenti?

I legamenti sono strutture fibrose molto robuste che collegano tra loro due ossa o parti dello stesso osso. Non sono da confondere con i tendini, che legano i muscoli all'osso. La loro funzione è invece di proteggere un'articolazione quando la sua integrità è messa in serio pericolo da movimenti particolari o forze esterne che potrebbero compromettere la struttura cui sono collegati. Il legamento crociato posteriore, assieme a quello anteriore (LCA), aiuta a mantenere il ginocchio stabile. É costituito da due fasci di fibre di collagene di tipo I: uno anterolaterale, di maggiori dimensioni e uno posteriore mediale, oltre a due fasci accessori, cui talvolta ci si riferisce come al terzo legamento crociato. La definizione di "crociato" dipende dal fatto che LCP e LCA formano una X al centro del ginocchio.
dolore ginocchio

Il legamento crociato posteriore del ginocchio [Copertina flessibile] by Spin.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 30,99€


Lesione del legamento crociato posteriore

Dolore al ginocchio Sebbene accada meno di frequente rispetto alla lesione dell'LCA, anche il legamento crociato posteriore può subire rotture. Le cause più frequenti sono i forti impatti dovuti a incidenti automobilistici, come nel caso del cosiddetto trauma da cruscotto, che si verifica quando il ginocchio impatta con forza contro il quadro di comando, causando uno slittamento della tibia e la conseguente rottura del crociato. Altre cause sono legate agli sport che prevedono contatto fisico, specialmente rugby, calcio e calcetto, oppure a un'iperestensione del ginocchio che può verificarsi, ad esempio, all'atterraggio da un salto. A seconda dell'entità del danno, le lesioni vengono classificate in:

- I grado: la più lieve, con il danneggiamento di solo una parte del legamento:

- II grado: trauma di gravità moderata che causa dolore e instabilità dell'articolazione;

- III grado: rottura del legamento

  • Ginocchio e crociato posteriore Il legamento crociato posteriore collega il femore alla tibia, insieme ad altri legamenti. Tra tutti è il più resistente e non si rompe troppo spesso. Quando però succede il paziente ha problemi a dec...
  • infortuni Per chi pratica spesso attività fisica è normale ogni tanto ritrovarsi con qualche leggero infortunio. Solitamente sono soprattutto gli atleti professionisti a far fronte a particolari infortuni sport...
  • Distorsione ginocchio La distorsione al ginocchio è una patologia a carico dei muscoli delle gambe: può essere causata da una caduta, da un trauma, da una contusione o da un movimento sbagliato degli arti. È un disagio tem...
  • Legamenti caviglia anatomia I legamenti caviglia si dividono in due gruppi: legamenti deltoidi e legamenti laterali. I legamenti deltoidi (chiamati anche mediali) sono quattro e prendono posto sul lato esterno della caviglia, me...

Aider Tipo Di Tutore Ginocchio 5 - Per Injury(Pcl) Del Legamento Crociato Posteriore, (A Sinistra)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 67,97€


I sintomi della lesione

dolore legamento crociato posteriore É piuttosto raro che la rottura del legamento crociato posteriore venga immediatamente diagnosticata. Gli indizi della patologia non sono molto chiari: il paziente che subisce la lesione avverte di solito un forte dolore locale e una sensazione di instabilità dovuta all'alterazione della normale mobilità dell'articolazione. Per questo motivo la diagnosi deve essere effettuata mediante specifici test, il più significativo dei quali è quello cosiddetto del cassetto posteriore: con il ginocchio flesso a 90 gradi, il test è positivo quando rivela una traslazione posteriore del piatto tibiale rispetto al femore. Se il cassetto posteriore è compreso tra 3 mm e 1 cm la lesione è parziale, se è superiore a 1 cm probabilmente è totale. Accertamenti più approfonditi vengono fatti mediante la risonanza magnetica.


Crociato posteriore: Trattamento e cura della lesione

Giocatore con tutore Per le lesioni di I e II grado è previsto un tutore o un bendaggio funzionale. Nel caso del tutore, durante i primi giorni di utilizzo deve rimanere bloccato in estensione, in seguito incrementato in flessione di 20° a settimana. Allo stesso tempo, è necessario seguire un programma di fisioterapia che aiuti il paziente nella riabilitazione funzionale del quadricipite. Nei casi di rottura, invece, si ricorre all'intervento chirurgico mirato alla ricostruzione del legamento. L'operazione viene eseguita sui soggetti più giovani, per evitare che crescendo possano soffrire di artrosi, e sugli sportivi di un certo livello per accelerarne il ritorno all'attività. Di solito, infatti, il trattamento conservativo è sufficiente per curare le lesioni isolate, ma quando non si dimostra risolutivo e l'articolazione rimane instabile, è necessaria l'operazione di ricostruzione.



COMMENTI SULL' ARTICOLO