Fluconazolo

Fluconazolo: descrizione e caratteristiche chimiche del farmaco

Il fluconazolo rientra nella ampia categoria di farmaci antimicotici, ovvero utilizzati nel trattamento delle infezioni funginee a carico dell'organismo umano. Questo è un farmaco triazolico che agisce grazie ad un particolare meccanismo che prevede il blocco della demetilazione del 14 alfa-lanosterolo. Andando ad inibire questo passaggio, il fluconazolo riesce a bloccare anche la produzione dell'ergosterolo fungino, ovvero un componente essenziale della parete di questi organismi. L'azione principale che viene sfruttata del fluconazolo è quella da fungistatico, anche se non mancano i casi in cui esso può essere un ottimo principio attivo fungicida. L'assunzione orale di fluconazolo è la migliore soluzione per ottenere degli evidenti effetti: è stato dimostrato che dopo sole due ore dalla somministrazione, viene assorbito quasi completamente nel cavo orale.
Farmaci in capsule rigide

Gyno canesflor

Prezzo: in offerta su Amazon a: 24,5€


Indicazioni utili e posologia per il trattamento con fluconazolo

Infezione di Candida al microscopio La forma farmaceutica maggiormente utilizzata contenente fluconazolo è quella in capsule rigide. Queste contengono 150 mg di fluconazolo e vanno assunte nel caso in cui vi siano infezioni funginee a carico dei vari sistemi dell'organismo umano. Una delle infezioni che può essere efficacemente curata con questo principio attivo è la Candida, sia quella orofaringea che quella esofagea. Viene utilizzata anche nel caso di meningite, coccidioidomicosi, infezioni micotiche delle unghie, oltre alle recidive delle varie infezioni. Per quanto concerne la posologia, essa varia a seconda della patologia e sarà il medico ad analizzare attentamente i casi. Il dosaggio viene stabilito previa valutazione dello stato dell'infezione: talvolta si può anche raddoppiare una posologia normale e si procede alla sospensione solo dopo aver fatto delle analisi che appurino l'assenza di infezione.

  • Occhiali e funzioni Quando si acquista un paio di occhiali è sempre importante capire l’uso che bisogna farne, perché spesso si rischia di fare un acquisto affrettato che risulta essere anche inutile. In genere se si avv...
  • Farmaci I farmaci, stando alla definizione dell’Organizzazione mondiale della sanità, sono sostanze in grado di influenzare i processi fisiologici o patologici di un organismo vivente.I composti che li cost...
  • farmaci antinfiammatori I farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) sono disponibili in varie forme: per uso orale in compresse e capsule, per uso topico in pomate, gel e creme dermatologiche, in supposte e in cerotti tra...
  • Contenitore aperto di farmaci Quando si parla di acetilcisteina si fa riferimento ad un farmaco derivato dell'amminoacido cisteina. Di grandissima importanza ai fini dell'azione fluidificante nei confronti del muco delle vie respi...

Bayer Gyno-Canesten Inthima Cosmetic, Detergente Intimo Lenitivo - 220 g

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,09€


Fluconazolo, attenzione alle controindicazioni ed avvertenze per l'uso

Nuove cure per le micosi Il fluconazolo è un efficace farmaco antimicotico che però potrebbe essere controindicato in diversi casi. Innanzitutto, bisogna evitare l'assunzione di fluconazolo nel caso in cui si siano registrate in passato allergie a questo principio attivo o ad altri derivati azolici. Cautela particolare va utilizzata non solo per quanto riguarda le donne in gravidanza, ma anche per bambini e persone che soffrono di problemi o patologie epatiche. In questi casi sarà il medico a stabilire il dosaggio corretto e la modalità di assunzione. Prima di utilizzare fluconazolo, va ricordato che questo è un farmaco da assumere con grande attenzione nel caso di soggetti con problemi renali, cardiovascolari, biliari e soggetti che abbiano avuto manifesti segni di ipersensibilità ai derivati azolici. Cautela va utilizzata anche per l'uso contemporaneo di alofantrina e fluconazolo: con l'assunzione concomitante potrebbe esserci una concentrazione maggiore di quest'ultimo.


Fluconazolo: effetti collaterali e resistenza micotica

Forte dolore al fegato Gli effetti collaterali del fluconazolo non sono particolarmente gravi, pur essendo abbastanza numerosi. Rash cutaneo, cefalea, vertigini, vomito, nausea, trombocitopenia, convulsioni sono i sintomi più diffusi e che vengono annoverati tra i maggiori effetti collaterali. Quelli più rari sono l'anemia, ipokaliemia, oliguria, alopecia, oltre a seri problemi a livello epatico in soggetti già immunocompromessi. Pericoli ci possono essere anche per le donne in gravidanza: dosi alte di fluconazolo possono creare problemi di vario tipo al feto. Di recente si parla molto anche di resistenza funginea nei confronti di fluconazolo: il gene ERG11 è quello implicato in questo tipo di meccanismo. Questo gene determina alterazioni nella 14 alfa-demetilasi, per cui il fluconazolo trova il suo substrato ma non potrà andarsi a legare.




COMMENTI SULL' ARTICOLO