Osteocondrosi

Che cos'è l'osteocondrosi

L'osteocondrosi è una malattia che si manifesta soprattutto nei soggetti giovani e sportivi, con un processo di necrosi delle ossa. Questa patologia si rivela anche in presenza di forti traumi e interessa i nuclei epifisari: coinvolgendo le ossa lunghe e quelle brevi, una piccola porzione di osso o cartilagine si stacca dall'articolazione sana, provocando un'erosione che progressivamente tende ad aggravarsi con il tempo. Il processo lungo che ha un'evoluzione di circa un anno, innesca lo staccamento di una serie di corpi cartilaginei liberi che comportano dolore alle articolazioni. Denominati anche topi articolari, essi possono manifestarsi nel ginocchio, nell'anca, nel gomito. Nel caso in cui la patologia colpisce il calcagno, avviene una degenerazione dell'apofisi nella parte posteriore del calcagno. In presenza di piedi piatti o cavi, la malattia deriva da un cattivo appoggio dell'arto anche durante lo svolgimento di sport come il calcio o il basket.
Osteocondrosi durante lo sport

Proteinasas Cisteínicas en Discondroplasia, Osteocondrosis Equina: Inmunolocalización de Catepsina B en Osteoclastos del Caballo

Prezzo: in offerta su Amazon a: 34,89€


Le fasi dell'osteocondrosi

Osteocondrosi al gomito Esistono tre fasi dell'osteocodrosi: quella degenerativa, la necrotica e la riparativa. La prima fase comporta una degenerazione di tipo cartilagineo, dello strato che si trova tra la cartilagine articolare e il nucleo epifisario. Oltre a un piccolo appiattimento osseo, si riscontra un'interruzione del flusso dl sangue, un'occlusione dei vasi sanguingni trombizzati con fenomeni fibrosi. Nella fase necrotica si manifesta una necrosi con frammentazione dell'osso subcondrale. In particolare si denotano una deformazione del nucleo epifisario, un ingrossamento o accorciamento del collo femorale, un'incongruenza articolare. La terza fase, quella riparativa, è la fase in cui le articolazioni cercano di rigenerarsi, per recuperare il danno instaurato. Il risultato di quest'ultimo stadio dipende molto dal tipo di trattamento prescelto, al fine di arginare il danno cartilagineo ed evitare l'erosione ossea.

  • Visita al ginocchio Molto diffusa tra i bambini e i pre-adolescenti che praticano regolarmente sport, la sindrome di osgood-Schlatter colpisce l'apparato osseo della gamba. Nello specifico, si tratta di un processo infia...

"911+" - balsamo gel Rewmalgon per articolazioni con apitossina, glucosamina, condroitina, 100 ml (etichetta in lingua italiana non garantita)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,05€


Sintomi dell'osteocondrosi

Infiammazione al ginocchio L'osteocondrosi, che si manifesta in età adolescenziale, comporta un affaticamento nello svolgere le attività sportive. L'articolazione colpita appare dolente ed è possibile riscontrare un gonfiore, un edema dovuto alla presenza di versamento articolare. Il progressivo blocco articolare si presenta con una difficoltà a deambulare, in caso di osteocondrite al ginocchio si tende a zoppicare, per via della limitazione alla intrarotazione. Il dolore nelle prime fasi risulta sopportabile, con il passare del tempo si fa via via più intenso: colpendo in modo lento ma inesorabile le parti ossee, in modo intermittente, impedisce in parte lo svolgimento delle funzioni quotidiane. Quando iniziano a delinearsi i primi frammenti cartilaginei, quest'ultimi si staccano provocando dolori forti e continui, con una conseguente riduzione della motilità articolare. Collegata all'osteocondrite è l'ipertrofia del quadricipite: questi muscoli, rilassandosi per via del malfunzionamento articolare, aggravano ancor più la mobilità degli arti colpiti.


Osteocondrosi: Diagnosi e trattamento della patologia osteocondrale

Fisioterapia per il quadricipite Quando si manifestano i primi sintomi della patologia osteocondrale, occorre rivolgersi repentinamente a uno specialista del settore. L'ortopedico, con una visita approfondita, valuterà la situazione, richiedendo lo svolgimento di esami specialistici, come la risonanza magnetica e la TAC. La diagnosi precoce, che si serve di questi accertamenti diagnostici, è indispensabile per evitare lo svolgimento di trattamenti invasivi, come l'artroscopia, al fine di fermare l'evoluzione dell'osteocondrosi. La terapia conservativa impartita consiste nel riposo per almeno 6-8 settimane, l'applicazione di ghiaccio sulla parte dolente, da svolgersi per almeno tre volte al giorno. Nei giovani colpiti da tale patologia si ricorre all'uso del gesso, che immobilizza gli arti inferiori. La terapia farmacologica con la somministrazione di anti-infiammatori per lenire il dolore, va svolta secondo consiglio medico.



COMMENTI SULL' ARTICOLO