Rottura femore

Rottura del femore

Il femore è un osso lungo che si trova nella coscia e che in molti casi, a seguito di un trauma può essere soggetto a rompersi. La rottura del femore si verifica quando in seguito ad un evento traumatico l'osso si divide in più parti. La rottura del femore è uno dei traumi più frequenti e spesso riguarda le persone anziane che a causa dell'età iniziano ad avere carenze di nutrienti importanti e per questo motivo tendono ad essere più soggetti a questo tipo di fratture. Nonostante la sua elevata incidenza la rottura del femore può rappresentare un problema non indifferente, poichè la guarigione può richiedere molto tempo ed inoltre non sempre può avere esito positivo, infatti il paziente può restare invalido nei casi più gravi, può non essere in grado di riprendersi normalmente ed inoltre il tasso di mortalità per una frattura di questo genere è molto elevato a causa delle complicanze che possono verificarsi.
rottura del femore

McDavid PSII - Supporto ortopedico per ginocchio, con cardini, per il trattamento di lesioni a legamenti e cartilagine e artrite, perfetto per sport e sci

Prezzo: in offerta su Amazon a: 90,17€


Rottura del femore: sintomi e cause

radiografia rottura del femore La rottura del femore può avere diversi sintomi che variano in base alla tipologia della frattura stessa. I sintomi più facilmente identificabili in tutte le tipologie sono: - il dolore, - gonfiore nella zona della frattura, - impossibilità nel movimento della gamba. Spesso si può verificare la presenza di un livido nella zona dovuto alla lacerazione da parte dell'osso che causa perdite di sangue interne. La rottura del femore può interessare sia persone giovani che persone anziane. Nel primo caso la frattura è solitamente dovuta a traumi molto violenti che causano una rottura scomposta dell'osso. Questo capita soprattutto a coloro che praticano sport in modo abituale. Nel caso di persone anziane il discorso è generalmente diverso poichè spesso si tratta di persone affette da osteoporosi, motivo per cui la rottura delle ossa è molto più frequente. Ciò può essere causato anche dalla perdita del tono muscolare o anche da cadute dovute a cali di pressione e malesseri generali.

  • Rottura parte alta del femore La rottura del femore interessa particolarmente gli anziani, ma può verificarsi anche nei giovani. Nonostante si tratti di un osso molto resistente, il più lungo e voluminoso dell'organismo, traumi vi...
  • Struttura del femore Il femore è l'osso più lungo e voluminoso dello scheletro. Il collo è la parte più soggetta a fratture, per l'enorme carico ponderale a cui è sottoposto e per la sua conformazione. Nei soggetti giovan...
  • La frattura del femore Il femore è un osso del nostro corpo che fa parte degli arti inferiori, si trova nella coscia ed è considerato l'osso più resistente e lungo. Da un lato entra in contatto con l'osso dell'anca, mentre ...
  • Dolore alle anche La lussazione dell'anca è una patologia che coinvolge tutte le parti che compongono questa importante articolazione. Viene chiamata anche displasia dell'anca ed è causata dall'allontanamento delle par...

Dr. Arthritis - Guanti a Compressione con Rame Infuso per Artrite [coppia] e Manuale Medico - Eccellente Servizi Clienti – GARANZIA di Sollievo dai Sintomi dell’Artrite, della Malattia di Raynaud, del Tunnel Carpale & Altre Patologie della Mano (M)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,95€


Terapie per la rottura del femore

rottura del femore Il primo passo per identificare un osso rotto è l'esame radiografico, ciò permette di individuare con facilità anche lo stato della frattura, ovvero se è composta o scomposta. Nella maggior parte dei casi una frattura del femore prevede un intervento chirurgico che deve essere effettuato entro le 24/48 ore e che risulta obbligatorio al fine di evitare pericolose conseguenze per la salute del paziente. Spesso la terapia prevede l'impianto di una protesi soprattutto nel caso di pazienti anziani, nel caso invece di pazienti di giovane età si prevede l'impianto di viti o placche che consentano al femore di rimanere in posizione a contatto con le altre ossa, favorendo quindi la formazione del callo osseo. In ogni caso qualsiasi sia la tipologia di intervento scelta esse mirano sempre a garantire una ripresa del paziente in breve tempo in modo che possa riprendere le sue normali attività.


Rottura femore: Riabilitazione della rottura del femore

Riabilitazione rottura del femore Passati pochi giorni dall'intervento il paziente può iniziare a compiere i primi passi con l'ausilio delle stampelle o di un girello. Questa attività deve essere coadiuvata da apposite terapie con l'aiuto di specialisti che faranno si che la ripresa sia completa e che non ci siano problemi che impediscano il ritorno alla vita normale del paziente. La terapia inizia già da quando il paziente è ancora a letto, infatti dovrà far si di mantenersi in movimento per evitare spiacevoli conseguenze. Quando invece potrà alzarsi la terapia sarà mirata all'acquisizione di una postura corretta. In questi casi anche degli esercizi mirati in acqua possono risultare molto d'aiuto, insieme ad attrezzi che consentano il movimento delle gambe, come per esempio la cyclette. Tutte queste terapie devono essere mirate ad evitare l'insorgere di complicanze che potrebbero invalidare irreparabilmente il soggetto.



COMMENTI SULL' ARTICOLO