Latte di capra

Storia del latte di capra

I popoli delle rive del Mediterraneo già circa 10.000 anni fa utilizzavano il latte di capra per fare il formaggio. I Romani ne erano grandi consumatori, lo apprezzavano soprattutto macerato in olio di oliva che portavano con loro anche durante le spedizioni militari. Omero nella sua Odissea sottolinea l’interesse del ciclope Polifemo per il formaggio di latte di capra. Le qualità nutrizionali sono i motivi principali del suo successo ed è diventato, nel corso dei secoli, un prodotto sempre più popolare. Nel corso del Medioevo molti pagamenti nelle transazioni avvenivano con formaggi di capra. In Europa, con l'urbanizzazione alla fine del XIX secolo, il mercato dei prodotti caprini esplode letteralmente. Le popolazioni urbane più ricche amavano quei prodotti che evocavano la campagna dove avevano vissuto.
Da sempre le capre hanno caratterizzato le zone montane

Nanny Care latte di capra per neonati 400 g

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,59€


Caratteristiche del latte di capra

Composizione nutritiva del latte di alcuni mammiferi Il latte di capra contiene tutti gli otto aminoacidi essenziali, per un contenuto di proteine elevato (mediamente 8,7%) e di alta digeribilità. Questa buona digeribilità si ritrova anche nei grassi per merito delle piccole dimensioni delle loro particelle. Analogamente, la percentuale di acidi grassi a catena corta facilita l'assimilazione, fornendo energia prontamente disponibile. Il contenuto di zuccheri (lattosio e oligosaccaridi) svolge un efficace ruolo nel corretto equilibrio della flora intestinale. Il lattosio assicura anche un buon assorbimento del calcio, ma come nel latte di mucca, può essere causa di intolleranza per alcune persone. Ha un contenuto di ferro, potassio, calcio, magnesio e di vitamine superiore al latte di mucca. Nel latte di capra è presente anche la vitamina C, che nel latte vaccino è assente.

  • piramide alimentare La piramide alimentare è una vera e propria rappresentazione grafica piramidale che ha al suo interno una struttura precisa sulla quale si basa la dieta adatta ad ogni individuo. Di piramidi aliment...
  • disturbi dell'alimentazione Sempre di più si diffondono a macchia d’olio le patologie legate all’alimentazione. Questi disturbi, sono indotti o autoindotti e non dipendono direttamente dal cibo, ma da un’intolleranza ad esso, de...
  • alimentazione indiana Un’alimentazione corretta e sana è alla base di una vita tranquilla e serena, ed è allo stesso tempo il segreto di un corpo bello, attraente e in forma. Mangiare bene, è fondamentale, poiché dal cibo ...
  • il mirto Il mirto lo si può considerare tranquillamente un alimento, anche se principalmente si tratta di una pianta, detta Mirtys Communis, che è sempreverde e cresce nelle zone del Mediterraneo. Il mirto è p...

Biancoviso Latte di Capra Intero Bio Uht -9 Pacchi da 1 Cluster x 500 Gr

Prezzo: in offerta su Amazon a: 23,4€


Derivati del latte di capra

Formaggio caprino alle erbe aromatiche Con il latte di capra si producono yogurt, kefir, ricotta, panna, salse, cosmetici e ovviamente formaggi. La Francia è il primo paese al mondo nella produzione (concentrata nel sud della Loira) e nel consumo di formaggio di capra. Gli acidi grassi del latte di capra, in particolare l’acido caprilico e l’acido caprico contribuiscono al sapore caratteristico di questo tipo di formaggio. Questi acidi grassi costituiscono circa il 15% della totalità. Esiste una grande varietà di formaggi caprini freschi e a vari livelli di stagionatura, rivestiti con la cenere, con uvetta, con varie erbe e spezie (pepe, zafferano, ecc...), con il miele, marinato in olio d'oliva o vinacce. Possono essere utilizzati nelle insalate, riscaldati con il pane, con le marmellate o il miele.


Latte di capra: Tre buoni motivi per consumare latte di capra

Manifestazione allergica alimentare Un gruppo di ricercatori dell'Università di Granada (UGR), coordinato dalla professoressa Margarita Sánchez Campos, ha dimostrato che il latte di capra ha molti effetti benefici, tra cui: - contiene molte sostanze nutritive che lo rendono simile al latte umano. Ha un basso contenuto di caseina di tipo alfa 1, responsabile della maggior parte delle allergie al latte vaccino, ed è quindi ipoallergenico; - contiene acidi grassi essenziali (linoleico e arachidonico), del tipo omega 6, che tendono ad abbassare i livelli di colesterolo totale mantenendo adeguati i livelli di trigliceridi e transaminasi (GOT e GPT), diventando un alimento da preferire per la prevenzione delle malattie cardiovascolari; - ha un elevata quantità di zinco e selenio, micronutrienti essenziali per la difesa antiossidante e la prevenzione di malattie neuro degenerative.



COMMENTI SULL' ARTICOLO



sitemap %>