Piorrea

Che cos'è la piorrea

Definita anche parodontite o malattia parodontale, la piorrea è una malattia subdola e fastidiosa che colpisce l'intero assetto del parodonto, l'apparato che sorregge i denti, costituito da osso alveolare, legamento parodontale e gengive. Questo tipo di malattia, che esplode quasi in modo asintomatico, se tardivamente diagnosticata o trattata in modo superficiale, può portare alla perdita dei denti e a un'infezione perenne alle gengive, derivante dal progressivo riassorbimento dell'osso. Portando con sé un’abbondante fuoriuscita dal parodonto di sangue misto a pus di colore giallo, la piorrea compromette la masticazione e la funzione dentinale, rendendo pressoché impossibile il recupero dei denti, ancorché in buono stato di salute, essendo privi di carie. Diverse sono le cause che possono portare a una parodontite irreversibile. Tra le più note riscontrate in odontoiatria, si riscontrano la predisposizione genetica e l'abuso di sigarette e alcolici, oltre che una scarsa igiene orale.
Infezione generata piorrea

Gel Dentale Naturale PROPOLI+RATANIA Gengive infiammate/sanguinanti/Piorrea

Prezzo: in offerta su Amazon a: 20,5€


Come riconoscere e curare efficacemente la piorrea

Impianto dentinale Pu essendo, nella maggior parte dei casi, quasi del tutto asintomatica, la piorrea porta con sé dei segnali che sarebbe opportuno non sottovalutare. Sensibilità dentinale accentuata, alitosi persistente, gengive arrossate e doloranti al semplice tocco, spostamento dei denti, sanguinamento e fuoriuscita di pus, rappresentano solo alcuni degli indici da tenere sotto controllo. Non presentando subito una sintomatologia dolorosa, la piorrea è accertabile attraverso una periodica visita odontoiatrica oppure sottoponendosi a un controllo radiologico combinato alla verifica dello stato dell'osso alveolare, della gengiva e del legamento parodontale. Nonostante le cause dell'insorgere della malattia restino ancora sconosciute, si presume che la piorrea inizi a manifestarsi con una maggiore formazione di placca dentale accompagnata da tartaro. I batteri, in questo modo, irritano le gengive in modo sempre più persistente, arrivando a distruggere l'osso e le gengive in modo lento ma inesorabile.

  • Igiene orale La cura della propria bocca, parliamo quindi di igiene orale, è importante per evitare di ritrovarsi con patologie alquanto difficili da curare. I denti sono fondamentali per la nostra salute, essi no...
  • Dolore dentale La gengivite è l'infiammazione che coinvolge le gengive, ossia i tessuti che si trovano alla base del dente. I sintomi sono tra i più vari, anche se in genere l'esordio consiste nell'arrossamento dell...
  • sorriso denti Il sorriso è la più bella espressione del volto umano. La si ottiene alzando leggermente gli angoli della bocca, inarcando le labbra e coinvolgendo anche gli occhi. La carica espressiva e comunicativa...
  • colluttorio diluito La parola colluttorio deriva dalla parola latina colluttus, participio passato di “colluere”, che significa lavare, sciacquare. E’ un liquido destinato a pulire la bocca, e ad effettuare tutta una ser...

Fitofarmaceutica Olio Essenziale Mirra - Flacone da 10 ml

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,5€


Come curare la piorrea nel modo migliore

Infezione gengivale Anche se in passato si faceva ampio ricorso alla chirurgia, oggi l'insorgenza della piorrea può essere evitata o, quantomeno, tenuta sotto stretto controllo. Oltre alla detartrasi professionale, altrimenti definita pulizia dei denti eseguita da un medico dentista e all'inevitabile igiene orale - con lavaggio dei denti ogni volta che si mangia, uso di filo interdentale e collutorio specifico per ogni fascia d'età - la piorrea può essere combattuta eliminando fumo e alcolici, per evitare che le tossine in essi contenute possano favorire il proliferare dei batteri, responsabili della lenta ma continua erosione di denti e gengive. Il primo passo da compiere è recarsi da un professionista del settore, odontoiatra o dentista, per sottoporsi a una sessione di rimozione di placca e tartaro al di sotto dei denti o all'altezza delle gengive. Nei casi meno gravi di piorrea, questo trattamento articolato in più sessioni e svolto grazie all'ausilio di un laser ad alta potenza, è sufficiente a ristabilire il corretto assetto del cavo orale, rimuovendo i batteri responsabili dell'infezione. La cura, tempestiva ed efficace, si rivela molto utile per debellare la malattia allo stadio iniziale.


Piorrea: L'intervento chirurgico e gli altri rimedi

Piorrea diabete Pur se presa in tempo, all'insorgere dei primi sintomi, la piorrea può richiedere qualche intervento di tipo chirurgico. In questo caso, però, il trattamento è invasivo e doloroso, sia nella fase dell'operazione sia nella fase del decorso post-operatorio. Gli interventi chirurgici possono essere di due tipi differenti, uno resettivo e l'altro rigenerativo. Nel primo caso, il chirurgo procede al rimodellamento osseo, realizzando una plastica gengivale; nel secondo caso, con l'intervento rigenerativo, l'osso e la gengiva possono essere recuperati, utilizzando biomateriali, ossa e membrane di tipo autologo, appartenenti allo stesso paziente. Ovviamente, la scelta di procedere a un trattamento piuttosto che a un altro, non è casuale: va valutato attentamente il grado di riassorbimento dell'osso e dell'infezione della gengiva. Per controllare le infezioni batteriche ed evitare penose recidive, il medico può ordinare la somministrazione di antibiotici, quali doxiciclina e clorexidina.



COMMENTI SULL' ARTICOLO