Malattia di dupuytren

L'origine della malattia di dupuytren

La malattia di Dupuytren è una malattia che colpisce la mano. In maniera progressiva uno o più dita restano chiuse sul palmo della mano, non è più possibile aprire la mano completamente, si ha la sensazione di non avere più a disposizione le dita. Questa patologia può colpire indistintamente qualsiasi dito di una o entrambe le mani. Oltre alla chiusura delle dita è possibile che si crei una zona rigida al centro del palmo, corrispondente ai tendini interessati dalla patologia. Si tratta di un ispessimento del tessuto connettivo, del collagene necessario alle dita per muoversi. Il nodulo è un pezzo di tessuto cresciuto in maniera anormale, un tumore benigno. Infatti al suo presentarsi non si avverte dolore, il tessuto aumenterà le sue dimensioni e con il tempo impedirà alla mano qualsiasi movimento.
La malattia di dupuytren e le sue varianti

Crema Mani Propoli e Olio di Oliva - Emolliente e Lenitiva per Mani Secche e Screpolate - 75 ml

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13€
(Risparmi 3€)


Fattori di rischio del morbo di dupuytrens

La malattia allo stato iniziale Il blocco delle dita è dovuto ad un problema dell'aponeurosi palmare, che può interessare entrambe le mani. La malattia di dupuytren parte con il presentarsi di un nodulo di pochi millimetri che via via cresce e aumenta di volume nel giro di pochi mesi. L'ispessimento raggiunge i tendini vicini, i quali perdono via via elasticità fino ad atrofizzarsi completamente, si accorciano tanto da non permettere alle dita di aprirsi. La natura di questa malattia è principalmente di tipo genetico, in genere chi è colpito ha un familiare affine colpito che ha già manifestato la patologia. Diversi studi clinici hanno evidenziato una correlazione diretta tra problemi al polso e verificarsi del nodulo. Si tratta di una patologia che non porta dolore, dalla comparsa del nodulo allo stadio avanzato, non si avvertono fastidi fisici.

  • sublussazione della caviglia In termini medici una lussazione è una alterazione delle superfici delle articolazioni, in realtà si tratta della loro separazione, che può avvenire per diversi motivi. Una lussazione può essere conge...
  • Problemi cardiaci Il termine aritmie cardiache, è indicativo di alcuni fenomeni che colpiscono il tessuto del cuore, chiamato miocardio. Caratteristica del miocardio è quella di contrarsi ad intervalli regolari, ed è p...
  • Articolazione spalla La spalla è un'articolazione complessa importantissima per il normale svolgimento della nostra vita. La usiamo talmente tante volte nell'arco della giornata e nei più svariati modi che, quando ci fa m...
  • Articolazione spalla La spalla è un'articolazione complessa importantissima per il normale svolgimento della nostra vita. La usiamo talmente tante volte nell'arco della giornata e nei più svariati modi che, quando ci fa m...

Neutrogena Crema Concentrata Per Mani Secche e Screpolate 75 ml

Prezzo: in offerta su Amazon a: 5,4€


I fattori di rischio della malattia di dupuytren

Trattamento preventivo della mano La malattia di dupuytren ha principalmente una storia genetica e, di conseguenza, il suo presentarsi ha una probabilità molto alta nei soggetti in cui vi sono già casi passati e presenti di familiari affini che hanno avuto questa patologia. Il patrimonio genetico è una notevole fonte di informazioni, non si comprende ancora perché una patologia insorga in un determinato momento della vita, ma certamente si è capito che il gene responsabile è un cromosoma autosomico, quindi non sessuale. La sua prevalenza dominante significa che la malattia compare già dalla prima generazione, quindi se un padre ha questa malattia, molto sicuramente anche il figlio ne è portatore. Certamente ci sono dei fattori di rischio, che determinano l'incidenza della malattia di dupuytren e in particolar modo il diabete, l'epilessia, l'alcolismo e il fumo.


Malattia di dupuytren: Come curare il morbo di dupuytrens

Mano dopo intervento chirurgico Per guarire dalla malattia di Dupuytren è necessario sottoporsi ad intervento chirurgico, che asporti il nodulo e ricostruisca i tendini danneggiati. Diversi sono gli interventi che possono essere eseguiti, rivolti a ripristinare la funzionalità della mano. In particolar modo viene eseguita un aponeurectomia, con una successiva fascectomia e una fasciotomia dei tendini. È possibile anche effettuare una aponeurotomia percutanea con ago con la quale iniettare un'enzima, la Collagenasi di Clostridium histolyticom, che permette di sciogliere il nodulo senza intervenire con bisturi e con interventi invasivi. La soluzione più diffusa è l'intervento chirurgico, anche se lascia lunghe cicatrici che anche se all'interno della mano risultano molto antiestetiche. Il trattamento farmacologico anche se più rapido e indolore, non è risolutivo, infatti è possibile che si ripresenti negli anni successivamente .



COMMENTI SULL' ARTICOLO