Mastite non puerperale

I sintomi

La mastite non puerperale può colpire donne di ogni età, anche senza che esse allattino, è quindi importante saperne riconoscere i sintomi. Individuare i segnali di una mastite è il primo passo verso una guarigione tempestiva. L'indolenzimento della mammella ed il rossore diffuso sulla pelle sono il primo segnale che qualcosa non va. Il colore della carnagione si scurisce a partire dalla zona del capezzolo per poi diffondersi. La ghiandola mammaria si indurisce procurando una sensazione di peso ed irrigidimento. Spesso questi sintomi sono poi associati a generale fastidio dell'area interessata e forte sensazione di calore al tatto. Nei casi più importanti possono inoltre manifestarsi febbre e piccoli edemi, anche con infezione. Anche uno solo di questi segnali deve farci porre l'attenzione sul problema ed indagare sulle possibili cause.
Mastite infiammazione ghiandola mammaria

Donne Grandi V-collo Sport Push-Up Reggiseno Imbottito Due Pezzi Costume Da Bagno Beachwear Backless Bikini Taglia Grossa Nero XL

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,71€


Le cause

Mastite cause Nel caso della mastite non puerperale le cause possono essere molteplici e dovute a svariati fattori, sia esterni che interni. Per prima cosa è importante non confondere la mastite con la mastodinia, un fastidio comune del seno (con indolenzimento e dolore diffuso), che si manifesta durante e dopo l'ovulazione. Nei casi più comuni, la mastite non puerperale può insorgere per una cattiva igiene personale oppure per l'utilizzo di reggiseni (in particolare quelli con ferretto) troppo stretti. Il sudore, infatti, favorisce il proliferare di batteri causa dell'infiammazione. Anche la posizione in cui si dorme la notte, che comprime il seno, o un forte stato di stress possono favorire il problema. Le ferite al seno e le ragadi rimangono comunque la causa principale di mastite, anche se non si allatta, specialmente nella fase della menopausa quando la pelle è più sottile e più sensibile. Nei casi più gravi può essere dovuta a diabete mellito, carcinomi o noduli.

  • Donna con dolore al seno Per mastite si intende un processo infiammatorio che coinvolge una o entrambe le ghiandole mammarie, frequentemente causata da un'infezione batterica.La mastite può essere la conseguenza dell'allattam...
  • colite ulcerosa La colite ulcerosa è un’infiammazione dell’intestino, più in particolare parte come infiammazione dell’intestino crasso che sarebbe la parte centrale di tutto l’intestino. Colpisce dapprima l’intesti...
  • polmonite La polmonite è una malattia che colpisce l'apparato respiratorio: si tratta più precisamente di un’infezione dei polmoni, quando vengono attaccati da batteri o virus; l'infiammazione costituisce una n...
  • Zona interessata dalla colite da stress La colite da stress, anche detta sindrome del colon irritabile, è un disturbo intestinale che si presenta con sintomi molto variabili in base ai soggetti. Essa parte da una forte componente psicosoma...

CC Fabulous Breasts Cream (60 ml) per aumentare efficacemente il seno - per un seno più grande

Prezzo: in offerta su Amazon a: 18,99€


Le conseguenze

Prevenzione diagnosi precoce La mastite, seppur di facile riconoscimento, se non presa in tempo può portare a spiacevoli conseguenze. I tempi affinché l'infiammazione degeneri sono lunghi, quindi non bisogna preoccuparsi eccessivamente, ma è utile conoscere a cosa si potrebbe andare incontro in caso di trascuratezza dei sintomi. La conseguenza più frequente in caso di mastite non puerperale è l'insorgere di ascessi. I batteri, insinuandosi nella pelle sensibile, infiammano la ghiandola mammaria provocando l'insorgere di pus ed infezione batterica. Occorre agire tempestivamente per evitare che l'infiammazione diventi cronica e quindi si possa ripresentare a più riprese nel corso degli anni. Nei casi più gravi, la mastite è il segnale di un serio problema interno alla mammella, spesso preludio al carcinoma mammario. Una diagnosi precoce è dunque fondamentale.


Mastite non puerperale: Come curarsi

Consultare medico sintomi La prima cosa da fare, in caso di dubbi o primi sintomi che possano far pensare a mastite non puerperale, è rivolgersi ad un medico. In caso di infezione batterica, con edema, lo specialista può proporre la somministrazione di farmaci antibiotici ed un'incisione chirurgica per ripulire la ferita dall'infezione. Se l'infiammazione è superficiale, senza ferite, ma nonostante la cura farmacologica il problema persiste, il medico può indagare più approfonditamente con esami specifici. In questo caso si procede con una mammografia, un esame diagnostico in grado di individuare anche piccole lesioni interne. Si tratta di un esame accurato, sicuro e efficace in grado di dare risposte in tempi brevi. Il medico, una volta ottenuti i risultati, potrà consigliare un intervento o meno. In qualsiasi caso, potete aiutarvi bevendo molta acqua ed effettuando assoluto riposo.



COMMENTI SULL' ARTICOLO