Protesi acustiche

Ipoacusia: cos'è e da cosa è causata

L'ipoacusia è un deficit dell'udito stabile o progressivamente ingravescente. Si differenzia dalla sordità congenita perchè non è presente dalla nascita ma esordisce con una causa precisa e rimane irreversibile o tende al peggioramento. La prima e fisiologica causa di ipoacusia è l'invecchiamento. Dopo una certa età, la capacità uditiva diminuisce e il problema si aggrava col passare degli anni. Se, invece, l'esordio del calo di udito avviene in giovane età le cause possono essere diverse. Può succedere a seguito di un trauma cranico, a causa di importante inquinamento acustico a cui ci si sottopone ripetutamente e costantemente oppure a causa di alcune patologie virali o batteriche che possono dare, come complicanza, la parziale perdita dell'udito. Tutte queste situazioni non dipendenti da un difetto genetico o congenito possono essere efficacemente migliorate o del tutto annientate grazie all'utilizzo di protesi acustiche.
Protesi acustica

Miglior dispositivo audio digitale amplificatore regolabile tono assistive ascolto udito aiuti soluzione orecchio

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,4€


Funzionamento delle protesi acustiche

Applicazione all'astina dell'occhiale Le protesi acustiche sono piccolissimi dispositivi, poco invasivi e piuttosto confortevoli che l'utente deve posizionare nell'orecchio. Servono ad amplificare i suoni e a farli recepire a un volume più alto. Non funzionano in caso di sordità ma solo per la correzione di deficit uditivo da modesto a grave. Vengono tarate da un medico audiometrista, non hanno controindicazioni né effetti collaterali se non la necessità di accettarle, psicologicamente. La protesi acustica è formata da un microfono sul quale rimbalzano i suoni, vengono trasformati ed amplificati dall'amplificatore e dalla bobina telefonica che minimizza i rumori di fondo rendendo nitido l'ascolto. Alcune protesi hanno la possibilità di regolare personalmente il volume ma è preferibile che questo venga impostato dallo specialista e resti costante, una volta approvato dall'utente. Le protesi acustiche si posizionano nell'orecchio, e si appoggiano sul padiglione auricolare che funge da supporto o, alcuni modelli, possono poggiare sull'astina degli occhiali, se l'utente li porta. Di solito se ne installa una sola ma in certi casi di ipoacusia importante si può decidere per la bilateralità. Durate la notte vanno tolte.

  • Struttura del labirinto interno orecchio La sindrome di Meniere è una malattia dell'orecchio interno caratterizzata da acufeni ricorrenti e che può portare l'individuo a soffrire di sordità e di vertigini: infatti si riscontra una notevole p...
  • Anatomia dell'orecchio La perdita dell'udito può essere provocata da cause diverse, alcune delle quali possono essere trattate con successo con la medicina o la chirurgia, a seconda del processo di malattia. Si distinguono ...
  • Orecchio ipoacusia La medicina moderna definisce l'ipoacusia improvvisa come un'importante disfunzione dell'udito che può esordire improvvisamente ed arrecare seri danni all'apparato uditivo del paziente colpito. Talvol...

XUAN Amplificatore orecchio Aid In Ear Hearing Hear invisibile trasparente per gli anziani sordi Stealth Ear Tipo Yn il canale uditivo dell'orecchio

Prezzo: in offerta su Amazon a: 70€


Tipologie di protesi acustiche

Componenti protesi acustica Esistono protesi acustiche di diversi tipi, per potersi meglio adattare alle singole esigenze. La classificazione principale le divide in endoauricolari e retroauricolari. Le endoauriculari sono dispositivi più semplici e basici, consigliati per i deficit uditivi meno importanti. Sono piccole e discrete, si applicano direttamente sull'orecchio o sull'asta dell'occhiale e hanno un medio potere amplificante, adattabile alle capacità uditive dell'utente. Si possono scegliere diverse soluzioni: alcune sono collegate alla scatola che contiene i componenti da portare nel taschino, altre non hanno fili e sono più compatte. Le protesi retroauricolari, invece, sono più adatte per chi ha un'ipoacusia di grado elevato. Sono più sofisticate tecnologicamente e più efficenti, in grado di prestazioni migliori. Il loro difetto è che sono meno piccole e quindi più visibili. I prezzi di un dispositivo correttivo dell'udito variano, naturalmente, in base al modello ma indicativamente si parla di 1000-1200 euro.


Protesi acustiche: L'impianto acustico

Protesi acustica Per chi volesse glissare sulla protesi acustica removibile ma correggere definitivamente il problema in maniera invisibile, esiste la soluzione chirurgica. La protesi viene impiantata sottocute e dura circa 15 anni, dopodichè andrà rieseguito l'intervento per sostituire le batterie. E' una soluzione consigliata ai più giovani ma siccome si tratta di una pratica più complessa e delicata della semplice applicazione di un dispositivo esterno, va valutata e praticata da un medico specialista. Non tutti sono idonei a questo tipo di soluzione semi-definitiva perchè molto dipende dalla conformazione del canale uditivo. Non è un intervento passato dal SSN e quindi va richiesto a pagamento, presso un ambulatorio o clinica otorinolaringoiatrica o presso gli studi medici in libera professione degli ospedali convenzionati a fornire tale prestazione.



COMMENTI SULL' ARTICOLO