Sindrome di Meniere

Che cos'è la sindrome di Meniere

La sindrome di Meniere è una malattia dell'orecchio interno caratterizzata da acufeni ricorrenti e che può portare l'individuo a soffrire di sordità e di vertigini: infatti si riscontra una notevole perdita del senso dell'equilibrio. Nell’80-85% dei casi viene colpito soltanto un orecchio e non entrambi. La sindrome di Meniere viene causata da un aumento della quantità di liquido presente nel labirinto membranoso: si tratta dell'elemento dell'organismo umano preposto al controllo dell'equilibrio ed è formato da un insieme di membrane a forma di labirinto (dalla sua stessa struttura deriva il suo nome). L'aumento della concentrazione di liquido danneggia il labirinto e la coclea, organo adiacente a forma di spirale che riceve i suoni e li trasmette al cervello. Nella maggior parte dei casi la causa dell'aumento del liquido è sconosciuta, quindi non è possibile indicare cosa provochi esattamente la sindrome. Tuttavia prima dei 50 anni la malattia di Meniere è rara.
Struttura del labirinto interno orecchio

SleepEase® Dilatatori nasali di alta qualità per non russare! Scientificamente progettati per evitare di russare, respiro profondo, apnea notturna e congestione nasale – 4 formati diversi.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,49€
(Risparmi 16,03€)


Quali sono i sintomi della sindrome di Meniere

Orecchio colpito dalla sindrome di Meniere La sindrome di Meniere si caratterizza per diversi sintomi che possono risultare estremamente disagevoli per chi ne viene colpito. Il sintomo principale è un improvviso attacco di vertigini che può essere così intenso da far cadere a terra il paziente. Ciò è provocato dal fatto che l'organo colpito è preposto al controllo dell'equilibrio: di conseguenza si ha una perdita di questa capacità anche molto forte. Di solito sono presenti anche nausea, vomito, nistagmo (si tratta di movimenti oculari a scosse). Inoltre in entrambi oppure nell'unico orecchio colpito si verificano attacchi di sordità, acufeni e una sensazione di pressione o dolore. Gli attacchi, che hanno una frequenza molto variabile, possono durare da alcuni minuti a parecchie ore. Tra un attacco e l'altro la sordità e gli acufeni tendono comunque a persistere.

  • bendaggio alluce L’alluce valgo è una patologia del piede, una delle più comuni. Si presenta con una deformità del primo dito, il metatarso, che tende a sporgere e spostarsi verso le altre dita, mentre sul lato intern...
  • dermatologo La pelle è il nostro schermo protettivo e uno strumento attraverso il quale si manifestano precise patologie provenienti dall’interno del nostro organismo. L’epidermide secerne acqua e liquidi, regola...
  • melanina La cute è una struttura molto complessa caratterizzata da numerose cellule, come i cheratinociti e i melanociti. Essi contengono l'enzima tirosinasi necessario per la formazione della melanina. La mel...
  • denti La carie dentaria è una vera e propria malattia che colpisce qualsiasi tipo di dente, anche se in particolare essa si sviluppa di più in molari e premolari. Qualsiasi dente ne può restare infetto poic...

takestop® CONI AURICOLARI DI CERA MONOUSO PER LA PULIZIA DELLE ORECCHIE ORECCHIO CONO CON CERA D'API PER RIMUOVERE TAPPI CERUME

Prezzo: in offerta su Amazon a: 7,99€


Qual è la diagnosi per i soggetti affetti dalla sindrome di Meniere

Visita per diagnosticare la sindrome di Meniere La diagnosi nel caso della malattia di Meniere viene effettuata nella maggior parte delle situazioni sulla base dei risultati dell’audiometria, di una prova calorica e di altri esami specifici che possono riguardare sia l'orecchio in particolare che l'intero organismo. Durante un attacco il malato dovrebbe riposare a letto per evitare che la perdita del senso dell'equilibrio possa avere conseguenze rilevanti provocando cadute anche pericolose. Per alleviare la nausea e gli acufeni vengono prescritti antiemetici, ad esempio il dimenidrato e la ciclizina. La diagnosi tempestiva della sindrome di Meniere è fondamentale perchè l'udito tende progressivamente a deteriorarsi e quindi prima si interviene e minori sono le conseguenze permanenti. In genere, quando la sordità diventa totale, gli altri sintomi della malattia scompaiono.


Sindrome di Meniere: Come si cura la malattia

Sintomi della sindrome di Meniere La terapia più comune per la sindrome di Meniere prevede di ridurre la pressione del fluido all'interno del labirinto interno. Si possono usare gli antistaminici, i diuretici e gli steroidi per intervenire in maniera non invasiva. Per risolvere le vertigini si effettuano infiltrazioni di gentamicina (un antibiotico) nell'orecchio medio: il nervo vestibolare diventa meno sensibile e la pressione diminuisce. Si ha una buona percentuale di guarigione e le infiltrazioni possono essere somministrate in 24 ore e andare da una a dieci. Durante i momenti a rischio di crisi si consiglia una dieta iposodica, povera di potassio e di sale. A volte si deve intervenire in maniera chirurgica con un'operazione della durata media di 3 ore e che prevede di eliminare parte del nervo vestibolare. Si tratta però di una terapia che deve essere valutata con estrema attenzione prima di essere eseguita.



COMMENTI SULL' ARTICOLO