Ipoacusia trasmissiva

Tre tipi di perdita uditiva

La perdita dell'udito può essere provocata da cause diverse, alcune delle quali possono essere trattate con successo con la medicina o la chirurgia, a seconda del processo di malattia. Si distinguono tre tipologie di perdita uditiva. Una fra queste è l’ipoacusia trasmissiva, che si verifica quando la perdita dell'udito è causata da problemi del canale uditivo, del timpano, o dell’orecchio medio con le sue piccole ossa (il martello, l’incudine e la staffa). L’ipoacusia neurosensoriale, invece, si riferisce ad una perdita dell'udito dovuta a problemi dell'orecchio interno. Il terzo tipo, perdita di udito mista, si riferisce ad una combinazione di ipoacusia trasmissiva e neurosensoriale. Questo significa che ci possono essere danni nell'orecchio esterno, medio, nell'orecchio interno (coclea) o del nervo uditivo.
Anatomia dell'orecchio

Otite

Prezzo: in offerta su Amazon a: 1,29€


Cause dell'ipoacusia trasmissiva

Visita interna dell'orecchio L’ipoacusia trasmissiva può essere causata da una malformazione dell’orecchio esterno, del condotto uditivo, o delle strutture dell'orecchio medio. Tuttavia una delle ragioni più comuni di perdita uditiva è un blocco del condotto uditivo esterno, di solito dovuto ad un ammasso di cerume. Altre cause includono: accumulo di fluido nell'orecchio provocato da raffreddore; infezione dell'orecchio come l’otite media, in cui il liquido può interferire con il movimento del timpano e degli ossicini; allergie; scarsa funzionalità della tromba di Eustachio; timpano perforato; tumori benigni; corpo estraneo nell'orecchio; otosclerosi. Quest’ultima è una patologia a carattere ereditario che colpisce in maggioranza le donne. Nello specifico l’otosclerosi va ad intaccare la staffa. A causa di una crescita anomala dell’osso, la staffa si irrigidisce e non riesce a trasmettere correttamente il segnale sonoro alla coclea. Si parla di otosclerosi bilaterale quando vengono colpite entrambe le orecchie.

  • disturbi acufene La generazione del suono nelle orecchie avviene a partire da una stimolazione del nervo acustico che trasmette l'impulso nervoso al cervello, il quale lo rielabora come messaggio sonoro. Nei soggetti ...
  • parotite La parotite o, più precisamente, parotite epidemica è una patologia che colpisce, nella larga maggioranza dei casi, bambini o adolescenti. Tale malattia è più conosciuta alla gente comune con la denom...
  • La labirintite Quando si parla di labirintite si intende un'infiammazione dell'orecchio interno, zona che viene definita labirinto. Tale malattia porta ad avere disturbi dell'equilibrio e può colpire una o entrambe ...
  • Struttura del labirinto interno orecchio La sindrome di Meniere è una malattia dell'orecchio interno caratterizzata da acufeni ricorrenti e che può portare l'individuo a soffrire di sordità e di vertigini: infatti si riscontra una notevole p...

Doc' s Proplugs protezione orecchie Taglia M Ventilato chiara tappi per le orecchie Ear Plugs

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,95€


Come trattare l'ipoacusia trasmissiva

Apparecchio acustico L’ipoacusia trasmissiva dovuta alle malformazioni o alle disfunzioni delle strutture dell'orecchio medio, può eventualmente essere corretta in sala operatoria. In alternativa all’intervento, il problema può essere migliorato con un apparecchio acustico convenzionale o impiantato chirurgicamente, a seconda dello stato del nervo uditivo. Se la perdita dell’udito è causata da infezioni acute, la cura consiste nell’assumere farmaci antibiotici o antifungini. Le infezioni croniche dell'orecchio, che provocano accumulo costante di fluido, o tumori, di solito richiedono necessariamente un intervento chirurgico. Anche l’ipoacusia trasmissiva da trauma cranico richiede un trattamento invasivo. In genere si risolve con una riparazione chirurgica delle strutture danneggiate dell'orecchio medio. Nel caso di otosclerosi si interviene sulla staffa, sostituendola con una protesi.


Ipoacusia trasmissiva: Danni all'orecchio e ipoacusia trasmissiva

Forte musica attraverso le cuffie L’esposizione al forte rumore, in maniera costante, è una delle principali cause di perdita permanente dell'udito. Se si lavora in ambienti rumorosi, come i cantieri edili o locali dove l’esposizione alla musica ad alto volume è prolungata, si è soggetti a subire danni all’orecchio con conseguente ipoacusia uditiva. Tutti possono esporre le proprie orecchie a rumori potenzialmente dannosi, soprattutto all'interno di discoteche, ai concerti e utilizzando quotidianamente i lettori MP3. Il danno si accumula a poco a poco, e gli effetti vengono notati solo anni dopo, quando è ormai troppo tardi. In genere, la perdita di udito causata da esposizione al rumore è permanente. L’ascolto di musica ad altissimo volume per più di cinque ore alla settimana può danneggiare nel tempo l'udito in modo irreparabile.



COMMENTI SULL' ARTICOLO