10 erbe depurative

Erbe depurative

In molte situazioni si può sentire l’esigenza di riportare equilibrio nel proprio organismo. È un desiderio pressante dopo le festività natalizie o pasquali, quando siamo portati a mangiare di più, tra l’altro alimenti ricchi di grassi e zuccheri semplici. Stessa situazione si ha al ritorno dalle vacanze: i pranzi a buffet “tutto compreso”, gli snack e i dolciumi, assaggiati anche solo per curiosità, possono rendere impegnativo il lavoro di fegato, cistifellea e reni, dandoci un aspetto affaticato.

Per rimediare dobbiamo tornare ad una dieta ricca di verdura e frutta, cereali integrali e proteine magre. Bere molto è poi un indispensabile aiuto per fegato e reni. Oltre all’acqua, possiamo prendere in considerazione tisane e decotti. Sono gradevoli e, se scelti con cura, aiuteranno gli organi atti alla depurazione.

Ecco qualche suggerimento.

erbe depurative

SemiRosa 100 PCS Semi di Aloe Vera Piante Semi Fiori Giardino Balcone Bonsai

Prezzo: in offerta su Amazon a: 1,45€


Tarassaco

tarassaco Un classico delle tisane, famoso per la sua capacità di stimolare la diuresi. Ha anche effetti positivi a livello biliare ed epatico. Naturalmente possiamo usare le foglie fresche nelle insalate o nelle frittate; molto efficace è poi il decotto a base di foglie e radici essiccate. Sono sufficienti 5 g in una tazza, da far bollire per almeno 10 minuti.

    SemiRosa 100 PCS Semi di Aloe Vera Pianta Grassa Semi di Fiori Mix Lithops Bonsai Esotico Fioritura Colore Carnoso Pianta Facile, Molti Tipi Disponibili

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 1,45€


    Filipendula ulmaria

    filipendula ulmaria Agisce in maniera completa su fegato e reni stimolando la diuresi e riducendo significativamente gli stati infiammatori. È particolarmente indicata a chi soffre di gotta, di reumatismi e dolori articolari. Le tisane a base di quest’erba si trovano facilmente in erboristeria: si consigliano fino a 3 tazze al giorno.


    Scorzonera e scorzo bianca

    Queste radici, dallo spiccato sapore amaro, sono preziosissime per la nostra salute. Bisognerebbe consumarle, cotte, almeno una volta alla settimana: il contenuto di inulina favorisce il transito intestinale e la selezione di un buon microbiota. Ottimo anche il loro succo perché stimola il fegato: sono sufficienti 2-4 cucchiaini/die per non più di 4 giorni.


    Borragine

    Borragine Un’erba comune allo stato spontaneo. Le foglie vengono usate comunemente in cucina. I bellissimi fiori blu sono ottimi freschi come decorazione; da secchi, diventano un ingrediente di tisane e decotti (20 g/l). Favoriscono la sudorazione e sono un forte stimolo per il fegato. Vanno usati però con cautela da chi è soggetto a problemi epatici.


    Fumaria officinalis

    fumaria officinalis Questa erba, diffusa nei prati, ha interessanti capacità depurative perché stimola e regola l’azione del fegato e della cistifellea. Possiamo usarne tutte le parti in infusione, da assumere 2-3 volte al giorno. Efficace è anche la polvere, sciolta in acqua e presa regolarmente, quindici minuti prima dei pasti.


    Calluna vulgaris

    calluna vulgaris Comune nelle nostre composizioni invernali, è uno scrigno di virtù: ha proprietà diuretiche e drenanti ed è consigliata a chi soffra di calcoli renali e cistiti. Di solito si usano i rami freschi, raccolti da piante non trattate. È sufficiente una manciata in un litro d’acqua, da lasciare in infusione per 5 minuti.


    Ribes nero

    ribes nero Questi arbusti spontanei vengono in aiuto di chi voglia perdere peso. Ci aiutano a proteggere il fegato e a stimolare diuresi e funzioni intestinali. Ottimo è il succo ricavato dai frutti, ma il massimo si ottiene dalla tintura madre o da foglie e germogli essiccati. È sufficiente lasciarne in infusione 3 gr in una tazza, per circa 10 minuti.


    Rosmarino

    rosmarino Aromatica tra le più conosciute, è anche una preziosa officinale. È ottima per stimolare la secrezione della bile e quindi per facilitare la digestione, specialmente degli alimenti grassi. Possiamo usare l’olio essenziale od optare per una tisana di foglie fresche, da lasciare in infusione per 5 minuti.


    Cardo mariano

    cardo mariano Conosciuto già nell’antichità per i suoi effetti positivi sul fegato: stimola il rinnovamento dei tessuti riducendo l’impatto di epatiti e cirrosi. La parte più utilizzata sono i semi secchi, passati al mortaio. Possiamo aggiungerli alle pietanze o usarli per un decotto:3 g in 200 ml d’acqua, da lasciare sobbollire per circa mezz’ora.


    10 erbe depurative: Malva

    malva pianta Una delle officinali più famose. Usata per le sue virtù calmanti, induce anche rilassamento nell’intestino, favorendo il transito e l’eliminazione delle scorie. Possiamo raccogliere noi stessi i fiori, in zone poco inquinate, o acquistarli in erboristeria. Da essiccati sono ottimi per tisane, da consumare anche 4 volte al dì.



    COMMENTI SULL' ARTICOLO