vesciche

Le vesciche

Le vesciche sono dei rigonfiamenti e infiammazioni fastidiosi che interessano le parti maggiormente sollecitate quando si esegue uno sforzo fisico e cioè le mani e i piedi. Le mani sono soggette alla formazione di vesciche proprio perché si tiene a lungo un oggetto o si sta in una posizione tale che la pelle viene sfregata a lungo, i piedi solitamente sono soggetti alla formazione di vesciche per le calzature che li comprimono o per i troppi movimenti che portano a sfegare sempre la stessa parte. Per quanto fastidiosa possa essere, in realtà la vescica è un modo con il quale la nostra pelle reagisce a questi piccoli traumi per rigenerarsi e risolvere il problema. I rimedi alle vesciche sono molti e le vesciche poco gravi guariscono nel giro di pochi giorni. Molti rimedi sono di tipo naturale, altri sono invece farmaceutici. I rimedi sono poco dispendiosi ed è possibile curare le vesciche da soli, anche per i meno esperti con medicinali e fasciature. Per chi è amante dello sport e per tutti in generale è fondamentale conoscere bene cosa sono le vesciche è come è possibile rimediarvi, perché prima o poi una vescica colpisce tutti. Le vesciche sono infatti il terrore delle donne quando comprano i sandali nuovi, il problema di atleti che cambiano scarpe e in un periodo caldo sono costretti ad allenarsi lo stesso, la chiara manifestazione dello sforzo fisico di lavoratori che tengono a lungo uno stesso strumento. Insomma, come già detto, nessuno sfugge dalla formazione delle vesciche. Certo, è possibile pensare ad una prevenzione. Le donne conosceranno molto bene i cerotti che si applicano nelle scarpe che attenuano lo sfregamento impedendo la formazione di vesciche, soprattutto se si tratta di sandali con piccoli cinturini che portano più zone allo sfregamento con la pelle dei cinturini. Chi pratica sport sa bene che anche la scelta delle calze è importante al pari di quella delle scarpe. Molto spesso , infatti, sono le cuciture dei calzini a portare alla formazione di vesciche perché creano sfregamento tra la pelle, la stoffa e la parete della scarpa. Se, per esempio, dovete correre è importante che il piede sia a proprio agio nella scarpa perché altrimenti rischiate di posizionare male il piede per dolori causati da vesciche o altro e potreste causare danni più seri alla vostra schiena e ai piedi stessi posizionando male il piede sulla terraferma.
cerotto per vescica al tallone

Mueller - Cerotti per vesciche, autoadesivi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 5,98€


Formazione delle vesciche

vescica Le vesciche si formano per fare in modo che la pelle possa difendersi da un eccessivo sfregamento con un oggetto, una stoffa più ruvida, una cucitura particolare, una fibbia e così via. In pratica nella zona “stressata” da questo sfregamento si forma del liquido che serve per ammorbidire il contatto con ciò che causa questo fastidio e un sottilissimo strato di pelle riveste e incorpora questo liquido facendo formale la tanto nota “bolla di acqua”. Andare ad agire su questa bolla significa prendere il problema all’origine per trovare una soluzione immediata. Può capitare che la bolla si rompa da sola e che lo sfregamento continui sulla zona di pelle esposta dopo la rottura della bolla. Questo provoca l’infiammazione della zona di pelle interessata e la fuoriuscita di sangue e , in alcuni casi , anche di pus. Molto spesso la formazione della bolla non causa in sé dolore quindi ci accorgiamo che si è formata una vescica solo quando continua lo sfregamento e il liquido che si forma per creare una sorta di cuscinetto fuoriesce facendo sfregare anche la parte che si trova al di sotto della bolla. Se sono presenti batteri è probabile che l’organismo si difenda creando liquido per combatterli e dovete stare molto attendi a curare la vescica che inizia a infettarsi perché non è da sottovalutare l’infezione che ne può derivare e il contagio a una zona ben più ampia.

  • infortuni sportivi Nel campo dello sport è facile essere spesso soggetti a qualche tipo di infortunio. In genere gli infortuni sportivi possono riguardare le articolazioni, i legamenti, i muscoli e anche le ossa, tutto ...
  • ginocchio C'è una parte del corpo che è estremamente sollecitata quando si pratica attività fisica ed è per questo soggetta a maggiori infortuni. Stiamo parlando del ginocchio, quella che permette il classico p...

COMPEED VESCICHE STICK 8ML

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,9€


Rimediare alle vesciche

I rimedi alle vesciche sono molteplici e sono per lo più classificabili in base al tipo di vescica e di gravità davanti alla quale ci troviamo. Per le piccole vesciche che si creano su mani e piedi dovuti a sfregamenti con oggetti o calze o scarpe esistono dei piccoli cerotti che aiutano , prima di tutto, a isolare la parte dolorante in modo da evitare un ulteriore sfregamento e quindi una complicazione. Secondariamente, questi cerotti contengono dei principi attivi che favoriscono la rigenerazione cellulare e quindi accelerano la formazione dello strato di pelle che era venuto via con la formazione della vescica stessa. Se la vescica è proprio meno grave potete usare anche un semplice cerotto ed evitare di continuare lo sfregamento. Nel caso di vesciche ai piedi non è da sottovalutare l’uso delle calze. Se vi accorgete che , anche cambiando scarpe, le vesciche si formano lo stesso, provate a cambiare tipo di calze perché è probabile che lo sfregamento derivi dalla cucitura delle calze e non propriamente delle scarpe. Per le vesciche che presentano un infezione dovete farvi consigliare dal farmacista della pomata o della polvere che aiuti a rimediare al danno e vi sollevi dal dolore.


Rimedi naturali per le vesciche

Anche per le vesciche esistono dei rimedi fai da te che sono molto utili per rimediare subito al fastidioso dolore che causa la vescica. L’olio di lavanda è facilmente reperibile in erboristeria e può essere usato sulla vescica sia per darvi un senso di sollievo che per aiutare la pelle a rigenerarsi. Bastano poche gocce di quest’olio essenziale in acqua tiepida e poi passate ad immergervi i piedi, nel caso di vesciche ai piedi, o le mani. Asciugate delicatamente senza sfregare sulla vescica con l’asciugamano. Allo stesso modo potete usare anche altri oli tipo quello alla menta o all’eucalipto, molto rinfrescanti e anche l’olio al timo. Se la bollicina d’acqua non si è ancora rotta potete farlo voi prima di passare alla cura con gli oli. Usate un ago sterile, tipo quello di una siringa o semplicemente disinfettare un ago con disinfettante o passandolo per poco su una fiamma. Fate uscire il liquido da solo e tamponate delicatamente con una garza sterile prima di passare ad tamponare la zona o immergerla in acqua e oli. Inoltre potete anche aggiungere un cucchiaio di bicarbonato a questa acqua in modo da stare sicuri di disinfettare per bene la zona in cui si è formata la vescica.




COMMENTI SULL' ARTICOLO