Efedrina

Che cos'è l'efedrina

L'efedrina è un farmaco simpaticomimetico di tipo alcaloide utilizzato in medicina e nello sport per le sue capacità energetiche, di potenziamento muscolare e di dimagrimento. E' presente in grande quantità in alcune specie vegetali, in particolare nelle piante che appartengono alla famiglia dell'Ephedra che crescono soprattutto in alcune regioni della Cina. La composizione chimica e l'effetto dell'efedrina è assimilabile a quello rilasciato dalle anfetamine e dalla cocaina: si tratta di sostanze eccitanti, in tutti e tre i casi, che bloccano il trasporto del recettore contrario, la norepinefrina invertendone l'attività. In questo modo si accelera il metabolismo corporeo ottenendo dimagrimento veloce e sollievo immediato al tono muscolare, soprattutto quando siamo affaticati. Ma attenzione, l'efedrina è pericolosa se assunta in dosi non consigliate ed eccessive.
Una pianta di efedra

US bruciagrasso di BBGENICS - Forte bruciagrasso III

Prezzo: in offerta su Amazon a: 29,59€


Effetti dell'efedrina sulla salute

L'efedrina potenzia i muscoli Fino a qualche anno fa l'efedrina veniva impiegata quotidianamente come farmaco decongestionante nasale, come broncodilatatore e come spurgante per l'asma. Ancora oggi la naturopatia e la fitomedicina ne fanno largo uso per le sue proprietà benefiche tra le quali la capacità di migliorare la soglia della concentrazione, la facoltà di far rientrare l'appetito e quindi favorire il dimagrimento, l'effetto rilassante nei casi di asma e ipotensione. Come conseguenza dell'assunzione regolare di efedrina si nota anche il dilatamento delle pupille, ecco perché molti studenti ne fanno largo uso in modo naturale con il tè di efedra. Ma l'uso e l'abuso di questo potente alcaloide provocano anche sintomi nervosi come le allucinazioni, lo stress, l'insonnia, la nevrosi e la psicosi. A lungo andare, inoltre, l'efedrina può anche creare assuefazione e dipendenza.

  • ormoni e alimentazione Quando si ha a che fare con la dieta o semplicemente si ha intenzione di perdere qualche chilo, non bisogna assolutamente sottovalutare il compito degli ormoni. In questo caso c'è un rapporto strettis...
  • metabolismo Quando solitamente si parla di dieta e soprattutto di dimagrire, la parola più utilizzata è metabolismo. E' un concetto che viene associato in modo specifico al dimagrimento, quando insomma si ha vogl...
  • calorie Ogni essere umano necessita di energia per poter sopravvivere. Come qualsiasi tipo di macchina alimentata ad energia, anche il nostro organismo ha bisogno del giusto carburante per poter svolgere senz...
  • Dimagrire Perdere qualche chilo di troppo non è mai semplice. Vi sono in effetti diverse tesi quando si parla di dimagrimento, vari nutrizionisti propongo diete miracolose e così via. Il punto però è sempre lo ...

Xcore Nutrition Acetil L-Carnitina - 1 Unita da 90 Capsule

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,99€


Effetti dell'efedrina sugli sportivi

L'efedrina è adatta per gli sportivi L'efedrina ha effetti simili a quelli di caffeina e addirittura delle anfetamina e della cocaina, cui è chimicamente simile pur non essendo vietata. In primis l'efedrina accelera il metabolismo aumentando la produzione di catecolamine. Questo genera energia e potenza additiva nei muscoli e in generale in tutto il corpo, facendo così dell'efedrina un vero e proprio elisir per gli sportivi di ogni disciplina che la utilizzano per migliorare le proprie performance. Inoltre è scientificamente provato che l'efedrina abbia un effetto anoressizzante: inibisce l'appetito perché aumenta il senso di sazietà, di conseguenza assumere questo alcaloide regolarmente equivale automaticamente a dimagrire. Ma gli effetti collaterali di un abuso dell'efedrina sono di gran lunga maggiori dei suoi benefici, ecco perché a certe dosi è considerata doping e l'uso sconsiderato è vietato e punito a norma di legge.


Efedrina: Effetti collaterali

Pericolo doping L'efedrina è un eccitante alcaloide, il suo uso aumenta notevolmente la pressione arteriosa e la frequenza dei battiti cardiaci, per cui un abuso può portare l'ipertensione e la tachicardia, fino a provocare anche un arresto cardiaco e un infarto. Effetti collaterali sono stati riscontrati nella letteratura medica anche sull'apparato urinario con una certa ritenzione vescicale dello sfintere. Si notano anche altri disturbi connessi all'overdose da efedrina come conseguenze sull'apparato digerente, disturbi di tipo gastrointestinali, febbre, nausea, vomito e stipsi. Dal punto di vista del sistema nervoso, un sovradosaggio può provocare irrequietezza, nervosismo, allucinazioni, nevrosi. Assumete efedrina soltanto se necessario e sotto stretta osservazione medica. Rispettate la posologia indicata dal medico e consultate un professionista alla comparsa dei primi effetti collaterali.



COMMENTI SULL' ARTICOLO