Elettroforesi gamma

Utilità dell'elettroforesi delle gamma-globuline

L'elettroforesi delle gamma-globuline è uno dei cinque esami che fanno parte dell'analisi delle proteine del siero. Le altre sono l'albumina, le alfa-1-globuline, le alfa-2-globuline e le beta-globuline. L'elettroforesi delle proteine plasmatiche serve a controllare la funzionalità del fegato, la presenza nel corpo di processi infettivi e infiammatori e fornire informazioni utili per diagnosticare malattie anche molto gravi, come alcune forme tumorali. Le gamma-globuline sono le più importanti proteine circolanti nel sangue perché rappresentano gli anticorpi dell'organismo. I valori delle gamma-globuline ritenuti normali sono compresi tra il 9,8 e il 20% delle proteine totali e tra 0,68 e 1,50 grammi per decilitro di sangue. I bassi livelli della percentuale o della quantità rivelano una ridotta produzione di anticorpi, generalmente determinata da assenza di aggressioni da parte di agenti patogeni, come i batteri. Da questo punto di vista è quindi un segno di salute normale.
Attrezzatura da laboratorio per elettroforesi

Bolero cf-mc-c018 nero a stecche in acciaio laterale, colore: Nero

Prezzo: in offerta su Amazon a: 287,35€


Alterazioni dei valori delle gamma-globuline

elettroforesi In alcuni casi, quando dai risultati di un'elettroforesi emergono livelli di gamma-globuline troppo bassi, il paziente può essere affetto da immunodepressione. Le condizioni patologiche associate possono essere: insufficienza renale, infezioni acute e setticemia, sindrome di Cushing e AIDS. Tuttavia, prima di effettuare una diagnosi, occorrono altre analisi, un esame clinico e la valutazione di altri sintomi. Valori di gamma-globuline troppo elevati possono indicare la presenza di una gammapatia policlonale, nella quale l'aumento riguarda tutti gli anticorpi come nelle infezioni ed infiammazioni, sia acute che croniche. I valori alti possono però anche rivelare una gammapatia monoclonale nella quale le cellule produttrici di anticorpi sono anomale e producono in continuazione un unico tipo di anticorpo. Queste alterazioni del sistema immunitario possono essere benigne o maligne.

  • Un grafico di elettroforesi sieroproteica L'elettroforesi sieroproteica è un'analisi di laboratorio che consente di separare, distinguere e valutare le proteine presenti nel siero sanguigno. Queste proteine si dividono in cinque tipologie: 1...
  • campioni di sangue Il termine immunoglobuline è un altro modo di chiamare gli anticorpi, indicati con la sigla Ig. Nel sangue se ne trovano 5 tipi diversi: IgM, IgA, IgE, IgG più le IgD, il cui ruolo non è però ancora s...

Grill elettrico Home Panna da cucina senza fumo Panna da barba Macchina da barbecue Teppanyaki Mandarin Duck 1500W, 72 * 27cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 134,99€


Interpretazione degli alti livelli di gamma-globuline

Alcune fasi di un'elettroforesi Quando l'elettroforesi delle gamma-globuline evidenzia livelli molto al di sopra del massimo considerato normale a causa di una gammapatia monoclonale, il paziente potrebbe essere affetto da malattie gravi come un plasmacitoma o mieloma multiplo (tumore del sangue). Tuttavia occorre dire che l'incremento delle gamma-globuline può anche essere dovuto ad allergie alimentari o ad altre sostanze. Il solo aumento dei valori non rivela da solo alcuna malattia specifica ma è sempre necessario effettuare altri test più specifici. Infatti il paziente potrebbe essere affetto da tante patologie piuttosto differenti e di differente gravità come: citomegalovirus, mononucleosi (malattia del bacio), varicella, cistite, tiroidite di Hashimoto, epatite A, B e C, cirrosi epatica, morbo di Hodkin, tumore al fegato.


Elettroforesi gamma: La gammapatia monoclonale di incerto significato

Grafico dell'elettroforesi proteica In alcuni casi l'elettroforesi delle gamma-globuline con valori sopra la norma indica una gammapatia monoclonale benigna, patologia alquanto comune spesso associata ad infezioni e che regredisce spontaneamente. In altri casi la gammapatia ha un significato incerto e deve essere periodicamente controllata. Quest'ultima condizione è sovente asintomatica e viene scoperta per caso con un'elettroforesi. La gammapatia monoclonale di incerto significato è presente nel 5% della popolazione e nell'11% delle persone al di sopra dei 60 anni. È possibile che con il tempo la gammapatia possa evolvere in una forma meno innocua, per questo è definita "incerta". Occorre quindi effettuare un'elettroforesi ogni 6-12 mesi per almeno 5 anni. Se dopo tale periodo il grado di gammapatia monoclonale resta invariato, molto probabilmente lo resterà per sempre.



COMMENTI SULL' ARTICOLO