separazione consensuale

Matrimonio

Due persone che si amano solitamente hanno come obiettivo comune quello di sposarsi, dar vita in questo modo ad una nuova parentesi della propria vita creandosi una propria famiglia. Il matrimonio è visto quindi come il consolidamento del proprio amore e l'opportunità di poter crescere insieme i figli. E' il classico punto di partenza che segna un nuovo percorso di vita, quello più importante in cui si vive finalmente da protagonisti, senza essere solo dei figli accuditi dai propri genitori. Si tratta di un passo importante che nella società odierna sta perdendo un bel po' di valore, sia per questioni prettamente economiche che sociali. Organizzare un matrimonio prevede una spesa notevole, pur non volendo optare per cerimonie principesche e questo è uno dei motivi che poi spinge due persone alla semplice convivenza, casomai anche in un appartamento in affitto.

Matrimonio

Il divorzio consensuale

Prezzo: in offerta su Amazon a: 7,65€
(Risparmi 1,35€)


Separazione consensuale

Separazione consensualeE' evidente quindi come ormai il matrimonio abbia perso tutto il suo fascino, anche poi a causa dell'aumento incredibile dei divorzi. Non c'è insomma più quella forza di volontà di portare avanti la propria famiglia con coraggio, ma spesso le varie difficoltà sono affrontate separatamente, senza raggiungere compromessi ed ecco che non si riesce più a continuare questo percorso insieme. Il divorzio comporta poi altre spese economiche eccessive, c'è quindi uno spreco di denaro molto imponente. Ecco che allora molte coppie sposate optano per la separazione consensuale, un passo non facile da attuare se però di base c'è qualche screzio notevole. Se insomma la causa della fine del matriomnio è da ricondurre a qualche evento piuttosto grave, difficile che si riesca poi a raggiungere un accordo con la spearazione consensuale. Sicuramente però questo è il metodo migliore per evitare di sprecare tanto denaro e mantenere comunque dei rapporti civili tra gli ex coniugi, soprattutto se ci sono dei figli piccoli da dover crescere ancora.


  • matrimonio Il matrimonio è il contratto con cui due persone decidono di amarsi e vivere assieme per tutta la vita. Il matrimonio è dunque un’istituzione, un contratto che dà valore giuridico a un sentimento d’a...
  • Matrimonio e divorzio Il matrimonio è un vincolo sacro che unisce due persone per tutta la vita. Solitamente si tratta del punto di partenza di una nuova vita per le persone innamorate, coloro insomma che hanno intenzione ...
  • Matrimonio Il matrimonio è un evento importantissimo per tutte quelle coppie che sono innamorate e pensano di trascorrere per sempre la loro vita in totale unione. Negli ultimi anni il matrimonio ha un po' perso...
  • Preparativi del matrimonio I preparativi per un matrimonio richiedono giorni di grande stress, soprattutto perché si cerca di rendere tale evento praticamente perfetto. E' bene però precisare come gli imprevisti siano dietro l'...

Esci dal tunnel. Da un lutto a una malattia, da un fallimento a una separazione: come affrontare e superare un trauma

Prezzo: in offerta su Amazon a: 18€


Le dinamiche della separazione consensuale

Il problema principale di un matrimonio che fallisce è proprio quello di non intaccare l'educazione dei figli, questi insomma non devono essere vittime innocenti di un rapporto d'amore che è terminato. La cosa più complicata è quella di non far soffrire i figli, attraverso la separazione consensuale si può in un certo senso evitare che ciò avvenga. E' chiaro come per i figli sia sempre un trauma vedere i propri genitori non stare più insieme, ma questo metodo di separazione può evitare ferite più difficili da sanare. In cosa consiste quindi la separazione consensuale? Si tratta di una procedura legale da presentare al Tribunale di competenza in cui i due coniugi sono praticamente d'accordo su come organizzare la separazione dei beni, l'affidamento dei figli, il contributo al mantimento e così via. Non è sicuramente una accordo semplice da raggiungere, sopratutto se la motivazione della separazione è piuttosto problematica. Quando ad esempio c'è di mezzo un tradimento, difficilmente si potrà arrivare alla separazione consensuale. Si tratta della strada più semplice da percorrere quando si ha intenzione di uscire da un matrimonio, ma chiaramente è complicato riuscire ad essere d'accordo su tutto.


Elementi positivi della separazione consensuale

Una separazione consensuale dà inoltre anche la possibilità di poter ritornare sui propri passi, questo perchè trattandosi di una separazione quasi indolore, molto spesso si presume anche che i due coniugi, avendo raggiunto accordi così difficili senza litigi o altre forme di negatività, non siano effettivamente sicuri di questo passo perché di base c'è ancora un sentimento ad unirli. Sono davvero tanti gli aspetti positivi della separazione consensuale, certo parliamo di un matrimonio fallito, ma allo stesso modo permette di restare tranquillamente amici, tant'è che spesso le coppie inseriscono nel modulo anche la possibilità di fare le vacanze insieme come una vecchia famiglia. Ciò comporta un rapporto migliore con i figli, inoltre si tratta della pratica di separazione più rapida che esista e senza spendere denaro eccessivo, solitamente non ci si affida nemmeno ad un avvocato. La procedura è alquanto semplice, bisogna rivolgersi al Tribunale di residenza con lo stato di famiglia, la nota di iscrizione a ruolo per le cause ordinarie, certificato di residenza di entrambi i coniugi e l'estratto per sunto dell'atto del matrimonio. Si presenta quindi tale domanda al Tribunale in cui sono specificati al meglio tutti i tipi di ruoli che i coniugi svolgeranno una volta separati. Chi quindi avrà la casa, chi la macchina, quante volte a settimana si farà visita ai figli e così via. Fatto ciò bisognerà poi attendere la classica omologazione della seprazione consensuale, in cui praticamente il Tribunale si assicurerà che quanto ciò scritto dai coniugi venga poi realmente realizzato. Prima però della classica udienza per la separazione consensuale, sarà più volte chiesto ai coniugi la volontà di riconciliarsi, in modo da fugare qualsiasi dubbio. Inoltre se, dopo la separazione si ha intenizone di cambiare determinati punti della domanda, si può tranquillamente fare, purché però il Tribunale ne sia a conoscenza.




COMMENTI SULL' ARTICOLO