lordosi fisiologica

Che cos'è la fisiologica lordosi?

Il termine lordosi deriva dal greco antico ed è tradotto in italiano come curvatura, e di curvatura sul piano sagittale infatti si tratta, o meglio di curvature, dato che una lordosi è presente sia a livello lombare che a livello cervicale. Si tratta di curvature a concavità posteriore che si alternano ad altre due, stavolta a concavità anteriore, chiamate cifosi, presenti a livello toracico e sacrale. La fisiologica lordosi presente nella colonna vertebrale umana permette una migliore distribuzione del carico tra i corpi vertebrali e i dischi intervertebrali anteriormente, e le faccette articolari posteriormente. La lordosi lombare si è evoluta consensualmente all'aquisizione della stazione eretta, come fenomeno adattativo alla deambulazione bipede, migliorandone l'efficienza in termini energetici e di spinta.
Colonna vertebrale e curve fisiologiche

RO+TEN - Mentoniera per trazione

Prezzo: in offerta su Amazon a: 18,31€


Come si forma la lordosi fisiologica?

Colonna vertebrale in feto Il bambino alla nascita presenta una sola curva sul piano sagittale, infatti la colonna vertebrale del feto e del neonato nelle prime settimane di vita ha grosso modo la forma di una "C", forma adatta perfettamente allo sviluppo intrauterino. Durante la crescita, si faranno sempre più evidenti le quattro curve che caratterizzano la colonna vertebrale dell'adulto e in particolare la fisiologica lordosi. A determinare le curve contribuiscono la forma a cuneo dei corpi vertebrali e dei dischi intervertebrali, a livello lombare e cervicale infatti i dischi sono più alti anteriormente, mentre i corpi vertebrali sono cuneiformi in senso inverso. Appare oltremodo evidente la prevalenza della genetica nel determinare la fisiologica lordosi e le altre curve e non un'azione meccanica che agisce nel periodo postnatale per effetto della stazione eretta.

  • Trattamento ultrasuoni epicondilite La terapia ultrasuoni si basa sull'utilizzo di vibrazioni acustiche superiori ai 20 KHz, una frequenza molto alta che non viene percepita dall'orecchio umano. In campo medico gli ultrasuoni si ottengo...
  • Robin McKenzie (1931-2013) Il fisioterapista Neozelandese Robin Mckenzie ha iniziato a sviluppare un metodo per curare problematiche inerenti la schiena ed il collo verso la fine del 1950, introducendo una serie di esercizi pas...
  • Ernia del disco e dolore L'ozonoterapia ernia del disco utilizza come agente terapeutico un gas, ottenuto da una miscela di ozono ed ossigeno medicale. L'ozono, la cui formula chimica è O3 fu scoperto nel 1856 ed è composto d...
  • Schiena Il mal di schiena è una patologia che in Italia colpisce più di quindici milioni di persone: almeno una volta nella propria vita chiunque è stato affetto da questo disturbo. A dire il vero, con il ter...

RO+TEN - Trazione cervicale set completo con sacca ad acqua

Prezzo: in offerta su Amazon a: 67,53€


Patologie da aumento o diminuzione della lordosi fisiologica

Il dolore lombare può essere curato La fisiologica lordosi può andare incontro ad un aumento o a una diminuzione della sua curvatura configurando un quadro rispettivamente di iperlordosi e ipolordosi. La tipica e più frequente di questa condizioni, soprattutto nelle donne, è l'iperlordosi lombare, dove si può trovare un angolo di curvatura che raggiunge e supera i 50°. Un individuo che presenta iperlordosi lombare manifesterà una serie di segni e sintomi. Tra i primi possiamo ascrivere addome prominente in avanti e glutei spinti all'indietro, tra i secondi dolore lombare e limitazione della mobilità. Più rara troviamo l'ipolordosi lombare che si caratterizzerà invece per una diminuzione della fisiologica lordosi, quadro questo che colpisce soprattutto individui che fanno vita sedentaria e un lavoro che li costringe a mantenere a lungo la posizione seduta.


lordosi fisiologica: Terapia

Esercizi tratto lombare Le alterazioni della lordosi fisiologica non grave, possono trarre giovamento dall'esecuzione di esercizi mirati, da svolgere sotto consiglio e supervisione di un medico e di un fisioterapista. La ginnastica correttiva si propone di tonificare quei gruppi muscolari a cui è affidato l'equilibrio sul piano postero-anteriore del bacino. Per il trattamento dell'iperlordosi lombare risulta utile un programma che mira alla tonificazione dei muscoli addominali, glutei e muscoli posteriori delle cosce. Anche allungamenti selettivi dei muscoli psoas-iliaci, talvolta ipertrofici, possono favorire un ritorno alla normalità. In caso di Ipolordosi risulteranno utili programmi che prevedono allungamenti della catena muscolare posteriore in prima istanza, cui devono seguire estensioni attive o passive del tronco, in caso di ipolordosi l'esecuzione di esercizi per tonificare gli addominali deve essere eseguita in modo più blando.



COMMENTI SULL' ARTICOLO