Artrosi del collo

Artrosi delle vertebre cervicali

L'artrosi al collo è una malattia degenerativa delle vertebre cervicali. È uno dei disturbi più comuni dell'età matura e coinvolge i dischi intervertebrali e le articolazioni della regione posteriore del collo. La patologia può anche comprimere le radici nervose, irritarle e causare nevralgie cervicali e alle braccia, oltre a vertigini per interessamento del nervo simpatico, legato al centro dell'equilibrio nell'orecchio. L'artrosi cervicale deve essere trattata alle prime manifestazioni, per evitare o almeno ridurre i sintomi più gravi e fastidiosi. La malattia può infatti arrivare a provocare dolori tali da compromettere la qualità della vita, impedendo i semplici movimenti della testa come voltarsi indietro o guardare verso l'alto. Sono fattori di rischio i dismorfismi come scoliosi e ipercifosi, oltre all'età avanzata.
Il dolore alle vertebre cervicali

Glield Cuscino ad Aria per Collo Gonfiabile Trazione Vertebra Cervicale Casa a 3 Strati QYQ01 (blu)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,99€


Le cause e i fattori di rischio dell'artrosi al collo

artrosi cervicale Il naturale invecchiamento delle ossa determina danno alle articolazioni ed alle relative cartilagini e ciò predispone all'artrosi. Infatti si sa che tra il 70 e l'80% delle persone anziane presentano, chi più chi meno, dei segni della patologia. Ci sono comunque anche altre cause, come la postura scorretta del corpo mantenuta negli anni, i lavori molto pesanti (tra cui scaricatori, operai di ditte di traslochi e facchini) e i lavori troppo sedentari, gli sport agonistici che sottopongono a traumi l'alteta (come football americano, arti marziali, rugby, pugilato), attività lavorative che costringono a mantenere posizioni fisse per molte ore al giorno (al computer, ad esempio) ed incidenti che provocano il trauma noto come "colpo di frusta". L'artrite reumatoide è un altro fattore di rischio per l'artrosi cervicale.

  • dolori cervicali La risonanza magnetica è una metodica diagnostica mediante la quale viene utilizzato un intenso campo magnetico e onde di radiofrequenza. La risonanza cervicale esamina la specifica regione della colo...
  • vertebre cervicali evidenziate Quando si parla di colonna vertebrale vengono in mente le quattro zone in cui essa viene divisa: cervicale, dorsale, lombare e sacrale. Ognuna di queste parti sorregge una zona del nostro corpo. Le se...
  • La struttura della colonna vertebrale La colonna vertebrale, chiamata anche rachide o spina dorsale, è una parte fondamentale dello scheletro. È formata da 33 o 34 ossa, dette vertebre, che si articolano tra di loro. A partire dalla base ...
  • Vertebre sacrali dolore Le vertebre sacrali sono quelle che costituiscono la parte finale della spina dorsale, che si trova in basso, collegata al bacino. Le cosiddette vertebre sacrali sono cinque, fuse insieme a formare il...

ISB - Maschera IDRATAZIONE INTENSA PURIFICANTE tnt monouso "Aloe Bio" 25 ml con Aloe Vera e Acqua Termale dell'Isola d'Ischia

Prezzo: in offerta su Amazon a: 4,5€


I diversi sintomi che provoca l'artrosi cervicale

dolore da artrosi del collo L'artrosi al collo è una malattia che provoca forti dolori e tende a peggiorare sempre più negli anni. Quando la degenerazione interessa le prime vertebre della colonna cervicale, il paziente può accusare mal di testa. Quando il problema riguarda invece le vertebre più basse, il dolore può colpire le spalle, le braccia ed anche le mani. Un classico sintomo della patologia è il rumore detto "sabbia nel collo", avvertito durante le rotazioni della testa. Tra gli altri disturbi ci possono essere acufene (ronzio o fischio nelle orecchie), limitazione della mobilità articolare nelle flessioni, estensioni e torsioni del capo e formicolio. In alcuni casi di può avere anche sonno disturbato, disturbi della vista, diminuzione della forza muscolare di spalle e braccia e nevralgia del nervo trigemino.


Artrosi del collo: La diagnosi e la terapia della patologia degenerativa del collo

curare artrosi al collo La diagnosi di artrosi al collo viene eseguita mediante radiografia, TAC, risonanza magnetica o, a volte, anche elettromiografia. La terapia della patologia dipende dalla sua gravità. Nelle forme meno serie si ricorre a farmaci antinfiammatori e antidolorifici per via orale (FANS come ibuprofene e naproxene oppure paracetamolo) mentre se il dolore è molto intenso ed è presente anche infiammazione dei nervi occorre assumere cortisonici (prednisolone e metilprednisolone). In alcuni casi può essere necessario utilizzare dei miorilassanti (come il tramadolo) o iniettare in loco dell'analgesico (ad esempio la lidocaina). Per sostenere il collo è spesso utile l'impiego di un collare, sia di giorno che di notte. Solo nei casi più estremi può essere doveroso l'intervento chirurgico che risolve il problema della compressione sui nervi.



COMMENTI SULL' ARTICOLO