Bulimia

Le caratteristiche generali della bulimia

La bulimia è un disturbo delle abitudini alimentari caratterizzato da pratiche dietetiche scorrette e dannose. Il soggetto spesso ingerisce in modo compulsivo enormi quantità di cibo, soprattutto quello generalmente sconsigliato in una dieta dimagrante, per poi essere assalito da un forte senso di colpa. Per rimediare cerca sistemi per evitare che le calorie siano assimilate e per perdere peso: vomito autoindotto, diete molto rigide, utilizzo smodato di farmaci lassativi e/o diuretici, attività sportiva esagerata. Il paziente bulimico non riesce a valutare il proprio peso corporeo ed il proprio aspetto in maniera obbiettiva e soffre di bassa stima di se stesso, conflitti emozionali e depressione. Sente sempre come inadeguata la propria forma fisica ed eccessiva la percentuale di grasso corporeo.
disturbi bulimia

Vincere le abbuffate. Come superare il disturbo da binge eating

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,15€
(Risparmi 2,85€)


I comportamenti alimentari scorretti del paziente bulimico

disturbi alimentazione La bulimia colpisce soprattutto il sesso femminile, nel 90% dei casi, in particolare le ragazze a partire dai 12 anni e le giovani donne dai 25 anni. Per la paziente stare a dieta dimagrante è motivo di soddisfazione, tranquillità e mantenimento della stima di sé. Tuttavia non riesce ad esercitare un controllo duraturo sull'alimentazione e ricade sovente in episodi di sovralimentazione. I pasti vengono consumati di nascosto e velocemente, per evitare il temuto giudizio degli altri, ma senza gustare veramente il cibo. Il rapporto con gli alimenti è quindi anormale, denso di sensi di colpa, di frustrazione ed aggressività. Questo disturbo psicologico non è diagnosticabile con facilità, al contrario dell'anoressia, la quale porta ad un'evidente e notevole magrezza. La paziente bulimica è invece generalmente di peso normale, oltre che molto discreta sulle proprie abitudini dietetiche.

  • piramide alimentare La piramide alimentare è una vera e propria rappresentazione grafica piramidale che ha al suo interno una struttura precisa sulla quale si basa la dieta adatta ad ogni individuo. Di piramidi aliment...
  • il mirto Il mirto lo si può considerare tranquillamente un alimento, anche se principalmente si tratta di una pianta, detta Mirtys Communis, che è sempreverde e cresce nelle zone del Mediterraneo. Il mirto è p...
  • corretta alimentazione E' importante che il nostro organismo riesca ad assumere tutte le sostanze necessarie al suo corretto funzionamento. Per farsì che ciò avvenga ovviamente bisogna puntare su un'alimentazione che sia qu...
  • acqua L'acqua è fondamentale per la nostra sopravvivenza, nell'alimentazione deve essere sicuramente al primo posto. Se ad esempio possiamo traquillamente vivere quache giorno senza mangiare, ciò non avvien...

Saziare la bulimia: Diario sincero del mio percorso di cura

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,9€


I danni all'organismo provocati dalla bulimia

La bulimia provoca sofferenza Possono essere affette da questa patologia sia donne sedentarie che sportive anche agoniste, come ballerine, ginnaste, nuotatrici, tuffatrici e pattinatrici. In queste attività è infatti importante il mantenimento di un fisico asciutto e leggero. Il disturbo può inoltre colpire le modelle e le indossatrici, le cantanti e le attrici. Le abitudini alimentari scorrette portano la paziente a squilibri elettrolitici. L'alcalosi per scarso apporto di potassio e cloro si verifica in coloro che ricorrono al frequente vomito indotto. L'acidosi metabolica è maggiormente frequente nelle pazienti che utilizzano troppi lassativi. Tra i sintomi ci sono: la sete, la disidratazione, la ritenzione idrica, ferite, segni di denti e calli sulle nocche, debolezza, ciclo mestruale alterato, erosioni dentali, capogiri, aritmie cardiache e funzione intestinale alterata.


Bulimia: I segni distintivi per la diagnosi di bulimia

disturbi alimentari Perché una ragazza o una donna possano essere definite pazienti bulimiche occorre che si verifichino determinate situazioni e che abbiano precise caratteristiche. I principali criteri diagnostici sono i seguenti: - un interesse eccessivo per il proprio peso corporeo e per la forma fisica; - un minimo di due episodi di abbuffate a settimana per un periodo di tre mesi, consumando voracemente esagerate quantità di cibo; - la paziente è cosciente di avere abitudini alimentari scorrette, non riesce a controllarsi durante le crisi bulimiche e ha paura di non avere sufficiente volontà per farlo; - autocommiserazione e depressione dopo l'episodio di iperalimentazione, oltre a dolori addominali, vomito provocato ed isolamento dagli altri; - la paziente consuma alimenti ipercalorici e pesanti e pochi cibi sani; - periodi di dieta molto rigida.



COMMENTI SULL' ARTICOLO