Dieta per calcoli alla colecisti

La colecisti: funzioni e relazioni con gli altri organi

La colecisti, nota anche con il nome di cistifellea, è tra le parti meno conosciute del corpo umano, forse perché la propensione comune tende a non considerarla un elemento fondamentale per il corretto funzionamento dello stesso. Sta di fatto che tutti ne disponiamo e la utilizziamo inconsapevolmente diverse volte al giorno, poiché essa ha un ruolo determinante nel processo di digestione. Molti decidono preventivamente di seguire una dieta per calcoli alla colecisti, in modo da scongiurare ogni problema relativo alla digestione. La cistifellea è un piccolo organo cavo di forma ovoidale del sistema digerente collocato nella parte destra dell’addome, appena sotto il fegato, a fianco del pancreas e dello stomaco. Essa ha il compito di ospitare la bile prodotta dal fegato durante il digiuno per poi iniettarla nel duodeno attraverso il coledoco, un condotto che passa dentro il pancreas. In pratica, funge da vero e proprio serbatoio.
Posizione della colecisti nel corpo umano

La dieta Lemme

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,37€
(Risparmi 2,53€)


Calcoli alla colecisti: sintomi e cause

Il burro, alimento ricco di grassi La colelitiasi è tra i disturbi più comuni relativi alla cistifellea. Può essere asintomatica per diverso tempo, mentre alle volte può sfociare in coliche lancinanti. Se non si segue una dieta per calcoli alla colecisti, i primi sintomi di cui è necessario tenere conto riguardano la cattiva digestione del cibo e possono portare sensazione di gonfiore, bruciore di stomaco, eruttazione e formazione di gas; nausea, spossatezza, costipazione, vomito, alitosi e febbre. La formazione dei calcoli avviene quando la bile diventa troppo densa e satura di colesterolo: i cristalli di grasso, fondendosi tra di loro, formano il calcolo che va ad ostruire i condotti biliari. Sicuramente l’assunzione di cibo troppo grasso costituisce una delle cause d’insorgenza più comuni, così come i digiuni prolungati possono essere rischiosi in quanto il ristagno biliare favorisce l’agglomerazione del calcolo.

  • Calcoli biliari dolore I calcoli alla colecisti, o colelitiasi, sono delle formazioni solide che si formano all'interno della cistifellea. In questo organo, infatti, è contenuta la bile, un liquido che, quando necessario, g...
  • Calcolo biliare Calcoli cistifellea dieta, quale alimentazione seguire se nella cistifellea sono presenti calcoli biliari ? Si scopre di avere i calcoli biliari in maniera casuale. È sufficiente sottoporsi ad un'ecog...
  • Coliciste fegato La coliciste, detta anche cistifellea, è l'organo adibito allo smaltimento dei grassi di origine alimentare (colesterolo). Ciò avviene mediante l'immagazzinamento della bile prodotta dagli epatociti, ...
  • Calcoli alla cistifellea La cistifellea (o colecisti) è un piccolo organo che collabora nel processo digestivo fungendo da magazzino per la bile che viene prodotta dal fegato. Talvolta vi si formano all'interno delle formazio...

ISB - Crema NOTTE RIPARATRICE "Bava" 100 ml - Con Bava di Lumaca e Acqua Termale dell'Isola d'Ischia

Prezzo: in offerta su Amazon a: 26€


Dieta per calcoli alla colecisti

Alimenti sani e preferibili L’alimentazione svolge un ruolo cruciale nella prevenzione della colelitiasi. Seguire una dieta per calcoli alla colecisti è utile anche a chi soffre di questa patologia, poiché riduce il rischio di coliche e le possibilità che la stessa si evolva in disturbi più gravi. Gli alimenti da prediligere sono: pasta, pane, riso, cereali vari integrali e biscotti secchi; carni rosse o bianche sgrassate, pesce azzurro preferibilmente fresco; formaggi magri e freschi, meglio se in sostituzione alla carne; latte e yogurt scremati; frutta non troppo matura e verdura di stagione. È possibile assumere moderatamente delle piccole porzioni di frutta secca, olio extravergine d’oliva spremuto a freddo e poco sale. Evitare alcolici e bevande zuccherate, maionese, dolci, grasso animale come burro, strutto e panna.


Consigli generici

Acqua Esistono delle indicazioni generiche che possono aiutare a modificare le proprie abitudini alimentari in modo da migliorare l’efficacia della dieta per calcoli alla colecisti. È buona norma preferire un’alimentazione a basso contenuto di grassi in modo da limitare la quantità di colesterolo in sangue e bile e ridurre gradualmente il proprio peso corporeo, nel caso ce ne fosse bisogno. Inoltre è consigliabile assumere moderate quantità di cibo diverse volte al giorno, piuttosto che concentrare i nutrienti in pochi pasti abbondanti; aumentare l’apporto di frutta e verdura in modo da facilitare l’attività intestinale e consumare almeno un litro e mezzo di acqua al dì; abolire il tuorlo d’uovo poiché stimola la contrazione della cistifellea e favorisce l’insorgenza di coliche epatiche.




COMMENTI SULL' ARTICOLO