Calcoli alla colecisti cosa mangiare

Calcoli alla colecisti

I calcoli alla colecisti, o colelitiasi, sono delle formazioni solide che si formano all'interno della cistifellea. In questo organo, infatti, è contenuta la bile, un liquido che, quando necessario, grazie alla contrazione della cistifellea, migra nell'intestino per aiutare la digestione. La bile viene sintetizzata dal fegato e normalmente è composta per l'80% da acqua, per il 10% da sali biliari, solo per l'1% da colesterolo e in percentuale inferiore all'1% da bilirubina. Esistono due tipi di calcoli biliari: nel 10% dei casi di colelitiasi si hanno calcoli pigmentati, causati da un eccesso di bilirubina nella bile; questi possono essere bruni o neri. Quando i calcoli pigmentati sono marroni, probabilmente c'è un'infezione della colecisti o delle vie biliari in corso; quando, invece, sono neri il paziente è affetto da cirrosi o malattie emolitiche. Nella maggior parte dei casi, circa l'80%, i calcoli sono causati da un'eccessiva concentrazione di colesterolo nella bile.
Calcoli biliari dolore

Dr. Giorgini Integratore Alimentare, Ribes Nero Gemmoderivato Concentrato Liquido Analcoolico - 100 ml

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,02€
(Risparmi 1,98€)


Calcoli di colesterolo: cause e fattori di rischio

dolori per calcoli colecisti Non è ben chiara la causa dell'eccessiva concentrazione di colesterolo nella bile, causa dei più comuni calcoli alla colecisti. Sono noti, però, fattori di rischio, dei quali, però, non è ben chiara la connessione causale con la patologia. Lo stile di vita incide fortemente sullo sviluppo della malattia, soprattutto se altri membri della famiglia sono affetti da tale patologia. Maggiormente a rischio sono, perciò, gli obesi, ma anche chi è solo in sovrappeso, chi conduce una vita sedentaria, chi segue una dieta sbilanciata, non necessariamente a causa dell'eccessiva presenza di grassi. Anche il diabete aumenta la probabilità di sviluppare calcoli alla colecisti. Le donne di mezza età sono la categoria più a rischio, soprattutto in caso di gravidanza o cure che incidono sui livelli di estrogeni. Anche chi subisce un dimagrimento repentino è a rischio di colelitiasi. È chiaro, dunque, che, in caso di calcoli alla colecisti, cosa mangiare diventa di fondamentale importanza.

  • Calcoli alla cistifellea La cistifellea (o colecisti) è un piccolo organo che collabora nel processo digestivo fungendo da magazzino per la bile che viene prodotta dal fegato. Talvolta vi si formano all'interno delle formazio...
  • Il dolore e l'infiammazione ai reni Chi non ha mai sofferto di colica renale, almeno una volta nella vita, alzi la mano. Spesso, siamo portati a credere che le coliche possano dipendere da un'alimentazione scorretta ma, soprattutto nel ...
  • dolore per calcoli renali I calcoli renali sono fastidiose formazioni solide composte da ossalato di calcio che ostruiscono le vie urinarie fino a raggiungere i reni e le vie escretrici. Comportano difficoltà nella minzione, d...
  • Calcolo biliare Calcoli cistifellea dieta, quale alimentazione seguire se nella cistifellea sono presenti calcoli biliari ? Si scopre di avere i calcoli biliari in maniera casuale. È sufficiente sottoporsi ad un'ecog...

Santiveri Bilixir Vigor - 240 ml

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,5€
(Risparmi 0,7€)


Calcoli alla colecisti cosa mangiare

Cibo calcoli colecisti La concentrazione di colesterolo nella bile, che aumenta in caso di dieta sbilanciata o forte dimagrimento, svolge una funzione decisiva nello sviluppo della colelitiasi. Il colesterolo in eccesso prodotto dal fegato, infatti, ritorna all'organo di origine, che lo impiega nella sintesi della bile. È dimostrato che non esiste un rapporto causale diretto tra ipercolesterolemia e alimentazione ricca di grassi. Sperimentalmente, tuttavia, è noto che una dieta ipercalorica, soprattutto se ricca di zuccheri raffinati e povera di fibre, può portare agli squilibri che causano la calcolosi biliare. Per mantenere stabili i livelli di colesterolo in caso di calcoli alla colecisti, ecco cosa mangiare: non va ridotto l'apporto giornaliero di grassi, che deve mantenersi intorno al 20-30% delle calorie totali, ma vanno prediletti i grassi di origine vegetale piuttosto che quelli di origine animale. L'assunzione di cibi ricchi di omega 3 aiuta a mantenere sotto controllo il colesterolo. È importante assumere fibre e idratarsi sufficientemente, bevendo almeno un litro e mezzo di acqua al giorno e prediligendo cibi ricchi di liquidi. Va limitata, invece, l'assunzione di zuccheri, soprattutto se raffinati.


Sintomi, complicazioni, trattamento

Calcolo che ostruisce dotto biliare L'80% dei casi di calcoli alla cistifellea sono asintomatici. La diagnosi, spesso accidentale, avviene tramite ecografia. A volte, però, possono presentarsi sintomi aspecifici, come nausea e febbre. I calcoli alla colecisti, soprattutto se si incanalano nei dotti biliari, possono dar luogo a dolorose coliche, spesso avvertite sotto la scapola destra o nel quadrante superiore dell'addome. I calcoli possono causare l'ostruzione delle vie biliari o importanti infezioni a carico della colecisti o degli organi correlati, come fegato e pancreas. In questi casi si ricorre alla chirurgia laparoscopica, tramite la quale il medico può anche optare per la rimozione completa della colecisti, la cui asportazione è comunque compatibile con la vita. Se i calcoli hanno dimensioni ridotte, possono essere sufficienti una terapia puramente farmacologica e uno stile di vita sano. In caso di dimagrimento volontario, questo deve avvenire molto lentamente, prevedendo la perdita di massimo un kg a settimana.




COMMENTI SULL' ARTICOLO